April 24 2014 | Last Update on 23/04/2014 20.15.44
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 2 altri utenti online (-1 registrati, 3 ospiti). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest from Music | Musicians | Music Labels | Focus | Music Festivals | CD Reviews | Live Reports | Charts | Music Bibliography | Music News | Music Links
Music - Musicians - Interview | by Emilia Calabria in Music - Musicians on 23/03/2013 - Comments (0)

DRAGAMINE - Bachi da Pietra from SUSHI ADV. on Vimeo.

 

 
 
 
Bachi Da Pietra

Since 2005 Giovanni Succi (formerly Madrigali Magri) and Bruno Dorella (formerly Wolfango, currently Ronin and OvO) have been dredging the musical scene as Bachi Da Pietra (Stoneworms). With four rock-blues studio album, a live one – Insect Tracks, religiously recorded using vintage instruments only – and the split with Massimo Volume under their belts, they’re making their comeback in 2013 with Quintale, recorded and mixed fully analogically by Giulio Ragno Favero. In this interview, together with the Bachi Da Pietra, we’ll revisit the Tornare Nella Terra and Quarzo years; we’ll touch upon the band’s most iconic collaborations, their lyrics and the “makeover” that seems to be the leitmotiv of their new album: a glaring metamorphosis, even to the dumbest ear. Or not.

 
 

SA: From Tornare nella terra to Quarzo, a five-year path between the thoughtful and shaky notes of a post-nuclear blues guitar and an essential drum set, a true war machine in motion striking skins and cymbals… Would you tell us about this journey?
GS: A path made of steps. And I’ll tell you that, despite being a war machine, we were crushed just right everywhere, live on stages all over Italy. We play following the same dynamics we use in our records; most people do not accept this listening proposal and talk. Their voices overwhelm us, they crush us just as you can crush an insect. But this is part of the game: Bachi Da Pietra (Stone Worms) also accept to succumb, they won’t be the first to attack. We have given ourselves five years and I would say that, according to numbers, we have lost. Now we’re changing our tune.

SA: How are you supposed to do it?
GS: Human beings whose auditory system is connected and in tune with ours will be able to hear it. The others won’t lose anything.
You make me think, if I may, of a sentence someone wrote a while ago, in a review of Tarlo Terzo. He looked like an expert, brilliantly attributing all his certainties to us as if they were granted. After this exercise he ended disappointedly, noting (after some long and exhausting listenings) that nothing happens in our records.
That’s it: please note that all that nothing is exactly what we are. But this time even that guy could realize that something’s going on. Maybe.

SA: Why the lyrics order inside the booklet does not coincide with Quarzo’s tracklist?
GS: I suggested Mirko Spino, who took care of the page layout, to arrange them in an order that would make his work easier, without caring about the succession of songs. Moreover, the sequence conceived by the author, who mounts songs as sequences of a film, is increasingly frustrated by MP3 listening. Perhaps I’m trying to resign myself to the fact that all of a band’s production will perhaps be represented by a single random track inside a playlist as vast as the sea, through the cheap laptop speakers of some distracted listener. We might as well begin to disrupt the lyrics sequence. Will it be like this for all of us? Without a story and without a context? Yet we live and this makes a story and a context.

SA: Why did you choose to publish Quarzo’s lyrics with a parallel English translation? Have you ever thought of reinterpreting your songs in a foreign language?
GS: I would if anyone asked me to. The fact that my language is Italian doesn’t mean I’m not open to other languages. With the exception that if I write, I write in mine. Lyrics have their universal value and I liked the idea of a good English rendition of them, which makes the reissues of our first three albums by Santeria/Audioglobe even more attractive. As luck would have it, I met Letizia Merello, writer and translator who extraordinarily offered to play the game in the most serious and fun way possible (the way a game should be played). I took advantage of this opportunity with pleasure. In the end, lyrics in English will be useful for the many Italian listeners who are now struggling to grasp the meaning of the Italian passages. Reading the simplified version in English will help them.

SA: Time, Life and Death in Quarzo: how would you explain the link between these three themes to our readers?
GS: Life has a time span then you die. Time goes on, we don’t. Others remain temporarily. Life is everyone’s meanwhile. And so on.

SA: After Seme Nero, the metaphor of inscription to describe the act of writing and producing a work of art comes back in Bignami, with inter-textual references ranging from the trobar clus to Gloria in excelsis Deo. Bignami’s questions about the purpose of life and its “chanting rhythm” also remind me of Leopardi’s Night song of a wandering shepherd of Asia. The dialogue results in a soliloquy, and questions remain unanswered. Would you tell us about your conception of language and the quest for communication that drives the song?
GS: The question is first addressed to stars, then to the “beautiful souls”, so it shifts from the sidereal level to the earthly one (“without lifting from the ground”). In fact, it’s human “beautiful souls” who have “hard, obtuse, deceived” ears, not stars. Who are the beautiful souls? They are those people (the majority) that already have the answer to any question in their pocket. We don’t even have one answer, because we’re bugs, and we love, we adore, we bless (as gods) those souls and (quiet) we sing to them. What? All of our worthless and vast world, told in our closed lines (double meaning: the one you read and the literal one, that is the closed world we find) to their ears that don’t perceive all this useless weaving, because the sound of living things is too subtle and most people don’t get it. They prefer (and perhaps they’re right to) high-sounding false things. It’s our fate to go missing. That’s all.
Hey, you don’t even know how I hoped that someone would notice the similarities with Leopardi’s Night song. Thanks, I’m touched.

SA: “What they say is not true/ that he’s stunning and subtle/ do you know Lucipher/ he’s in the bathroom mirror/ his anonymous look/ as it appears/ boredom sickness/ the ordinary evil”… Lucifer locked himself in the bathroom to cry like Christ, “a plaster cast” in G. Caproni’s poem?
GS: You don’t know how I hoped someone would see the similarities with Caproni! Thank you for avoiding to mention the usual clichés of the beat generation today’s bloggerjournalists are so keen on. But maybe here (...maybe just here) there’s little or no direct reference to Caproni (still he remains one of my masters). Nobody’s crying here. I was interested in focusing on the simple banality of evil. On how elementary and dull and so well-known it is in its dynamics. On how seemingly insignificant is the abyss that attracts us. Daily and anonymous, nothing extraordinary, it’s there at your fingertips. And you are Lucipher. The brightest star that can cast the darkest shadow. Like all things, even evil (however great it may become) has humble origins. It’s small when it comes to the world. It has to be recognized and seen: you don’t need a magnifying glass, you need a mirror. The most usual mirror in your home is fine.

SA: Since we’re talking about literary references, the name Bachi Da Pietra, along with song lyrics, evokes a poetic line ranging from the refined roughness of Dante’s stone rhymes to Giovanni Giudici’s lowered sublime. Perhaps the insect and worm images refer to Guido Gozzano and the frail resistance of his butterflies? And to what extent the image of roaches has been affected by Tommaso Landolfi’s suggestion?
GS: You really nailed it, you mentioned three authors of verses I’m deeply fond of, who have certainly set my style and my imagination. I don’t know Landolfi so well, as I’m generally less familiar with prose; in fact, I have no idea of the passage you refer to. To write “one”, you must have read at least “a thousand”. But “a thousand times a thousand” still remains unexplored. Life is one, our eyes are two... we remain ignorant due to mathematical reasons. A kind of rhabdomancy moves us towards the things we are more prone to. But who knows how many are they? We’ll never do.

SA: Your refusal of society, of its man-to-man competitiveness, of the inability of the individual to be self-respectful, of the battle of the have-nots at its most, is clear in many of your lyrics. What is your vision of the future considering all this?
GS: My friend, what you attribute to me it is your legitimate personal and sociological interpretation of what I write. I suppose you like it that way and that’s fine. But I have never written that I reject society, I may have implied it, which is the result of every individual’s responsibility, without exception. Nothing shocks me as I get to know mankind and I’ll never tear my clothes for no reason. I observe and learn, even from the worst things. I don’t stand, as many love to do, as the champion of righteousness or the huckster of the day, showing them the way of wisdom, which obviously corresponds to the huckster’s way. But apart from that, if I’m pointing my finger, I’m pointing it to myself. If no one changes his way of living, life in general does not change. I have changed my life and intend to continue. It’s too easy to blame an abstract society: who is society? Society is me, it’s you: I don’t reject you at all. And if society is also me, I’ll do my part as I think it should be done. I describe to understand, not to deny. If you ask me, I’ll tell you I don’t reject anything of the present, past and future. Simply because rejecting is useless. We’ll deal with all the futures we began to sow at the beginning of our days. Change the seeds if you don’t like the crops.

SA: The way you obtain such a complete, unique sound with just a tom, snare and ride is striking. How did you work on that?
BD: I’ve been working on this set for years. Tom, snare, ride. I began in a very unconscious way with Wolfango, I’ve refined it over the years with OvO, then I created a tailor-made variant with brushes, bamboo sticks and clappers for Bachi Da Pietra. It’s a set that brings out my minimal-tribal approach to percussions, but the outcome can be very refined as well. I work on tuning and skins selection, as well as on the use of microphone amplification, where possible.

SA: I know you have a great relationship with hardcore punk, and you have written your thoughts on the anarcho-punk movement for SuccoAcido. Do you think crust and grind have, let’s say, “torn apart” today’s scene?
BD: The little good that exists in the contemporary hardcore-punk scene comes just from crust and grind. The extreme commercialization of punk disgusts me, as well as the hardcore scene’s rampant male chauvinism. Crust keeps its “Crass-esque” attitude, which is the true identity of punk to me, while grind takes its relationship with metal to the utmost.

SA: You said Quarzo is your pop record. How does Bachi Da Pietra’s pop music sound like?
GS: Not like Baustelle’s, but rather like Bachi Da Pietra’s, since we are Bachi Da Pietra; those who expected another type of pop will be greatly disappointed. That being said... BDP’s pop is basically like Quarzo. That is? Different from Tornare nella Terra and Non Io. In other words, the evolution of Tarlo Terzo.
It’s not us who should be putting those things down in black and white. If you’re willing to tell, that would be definitely more interesting for everyone: we’re those who gave birth to the songs, everyone should have their say.

SA: Have you had other production offers, besides the one from Wallace?
GS: Yes, Santeria, one of the Audioglobe family’s labels, produced Quarzo and the first two album’s reissues.

SA: Your split EP with Massimo Volume was released in April by La Tempesta. Would you tell us about this collaboration?
GS: It is matured in the wake of enthusiasm left on the boards of many stages around Italy. We have opened a dozen concerts for them and the spark was triggered in each other after the first. When they came up with this idea, actually aired in the beginning by a certain hieratic feline known as Chris from Bronson (sphinx-like and kind-hearted evil genius), it was so good we couldn’t believe it. Not only the split with an unreleased track, but a cover from each other: we found it pretty cool. When we heard their version of Morse we had bright eyes. Elegance. Some ghost from Portishead I’m deeply related to hovers over it like a scent of spices in the dark.
We decided which of their songs we would have made ours almost immediately; it was also the first that got really stuck in my mind from the beginning of the tour: Litio. We courted other songs as well, Cattive Abitudini is basically a singles galore, there’s enough to be spoilt for choice. But we returned to Litio.

SA: What about the clip for the song Notte delle blatte, directed by Graziano Staino?
GS: Another gift of chance. Graziano wrote us saying he had been looking so long for a soundtrack for one of its videos and that he hadn’t found the right solution yet, adding that Notte delle Blatte seemed perfect to him, and so it seemed to us. We got another much appreciated video contribution from Giordano Viozzi, on Dragamine. Except for the colossal work done by Luigi Conte and Rizoma Film for Insect Tracks (the DVD that comes with the LP) and some videos on YouTube with live footage by FantomaticAgency, Bachi Da Pietra haven’t produced any official music video yet.

SA: Another special encounter was the one with Giordano Viozzi, author and director of Dragamine’s videoclip, culminating in a live performance...
GS: I must admit that we are really lucky: all persons entering the orbit of the Bachi give us something special. Giordano has been very resourceful, he crafted a video on one of our songs from scratch, all by himself. Another “worm-crazed” person, to whom we are truly grateful.

SA: Some personal view on the current music scene in Italy and abroad…
GS: I’d rather not say anything on the foreign scene, I have a partial vision and little direct experience. But, as I’ve been performing around Italy since 2005, I may have formed an opinion on the field. First, there’s a scenario: it’s a country for old people. If you have a project it’s not easy to get through: as a rule of thumb, you should be able to keep it alive for about 15-20 years. If you survive, people begin to take you a little more seriously. As for the scene, to me the stage is the real scene, the real school. All the rest is homework. The genre doesn’t matter, as far as it is convincing. As chance would have it, Italian bands with something to say and everything they need to say it, not immature and not yet overdone, are more than ever, I believe. Take the concert calendars. Judge them live. Step out of your homes. Meet. Talk. Listen to one another.

SA: Any ongoing projects?
GS: We just finished working on our next album with Giulio Ragno Favero. We did it all on tape. The result looks interesting. Despite the tough fights on some points - Bruno and him came to blows, and separating them was no easy task - I must say that the music rocks. That guy who played in my place knows a lot about guitar, and even Favero’s random solutions (“... all knobs up, all knobs down, a bit up, a bit down”) gave unexpected results in the end. The climate was unbearable, and the record was affected by the tension of those days we spent at the Sauna Studio. The temperature was steady on 116 °F and there was no way to talk Andrea Cajelli into at least turning the steam off. We all tried to explain, but for him it was one and the same with a Turkish bath. You could not see anything, but the main issue was continuous dripping, which was not that great with electric shocks. So there was a lot of tension in the air. On those occasions, Giulio has been extraordinarily professional: I had never seen anyone fighting with his girlfriend at those temperatures. At some point Arrington De Dionyso came up, I guess he played the pan pipes. With his cloven hoof he left deep cuts on the studio’s parquet, right in the middle of the passage. Giulio will also have to pay for that, which perhaps got him upset. Giulio, like Bruno, is short-tempered. My memories of those days are opaque. During the recording I went a little off my head and started hearing voices. I felt the presence of the spirit of some Elvis impersonator who thought he was Lemmy, telling me exactly where to hit. Then I cooled off and listened. I like it, but now even Sinatra won’t answer my phone calls. However, we will get the best of it once again in the end and finally start our tour in 2013. Barbera will flow, MILFs will flock and our tension will be relieved. Provided we can find the tapes, the record will be released in January by La Tempesta and on vinyl by WoodWorm. We drained Wallace for years, but luckily the scene is huge...we would have split up a long time ago but for all the money the labels pay us to give a real semblance to this farce. The war report is on www.bachidapietra.com

 
Bachi Da Pietra

Dal 2005 Giovanni Succi (ex Madrigali Magri) e Bruno Dorella (ex Wolfango, attualmente Ronin e OvO) scavano nella scena musicale con il nome Bachi Da Pietra. Dopo quattro album rock-blues all’attivo, un live in teatro - Insect Tracks, registrato esclusivamente con strumentazione vintage -  e uno split con i Massimo Volume, tornano nel 2013 con Quintale (WoodWorm, La Tempesta Dischi), inciso e mixato completamente in analogico da Giulio Ragno Favero. Vi proponiamo la nostra intervista in cui ripercorriamo con i Bachi Da Pietra gli anni dall’uscita di Tornare Nella Terra a quella di Quarzo, le collaborazioni più significative della band e i temi delle liriche di Giovanni Succi, fino al “cambiamento di registro” che caratterizza il nuovo album. La metamorfosi apparirà evidente anche all’orecchio più duro. Forse.

 
 

SA: Da Tornare Nella Terra a Quarzo un percorso durato 5 anni, tra le note riflessive e barcollanti di una chitarra blues post-nucleare e una drum essenziale, con una macchina da guerra in marcia che colpisce pelli e piatto... Ci parlereste di questo cammino?
GS: Un cammino fatto di passi. E ti dirò che per essere una macchina da guerra siamo stati ben schiacciati ovunque, dal vivo sui palchi di tutta Italia. Suonando con le dinamiche che usiamo sui dischi la maggior parte delle persone non accetta la proposta di ascolto e parla. Le loro voci ci sovrastano, ci schiacciano come si possono anche schiacciare gli insetti. Ma questo sta nel gioco: i Bachi Da Pietra accettano anche di soccombere, non ti aggrediscono per primi. Ci siamo dati cinque anni e direi che stando ai numeri abbiamo perso. Ora cambiamo registro.

SA: Come intendete cambiare registro?
GS: Gli umani dotati di apparato uditivo, connesso e in sintonia col nostro, saranno in grado di sentirlo. Gli altri non si perdono niente.
Mi fai venire in mente, se posso, la frase di un tale, tempo fa, in una recensione credo di Tarlo Terzo. Aveva l’aria dell’esperto, ci attribuiva brillantemente come ovvie delle certezze tutte sue. Dopo questo esercizio chiudeva deluso, constatando (per lunghi e faticosi ascolti) che nei nostri dischi non succede niente.
Ecco: fai conto che tutto quel niente, siamo e rimaniamo esattamente noi. Ma a questo giro anche quel tale si potrebbe accorgere che qualcosa si muove. Forse.

SA: Perché l’ordine delle liriche, all’interno del libretto cd, non coincide con quello della tracklist di Quarzo?
GS: Ho suggerito a Mirko Spino, che ne ha curato l’impaginazione, di disporle in un ordine che gli facilitasse il lavoro, senza curarsi della successione dei brani. Del resto la sequenza disposta dall’autore che monta i brani come le sequenze di un film viene sempre più vanificata dall’ascolto in MP3. Sto forse cercando di rassegnarmi al fatto che di tutta la tua produzione passerà magari una singola traccia casuale in una playlist vasta come il mare nelle cassette da due soldi di un ascoltatore distratto. Possiamo pure cominciare a scompaginare i testi. Diventeremo tutti così? Senza una storia e senza un contesto? Eppure siamo vivi e questo produce storia e contesto.

SA: Perché la scelta di pubblicare i testi di Quarzo con traduzione inglese a fronte? Hai mai pensato di reinterpretare i brani in lingua straniera?
GS: Se qualcuno me lo proponesse lo farei. Il fatto che la mia lingua sia l’italiano non mi rende chiuso alle altre lingue. Solo che se scrivo, scrivo nella mia. I testi hanno una loro valenza universale e mi piaceva l’idea di tentare di renderne conto con una valida traduzione inglese, che rende anche più appetibile la ristampa dei primi tre album a cura di Santeria/Audioglobe. Poi la fortuna mi ha fatto incontrare Letizia Merello, scrittrice e traduttrice, che si è prestata straordinariamente al gioco nel modo più serio e divertente possibile (così come un bel gioco deve essere). Ne ho approfittato con piacere. Infine i testi in inglese saranno utilissimi ai tanti italiani che fanno ormai fatica a cogliere i passaggi dell’italiano. Potranno aiutarsi leggendo la semplificazione in inglese.

SA: Il Tempo, la Vita e la Morte in Quarzo: come spiegheresti il legame tra questi tre temi ai nostri lettori?
GS: La vita ha un tempo poi si muore. Il tempo prosegue, noi no. Restano altri, temporaneamente. La vita è quel frattempo di ognuno. E così via.

SA: Dopo Seme Nero, in Bignami torna la metafora dell’iscrizione per indicare l’atto di scrivere e produrre arte, tra riferimenti intertestuali che spaziano dal trobar clus al Gloria in excelsis Deo. Le domande sullo scopo della vita e il “ritmo salmodiante” di Bignami mi richiamano alla mente anche il Canto notturno di un pastore errante dell’Asia di Leopardi. Il dialogo si risolve in un soliloquio e le domande non ottengono risposta. Ci parleresti della tua concezione del linguaggio e della ricerca di comunicazione che anima il brano?
GS: La domanda è rivolta prima alle stelle, poi alle “anime belle”, quindi si scende da un piano siderale a uno terrestre (“senza staccarsi dal suolo”). Sono infatti le umane “anime belle” ad avere orecchio “duro, ottuso, illuso”, non le stelle. Chi sono le anime belle? Sono quelle persone (la maggior parte) che hanno già la risposta in tasca per qualsiasi domanda. Noi – che risposte non ne abbiamo neanche una, perché siamo insetti – queste anime le amiamo, le adoriamo, le benediciamo (come divinità) e a loro noi (zitti) cantiamo. Che cosa? Tutto il nostro infimo e vasto mondo che raccontiamo nel nostro trovar chiuso (doppio senso: uno l’hai colto, l’altro è letterale ossia il mondo che noi troviamo chiuso) al loro orecchio che non sente tutto questo inutile tessere, perché il suono vero delle cose vive è troppo sottile e i più lo perdono. Preferiscono (forse giustamente) roboanti cose false. Andare persi è il nostro destino. Tutto qui.
Ehi, non sai quanto avevo sperato che qualcuno cogliesse le assonanze con il Canto notturno di Leopardi. Grazie, ne sono commosso.

SA: “non è vero quel che dicono/ che sia splendido e scaltro/ conosci Lucifero/ è nello specchio del bagno/ l’aria anonima/ così come appare/ nausea da noia/ il male normale”… Lucifero si è rinchiuso in bagno a piangere come Cristo, “una statua di gesso”, nella poesia di G. Caproni?
GS: Non sai quanto avevo sperato che qualcuno cogliesse le assonanze con Caproni! Grazie per non aver scomodato i soliti luoghi comuni della beat generation tanto cari all’odierno giornablogghismo musicale. Ma forse qui (...forse solo qui) Caproni c’entra poco o non direttamente (rimane pur sempre un mio maestro). Qui non piange nessuno. Mi interessava concentrare l’attenzione sulla semplice banalità del male. Su quanto sia elementare e ottuso e arcinoto nelle sue dinamiche. Su quanto sia insignificante in apparenza l’abisso che ci attrae. Quotidiano e anonimo, niente di straordinario, è lì a portata di mano. E tu sei Lucifero. La stella più luminosa che può produrre l’ombra più scura. Come tutte le cose, anche il male (per grande che possa diventare) ha umili origini. Nasce piccolo. Va riconosciuto e visto: non serve una lente, serve uno specchio. Lo specchio più usuale e quotidiano di casa va benissimo.

SA: Per restare nell’ambito dei riferimenti letterari, il nome dei Bachi Da Pietra nonché i testi dei brani rievocano una linea poetica che passa dall’asprezza ricercata delle rime petrose dantesche fino al sublime abbassato di Giovanni Giudici. L’immagine dell’insetto e del verme rimanda forse anche alla fragile resistenza delle farfalle di Guido Gozzano? E in quella delle blatte, quanto ha influito la suggestione di Tommaso Landolfi?
GS: Ci hai azzeccato in pieno, hai nominato tre autori di versi che ho frequentato a fondo e che hanno sicuramente segnato il mio stile e il mio immaginario. Landolfi lo conosco meno, come in generale di prosa mastico meno e infatti non ho idea del passo al quale ti riferisci. Per scrivere “uno” devi aver letto almeno “mille”. Ma resta sempre un “mille volte mille” di inesplorato. La vita è una; gli occhi due... Si rimane ignoranti per questioni matematiche. Una specie di rabdomanzia ci muove verso le cose che ci sono più inclini. Ma chissà quante lo sono e noi non lo sapremo mai.

SA: In molti testi è chiaro il tuo rifiuto della società odierna basata sulla competitività uomo a uomo, dell’incapacità dell’individuo a rispettare se stesso, della guerra dei pezzenti arrivata all’apice. Che visione hai del futuro di fronte a tutto questo?
GS: Amico mio, quello che mi attribuisci è una tua personale e legittima interpretazione in chiave sociologica di quello che scrivo. Sarà che a te piace così e va bene. Ma io non ho mai scritto di rifiutare la società, posso aver detto implicitamente che è il risultato della responsabilità di ogni singolo individuo, nessuno escluso. Nulla mi scandalizza conoscendo l’uomo e non mi straccio le vesti per nessun motivo. Osservo e imparo anche dalle cose peggiori. Non mi ergo come molti amano fare a paladino del giusto o imbonitore di folle per indicare loro la via della saggezza, che ovviamente coincide sempre con quella dell’imbonitore di turno. Ma a parte questo, se punto un dito lo punto su me stesso. Se nessuno cambia vita, la vita in generale non cambia. Io ho cambiato la mia vita e intendo continuare. È troppo facile accusare sempre in astratto la società: chi è la società? La società sono io, sei tu: non ti rifiuto affatto. E se sono anche io, faccio la mia parte come ritengo vada fatta. Descrivo per comprendere, non per negare. Se me lo chiedi ti dirò che non rifiuto nulla del presente, del passato e del futuro. Semplicemente perché rifiutare è inutile. Faremo i conti con tutti i futuri che abbiamo cominciato a seminare all’inizio dei nostri giorni. Cambiate la semina se non vi piace il raccolto.

SA: È impressionante come soltanto timpano, rullante e ride possano dare una sonorità così completa e unica. Come hai lavorato sui suoni?
BD: Lavoro da anni su questo set. Timpano, rullante, ride. Ho iniziato in maniera molto inconsapevole coi Wolfango, l’ho affinato negli anni con gli OvO, e gli ho creato una variante ad hoc con spazzole, bamboo sticks e batacchi per i Bachi Da Pietra. È un set che tira fuori la mia indole minimal-tribale alle percussioni, ma allo stesso tempo può giungere a soluzioni di classe. Lavoro sulle accordature e sulla scelta delle pelli, ed anche sui microfoni da usare per amplificarla, laddove possibile.

SA: So che hai un ottimo rapporto con il punk hardcore, e hai scritto su SuccoAcido le tue riflessioni sul movimento anarco-punk. Secondo te il crust e il grind hanno - diciamo - “lacerato” la scena di oggi?
BD: Quel poco di buono che c’è nella scena punk-hardcore contemporanea viene proprio dal crust e dal grind. La commercializzazione estrema subita dal punk mi disgusta, così come il machismo dilagante nella scena hardcore. Il crust mantiene l’attitudine “crassiana” che è per me l’identità vera del punk, mentre il grind radicalizza il rapporto col metal.

SA: Avete definito Quarzo il vostro disco Pop. Com’è il Pop dei Bachi Da Pietra?
GS: Non come quello dei Baustelle, ma piuttosto come quello dei Bachi Da Pietra, essendo noi bachi da pietra; chi si aspettava un pop diverso dal nostro, sarà un bel po’ deluso. Detto questo... Il pop dei BDP è praticamente come Quarzo. Cioè? Cioè diverso da Tornare Nella Terra e da Non io. Cioè l’evoluzione di Tarlo Terzo.
Non dobbiamo essere noi a spiegare queste cose, nero su bianco. Se a te va di raccontarle è sicuramente più bello per tutti: noi li abbiamo messi al mondo, ciascuno dica la sua.

SA: Avete avuto altre proposte di produzione oltre che dalla Wallace?
GS: Sì, Santeria, etichetta di casa Audioglobe, si è occupata di Quarzo e delle ristampe dei primi due album.

SA: Ad aprile è uscito il vostro split EP con I Massimo Volume, su La Tempesta. Ci parlereste di questa collaborazione?
GS: È maturata sulla scia degli entusiasmi lasciati sulle assi di molti palchi in giro per l’Italia. Abbiamo aperto una decina di loro concerti e la scintilla reciproca è scattata dopo il primo. Quando ci hanno proposto questa idea, per la verità ventilata in principio da un certo felino ieratico noto come Chris del Bronson (sfingeo e benigno genio del male), non ci pareva vero. Non solo lo split con un inedito, ma una cover reciproca ci è parso veramente fico. Quando abbiamo ascoltato la loro versione di Morse avevamo gli occhioni lucidi. Eleganza. Qualche fantasma a me caro dei Portishead aleggia in quel pezzo.
Noi decidemmo quasi subito la loro canzone da far nostra, che fu anche la prima che mi si stampò prepotentemente nel cervello dall’inizio del tour: Litio. Abbiamo poi fatto il filo anche ad altre, Cattive Abitudini è praticamente una sfilza di singoli, c’era solo l’imbarazzo della scelta. Poi siamo tornati a Litio.

SA: E in merito al videoclip del brano Notte delle blatte, diretto da Graziano Staino?
GS: Altro dono del caso. Ci scrisse Graziano dicendo che cercava da tempo una base per un video realizzato tempo prima, per il quale non aveva ancora trovato la soluzione giusta, e che Notte delle Blatte gli sembrava perfetta, noi gli abbiamo dato l’OK. Abbiamo anche ricevuto un altro graditissimo contributo video da Giordano Viozzi, su Dragamine. Se si escludono il mastodontico lavoro fatto da Luigi Conte e Rizoma Film su Insect Tracks (il DVD che sta nell’LP) e alcuni video presenti su YouTube con riprese live a cura di FantomaticAgency, i Bachi Da Pietra non hanno prodotto, ad oggi, videoclip ufficiali.

SA: Un altro incontro speciale è stato appunto quello con Giordano Viozzi, ideatore e regista del videoclip di Dragamine che culmina in una vostra performance live…
GS: Devo ammettere che siamo veramente fortunati: tutte le persone che entrano nell’orbita dei Bachi ci regalano qualcosa di speciale. Giordano è stato molto intraprendente, ha fatto tutto da solo confezionando da zero un video su di una nostra canzone. È un altro gran bacato, gli siamo veramente grati.

SA: Qualche personale considerazione sull’attuale scena musicale in Italia e all’estero…
GS: Sull’estero non mi pronuncio, ne ho poca esperienza. Sull’Italia invece, essendo in giro per concerti dal 2005, mi son fatto una mia opinione. Prima di tutto c’è uno scenario: ...è un Paese per vecchi. Se hai un progetto non te la cavi facilmente: in genere devi riuscire a tenerlo vivo quei 15-20 anni. Se sopravvivi a questo cominci a essere preso un po’ più sul serio. Quanto alla scena, per me la scena, la vera scuola, è il palco. Tutto il resto sono compiti a casa. Non importa il genere, purché sia convincente. Di gruppi italiani con qualcosa da dire e tutto quel che serve per dirlo, non ancora bolliti e non più acerbi, ce ne sono in circolazione. Prendete i calendari dei concerti. Giudicateli dal vivo. Uscite dalle vostre case. Incontratevi. Parlatevi. Ascoltatevi.

SA: Progetti in corso?
GS: Abbiamo appena finito i lavori del prossimo album con Giulio Ragno Favero. Abbiamo fatto tutto su nastro. Il risultato sembra interessante. Nonostante gli scontri duri su alcuni punti, lui e Bruno sono venuti alle mani e dividerli non è stato facile, devo dire che la musica spacca. Quel tale che suonava al mio posto ne sa di chitarra, e anche le soluzioni random di Favero (“...tutti i pomelli su, tutti i pomelli giù, un po’ su un po’ giù”) alla fine hanno dato risultati inattesi. Il clima era insostenibile e il disco risente delle tensioni di quei giorni trascorsi alla Sauna Studio. C’erano 47°C fissi e non c’è stato verso di convincere Andrea Cajelli di sospendere almeno il vapore. Abbiamo provato tutti a spiegarglielo, ma non faceva nessuna distinzione col bagno turco. Non si vedeva niente, ma più che altro, grondando di continuo, le scosse di corrente non erano il massimo. Quindi eravamo tutti un po’ tesi. In quei frangenti Giulio si è rivelato un professionista straordinario: non avevo mai visto nessuno litigare con la fidanzata a quelle temperature. Ad un certo punto c’era Arrington De Dionyso che credo abbia suonato il flauto di Pan. Col piede caprino ha inciso pesantemente il parquet dello studio, proprio in mezzo al passaggio. Giulio pagherà le spese anche di quello, il che forse deve averlo irritato. Giulio, come Bruno, è facile all’ira. Ho un ricordo opaco di quei giorni. Durante le registrazioni sono uscito un po’ di testa, sentendo le voci. C’era come lo spirito di un sosia di Elvis che si credeva Lemmy, che mi diceva esattamente dove colpire. Ho poi riascoltato a freddo. A me piace, ma ora anche Sinatra mi si nega al telefono. Comunque, alla fine avremo superato anche questa faccenda e partiremo finalmente per il tour nel 2013. Fiumi di Barbera e di MILF allevieranno le tensioni. Se riusciamo a ritrovare i nastri, uscirà anche il disco a gennaio per La Tempesta e in vinile per WoodWorm. Meno male che la scena è ampia, dopo aver prosciugato per anni la Wallace... Il gruppo si sarebbe sciolto da tempo se non fosse per tutti i soldi che ci pagano le etichette per dare una parvenza reale a questa farsa. Il bollettino di guerra è su www.bachidapietra.com

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

Pen: Emilia Calabria, Gianluca Vitale
English translation: Letizia Merello

Link:
http://www.bachidapietra.com/

http://www.myspace.com/bachidapietra

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from Emilia Calabria 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
Bachi Da Pietra: Giovanni Succi e Bruno Dorella (foto © Gabriele Spadini)
............................................................................................
foto © Gabriele Spadini
............................................................................................
foto © Gabriele Spadini
............................................................................................
foto © Gabriele Spadini
............................................................................................
foto © Gabriele Spadini
............................................................................................
foto © Gabriele Spadini
............................................................................................
SUCCOACIDO DISTRIBUTORS

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
Join SuccoAcido on the web.
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
SuccoAcido Art Gallery.
 
SuccoAcido Comics Gallery.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
PARTNERS
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR