April 24 2014 | Last Update on 23/04/2014 20.15.44
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 2 altri utenti online (-1 registrati, 3 ospiti). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest from Music | Musicians | Music Labels | Focus | Music Festivals | CD Reviews | Live Reports | Charts | Music Bibliography | Music News | Music Links
Music - Music Labels - Interview | by SuccoAcido in Music - Music Labels on 27/02/2012 - Comments (0)
 
 
 
fratto9 under the sky records

fratto9 under the sky takes its name from the title of a song composed by Al Aprile, my uncle, that song was included in a sampler he assembled about thirty years ago and titled “Matita Emostatica”. Fratto9 is an homage to improvised/ free music, music with no border, with no specific genre and basically music far from POPular one. This label also represents an archive of a small portion of the underground world with its many multi-coloured and juicy fruits.

 
 

Gianmaria Aprile is the guitar player of an instrumental band named “Ultraviolet Makes me Sick”; come from the provinces, he reached Italian indie scene and even the other side of the world, the far Australia, where far-sighted Camera Obscura records noticed the band and produced their first two records. He’s the owner of Fratto9underThe Sky records, and he’s an active member of Luminance Ratio. He attended several courses of “soundpainting” (the live composing sign language created in 1974 by New York composer Walter Thompson for musicians, dancers, actors, poets, and visual artists -www.soundpainting.com) with an orchestra called “Il Resto Del Gruppo”. Since 2010 he has been taking part in “Pipeline Trio”: an impro-free-jazz trio with Giancarlo “Nino” Locatelli (bass clarinet) and Simone Fratti (doublebass). After studying at International Music Academy in Milan, he worked like sound engineer with a lot of bands (in tour with RUNI, A Toys Orchestra, Franklin Delano, he’s a resident engineer for Novara Jazz Festival and has worked with William Parker, Michael Nymann, Trilok Gurtu, Rova Quartet, Umberto Petrin, Hypnotic Brass Ensemble for Radio3 Rai). He has conceived and launched the independent festival TagoFest, which he still manages. TagoFest has been involving more than 60 Italian bands and 50 labels, in collaboration with TagoMago venue.

“fratto9 under the sky takes its name from the title of a song composed by Al Aprile, my uncle; that song was included in a sampler he as-sembled about thirty years ago and titled “Matita Emostatica”. Fratto9 is an homage to improvised/free music, music with no border, with no specific genre and basically music far from POPular one. This label also represents an archive of a small portion of the underground world with its many multi-coloured and juicy fruits”

SA: I want you to introduce yourself and to tell the readers what do you think when referring to fratto9. Tell us how it all has begun. 


GM: fratto9 under the sky takes its name from the title of a song composed by Al Aprile, my uncle,that song was included in a sampler he assembled about thirty years ago and titled “Matita Emostatica”. Fratto9 is an homage to improvised/ free music, music with no border, with no specific genre and basically music far from POPular one. This label also represents an archive of a small portion of the underground world with its many multi-coloured and juicy fruits.

SA: Without any doubt, from the releases you put out, you put an accent to the centrality of an “encounter”, as you’ve said before there are no neatly-defined borders of genre, but a strong element probably lays in the fact all of these projects reflect the distinct character of fratto9... and it’s so rare!


GM: Thanks, it’s one of the elements on which I focused, even if I’ve to say the character of the label slowly developed release after release. What really helped to gain homogeneity has to do with the fact quite often I had to decline requests from many good bands but that had nothing to do with the label. I like the idea a label can be almost identified with a “genre” or with an attitude, I also like to think that those who buy my releases know which musical territory they’re gonna cross. Several musicians of the bands I’ve pressed are friends or have collaborated among themselves... I like this collective attitude of fratto9 and I wish it will evolve.

SA: How do you chose which projects to produce? Are there any peculiarities you look for? 

GM: I’m more interested in the attitude of the whole project than to its peculiarities. As I’ve said before, I’ve pressed records where electronic music was the main vehicle of the work (Balbo-Marutti), while somewhere else there’s an avant-rock/jazz element that drives the whole recording (A Spirale). There’s something expressed in different ways and thanks to different instruments, but between the lines there’s always that centrality of the sound and an interest for research I find exciting. I like it when behind a project there’s a direction, a strong idea, a clear vision of what the musician is doing and why he’s doing that. I love it when I sense there’s an absolute sincerity and spontaneity in what someone is playing; probably these are the characteristics, the trait d’union of the releases I’ve been putting out so far. To quote Giacinto Scelsi (I sincerely thank Attila Faravelli that helps spreading this musician/sound-artisan idea I like so much): Sound is spheric, round. We run the risk to listen just considering “height and length”. That’s absolutely wrong: sound is spheric and round. All the spheric things have a center, we have to reach the sound’s center. The sound has a heart, having a center due its sphericity, that center is the heart. We have to reach that center, just then you’ve really become a musician, otherwise you’re an artisan. A music-artisan is a respectable figure, but he’s not a real musician nor a real artist, he’s simply a music-artisan or an art-artisan. We have to reach the center of the sound.

SA: Differently from many works trying to look dead serious while they’re just schematic, your releases have a strong dose of melo-dy, I’m referring to Luminance Ratio’s minimalism, to the frontal impact of A Spirale, or to the easy dialoguing of Illachime Quar-tet. Is there anything you’d like to criticize in the approach of other labels? 

GM: Everybody has his own ethic and invests his own money and his own time as he prefers. Of course it happens too often that any recordings are so useless and ordinary that I think it would be better to reflect a little bit more before choosing to put out records. This problem has also to do with the fact modern technology allows us a low cost CD pressing, so the “natural selection” process has been completely removed differently from 10-15 years ago when the production of a record was a cost far out of reach for the a lot of people. At the same time I think internet gave us the great opportunity to get in contact and confront ourselves with other (maybe too many) hidden underground realities. There’s a return to vinyl and I’m so glad about it, the music listeners are losing interest in the CD format and I wish this process will bring us back to a natural selection.

SA: In a world that keeps evolving, where morality has become less important than a poker match, you put the accent on improvisa-tion. Sure you speak the language of our time, but do you support that language? And how? With a dialogue or with an opposition? 

GM: Improvisation is a wonderful/ terrifying monster; there’re musicians that turned it into a model of musical life and after many years of carrier haven’t found satisfaction. I think that there’s people that most of the times defines themselves “improvisers” too easily, it brings to superficial and useless results. At the same time I think that’s a price we have to pay to find other submerged materials, so to create a number almost infinite of musical possibilities. The recording process is meant to picture/freeze in time that specific moment, otherwise that music would remain in the air just for the blink of an eye. By the way I think we don’t have to abuse of this chance!!!

SA: The marriage of improvisation with classical and electronic instruments. I think these peculiarities can vividly describe your projects. Why do you believe so much in this union? 

GM: As I’ve already said, the solutions you can obtain by using an improvised approach quite often are unexpected and interesting, it’s important to know how to recognize and distinguish these solutions. It’s a form of language, and like a language it has to be learned, studied and applied.

SA: Tell me about your future plans. 

GM: I’d like to put out more vynil releases, probably limited editions, so to involve just who’s really interested in what we’re doing. Nowaday is quite useless pressing 500 copies of a CD half of which will probably remain boxed in a basement. I’m glad I still haven’t happen anything like that since thanks to the many trades, CDs sent out for reviews/promotion, given away as a gift, and obviously to some records I’ve sold, those boxes I have in the basement are almost empty! Then there’s the second Luminance Ratio’s recording, I’m deeply involved in the mix down and in the editing phase. It will be a long pregnancy (for the first record it has gone on for a whole year), since we want to reach the center of the sound.

SA: Do you basically relate with a national audience/listeners or with an international one and therefore you speak an international language? 

GM: Internet erased national borders; obviously there’s a sort of scene here in Italy, it’s well expressed through the organization of gigs and festivals, but quite often I sell my records abroad above all cause there’re some small foreign distributors supporting my projects.

SA: What was your main source of inspiration when you started creating this reality? 

GM: My uncle and the fact I was already deeply immersed in the independent scene have been the basic influences, add I’m a quite enthusiastic person and it’s something that helps a lot also the passion and the never ending itch for new things have been an influence. In the end I’m also one of those who really believes in the importance of documenting, above all when this operation is done with a strong idea and sensibility... and fratto9 like many other italian realities is a perfect mean to help documenting the musical scene. As one of my friends always says, it’s a matter of being “hungry” OF? many different “foods”... later we’ll decide what we prefer but till we won’t have taste all of the dishes it’s hard to say what you like and what you don’t. Maybe it’s one of the reasons why in music and in my releases I’m so omnivorous, by the way my personal taste will always prevail sooner or later!

SA: How many people are behind the label? 

GM: We’re a big team: it’s me, my brain and its ears, my mac and my taste... quite often I confront myself with some of my friend just to understand if they’ve any suggestion.

SA: The main satisfaction you got from the label? 

GM: Probably the fact I’m still alive, above all considering it’s a time in which the music world has been invested by many changes. I don’t think it’s a matter of crisis, we’re simply crossing a change of habits, life and interests. The majority of the audience has always been completely uninterested to music or it has been more involved in mainstream music.Today it has become more evident or it’s just how people from the independent community like us are losing direction due to the overabundance of productions. By the way, the other great satisfaction is related to the fact I still have great passion and enthusiasm for what I do.

SA: Italy seen from fratto9: the sociocultural situation of our country. 

GM: Holy shit, a really complex question!! Obviously I think this disastrous situation it’s the consequence of the behavior of many individuals. It’s not a matter of a generalized crisis of italian-music or italian-cinema cause everything they produce is just crap (even if I have to repeat a more restrictive selection would help), I think it all can be addressed to the fact people are less interested in cinema or to see a gig even when it’s in their hometown. The fact everything has become so frantic and too fast to have the time to see or to listen to everything weights so much in the process; it’s hard to listen to the incredible amount of releases coming out every day or to follow a direction despite the big number of choices you’ve to make everyday. The obvious consequence is that who invests more money gains more evidence and the others sink submerged by low quality competitors!! We’re forced to search under the tip of the iceberg you see, you end discovering underwater there’s a better world. Unfortunately just a few people have the time, and the patience or simply the chance to do that. It brings to the birth of submerged scenes evolving around some limited releases, but the quality of these releases is probably higher than many major label ones. It will always be like that if the airwaves of this country will be monopolized by five italian singers/musicians or if the only movies you see on tv are those exclusively based on special effects. Unfortunately I don’t expect things will change, but I’m sure if we would open our mind and we would nourish our own passion, that alone would prevent to be treated like a bunch of puppets, everything would change a bit. I can’t deny freejazz, dodecaphonic music or radical noise in just a couple of seconds can scare the shit out of the listeners, but it’s just a matter of habits, and the most important thing is that people would finally realize there’s an option...and this world is full of options!!

SA: And for what concerns the Italian scene...under what category do you file yourself? 


GM: I think I should put myself into the “mission impossible” category!!! Lately the so called music critics labeled me: “experimental”. Anyhow, I think definitions are all the same above all if you consider that what sounds experimental to someone, for somebody else could be pop.

SA: Have you ever influenced the directionof an artist on your label? 

GM: ...honestly I always talk with the band and we decide together which songs to chose for the record, in other cases we speak about the mix down or about the way they could face the recording session. Unfortunately I never had the chance to take care about the recording and about the mix down of these bands (if you exclude Luminance Ratio). Lately I’m reading a book on the history of Blue Note records and I’ve been surprised by the fact during their early days they were not that far from the amount of records we sell and they always worked with the idea of being an independent label. I’d like to use their modus operandi: they were covering the costs for the recording studio (obviously with an incredible sound engineer as Rudy Van Gelder) and they were also pressing thirty releases per year, that way they could maintain a high profile catalogue reaching good selling points with some jazz masterpieces that have unfortunately been understood after thirty years from their recording.

SA: Coproductions with other label...can you tell us how you go for it? 

GM: Every release and every collaboration has its own history. Those I’ve put out so far are all collaborations or with other labels or with the musician himself. This way of working becomes fundamental to cover immediately the pressing plant costs and to help to reach a wider audience. I must say that lately I’m becoming quite jealous of my releases that will bring me to produce something all by myself (as it happened with Newtone 2060) but I have to be careful since not all of the productions sells that well. The problem is that when the target is the same for both of the “producers” of the records and you refer to the same distributors, you end damaging your partner. Everything works when the collaborative efforts is driven by a deep clarity so to avoid misunderstanding.

SA: The amount of copies you’ve to sell to feel satisfied? 

GM: It’s not a matter of numbers, let’s say that I get satisfied when the majority of the copies pressed doesn’t remain piled up in my basement! I always try to know how many copies I sell. how many copies I give to distros or I give away for the promotion, but due to trades, promotional copies and those you give away for free to your friends you can’t be precise. By the way I’m glad to say my basement is quite empty! At last it would be great just to cover the cost of every release, but as I’ve said the amount of copies you sell is too small.

SA: Which are the worse shit works a music label has to do to support a band? 

GM: basically if behind the relation between band and label there’s an honest and sincere behavior concerning the limits and the potential that both of the partners can reach by collaborating, everything will work out well.

SA: What kind of problems have you got to solve when organizing a festival like Tagofest?
 

GM: It’s hard above all when you do it in a light hearted way and with the simple aim to organize a big party with bands and labels of a small portion of the scene. It’s an attitude that worked well for the early editions, but the more you go on the more you have to solve organizational problems, to find more resources and so on. Every year we’ve had thirty labels with their own stands and with a band per each, so after seven editions it’s easy to imagine the amount of music Tago Mago’s walls have absorbed. Now I personally feel that I’ve to change something, both for the fact it requires more and more energy and cause we need a bigger and more suitable structure if we want the festival to improve.

SA: Do you have any suppport from the media of this country? 

GM: It’s up to the media you’re speaking about...I think mass media will never be interested in what I do, while those specific media focused on a genre every once in a while take care about fratto9 or similar realities. The problem is that we keep on confronting ourselves with the same people and there’s no progression. The hard thing is to get out of this reality trying to introduce our products to somebody else.

SA: Anything more you would have liked me to ask you? 

GM: Would you ever said “fuck you” to anybody you relate with while working for the label?...sure, many times!
GM: Any suggestions? Always look for the best result and learn to be self-critical!!! Never put out a release unless you’re not completely convinced about it (and this rule could be addressed both to the labels and for the bands).

 
fratto9 under the sky records

“fratto9 under the sky prende il nome dal titolo di una canzone di mio zio (Al Aprile) pubblicata 30 anni fa su una compilation da lui curata (Matita Emostatica). fratto9 è un omaggio alla musica improvvisata e libera senza grandi confini di genere, volontariamente lontana da quella POPolare. È anche la documentazione di una piccolissima fetta del mondo underground e dei suoi innumerevoli e strabilianti frutti multicolore e multisapore.”

 
 

SA: Voglio che sia tu ad introdurci nella discussione, a cosa ti fa pensare fratto9? Raccontaci la genesi di questa realtà.
GM: fratto9 under the sky prende il nome dal titolo di una canzone di mio zio (Al Aprile) pubblicata 30 anni fa su una compilation da lui curata (Matita Emostatica).
fratto9 è un omaggio alla musica improvvisata e libera senza grandi confini di genere, volontariamente lontana da quella POPolare. È anche la documentazione di una piccolissima fetta del mondo underground e dei suoi innumerevoli e strabilianti frutti multicolore e multisapore.
Il fatto, poi, di fare già parte del circuito indipendente come strimpellatore di chitarra con qualche disco poall’attivo; di aver curato la webzine post-itrock; di aver organizzato per 5 anni il festival indipendente Tagofest e tante altre cose, è stato un bel punto di partenza per il progetto, arrivando ad oggi a 13 dischi pubblicati.

SA: Per quali, tra le tantissime, motivazioni ti senti lontano e prendi le distanze dal mondo POPolare?
GM: Forse perché ci sono già abbastanza etichette in giro per il mondo che stampano dischi di POP, sia perché non mi appartiene molto e non rientra nella mia idea di etichetta.
Sia ben chiaro che non ascolto 24 ore al giorno free jazz o musica sperimentale, ma quasi...
Questione di gusti e di intenzioni, direi.

SA: Senza dubbio da tutti i vostri progetti viene fuori un carattere che ha “l’incontro” come punto centrale, come dicevi prima non ci sono grandi confini di generi, ma la componente molto forte è che tutti questi progetti riescono a riflettere un carattere distintivo che appartiene proprio a fratto9... e questo non è da tutti!
GM: Ti ringrazio molto, è uno degli elementi su cui ho cercato di concentrarmi maggiormente, anche se devo ammettere che il carattere dell’etichetta si è espresso al meglio andando avanti con le pubblicazioni. Aver spesso rinunciato a diverse richieste di stampa da parte di alcuni gruppi anche di buona qualità, ma che non rientravano nella mia idea di etichetta, ha fatto in modo di avere una certa omogeneità nelle uscite.
Mi piace molto l’idea che l’etichetta diventi identificativa quasi di un genere, o comunque di un’attitudine, sapendo che chi acquista il mio materiale sappia già in che mondo musicale possa ritrovarsi.
Diversi musicisti dei gruppi ai quali ho stampato il disco si conoscono e hanno anche collaborato tra loro... mi piace molto questo concetto di collettivo all’interno della fratto9 che spero possa evolversi.

SA: Nella “grande famiglia” di fratto9, come scegliete i progetti da produrre? Quali sono le loro caratteristiche essenziali?
GM: Non sono tanto le caratteristiche a fare di un disco una mia scelta di produzione, ma molto l’attitudine di fondo presente nel progetto. Come si diceva prima, ho stampato dischi dove l’elettronica diventa il mezzo principale del percorso sonoro (Balbo-Marutti), mentre in altri c’è una base di avant-rock/jazz sulla quale si sviluppa tutto il resto (A Spirale).
C’è un qualcosa che viene espresso tramite diversi modi e strumenti, ma di fondo rimane quel gusto per il suono e per la ricerca che trovo stimolante.
Ammiro molto quando dietro ad ogni progetto c’è un percorso, un’idea di fondo, una visione di quello che si sta facendo consapevoli delle proprie scelte. Ammiro quando c’è assoluta sincerità e spontaneità in quello che si suona; sono forse proprio queste caratteristiche il punto “d’incontro” che ho trovato nei dischi che ho stampato fino ad ora.
Voglio concludere citando anche Giacinto Scelsi (ringrazio Attila Faravelli che fa circolare quest’idea di musicista e artigiano del suono che mi piace molto): Il suono è sferico, rotondo. Rischiamo di ascoltarlo sempre soltanto come un’altezza e una durata. Non è affatto così: il suono è rotondo e sferico. Tutte le cose sferiche hanno un centro, bisogna arrivare al cuore del suono. Il suono ha un cuore, in quanto sferico ha un centro, è il centro del cuore; bisogna arrivare a quel centro, solo allora si diventa musicisti, altrimenti si è artigiani. Un artigiano della musica è una figura estremamente rispettabile, ma non si è veri musicisti né veri artisti, si è degli artigiani dell’arte o della musica. Bisogna andare al cuore del suono.

SA: Tra le tante proposte discografiche, che forse si prendono un po’ troppo sul serio, e che appaiono molto più schematiche, voi arrivate improvvisando melodie potentissime, sviluppate tramite il minimalismo dei Luminance Ratio o tramite l’impatto sonoro frontale degli A Spirale, che dialogano facilmente con gli Illachime Quartet. Quale può essere una critica che ti senti di fare alle altre etichette?
GM: Ognuno porta avanti la sua etica musicale e investe i soldi e il suo tempo come meglio crede. Sicuramente accade troppo di sovente che alcune registrazioni risultino essere talmente inutili e superflue che sarebbe meglio che si riflettesse più volte prima di pubblicare un disco. Questo problema scaturisce anche dal fatto che la tecnologia ci permette ormai di riuscire a stampare dei CD con dei costi molto abbordabili, così da eliminare del tutto l’effetto “selezione naturale” che avveniva anche solo 10-15 anni fa, quando registrare/produrre un disco aveva dei costi proibitivi per la maggior parte delle persone.
Allo stesso tempo è bellissimo che internet ci abbia dato questo potere di divulgare e di confrontarci con tante realtà (forse troppe) nascoste nell’underground.
C’è anche un ritorno al vinile, e ne sono contentissimo, mentre il supporto CD sta perdendo sempre più valore, sperando che in questo modo ci sia di nuovo una selezione naturale.

SA: In un mondo in continua evoluzione, dove la moralità è ormai meno importante di una partita a poker, voi mettete al centro l’improvvisazione. Di certo potete dire di parlare il linguaggio del nostro tempo. Ma vi ponete a sostegno di esso? In dialogo? In continua opposizione?
GM: L’improvvisazione è una bellissima/bruttissima bestia con la quale confrontarsi; ci sono musicisti che ne hanno fatto un modello di vita musicale e anche dopo decine d’anni di percorso non ne sono usciti soddisfatti. Penso che molto spesso e troppo facilmente ci si improvvisi e definisca “improvvisatori”, ottenendo così risultati molto superficiali e spesso inutili. Penso però che, allo stesso tempo, sia un ottimo mezzo per “scavare” e per scoprire altro materiale sommerso all’interno dello stesso terreno, così da renderne quasi infinite le soluzioni musicali. La registrazione sul supporto serve poi per immortalare/fotografare nel tempo quel determinato momento musicale, che altrimenti rimarrebbe nell’aria soltanto per pochi istanti. L’importante è non abusare di questa possibilità!!!

SA: L’improvvisazione e l’unione tra gli strumenti classici e quelli elettronici. Questi aspetti mi sembrano descrittivi del vostro progetto. Perché ci credete così tanto?
GM: Come riportavo nelle risposte qui sopra, le soluzioni ottenibili tramite un approccio improvvisato molto spesso sono assolutamente inaspettate e piacevoli, l’importante è saperle riconoscere e distinguere. È una forma di linguaggio, che come tutte andrebbe conosciuta, studiata e poi applicata.

SA: Parlami un po’ dei tuoi progetti per il futuro.
GM: L’idea che mi piacerebbe portare avanti è quella di stampare soltanto vinili per le prossime pubblicazioni, magari con tirature molto limitate, così da coinvolgere soltanto chi veramente ne è interessato. È oggigiorno quasi ormai inutile stampare 500 copie di un CD per poi ritrovarsene scatoloni pieni in cantina. Per fortuna a me non è ancora successo perché, per via dei molti scambi, dei CD mandati per la promozione e le recensioni, di qualche regalo e per fortuna anche di qualche disco venduto, gli scatoloni dei dischi sono quasi vuoti! Poi c’è il secondo disco dei Luminace Ratio al quale sto lavorando in fase di mix e di editing, che penso avrà una lunga gestazione (per il primo disco è durata più di un anno), perché vogliamo cercare di andare nel centro del suono...

SA: Vi rivolgete principalmente al mercato nazionale, privilegiate il mercato estero, o il progetto fratto9 parla tutte le lingue del mondo?
GM: Con internet le barriere dei confini di territorio non esistono; è ovvio che c’è un certo movimento qui in Italia, per via dei festival e dei concerti, ma spesso acquistano i miei dischi anche dall’estero, soprattutto tramite le diverse piccole distribuzioni che supportano il progetto.

SA: A cosa ti sei ispirato nella creazione di questa bella realtà?
GM: Mio zio e il fatto di essere già con un piede a mollo nel circuito indipendente penso abbiano fatto da capro espiatorio, aggiungici anche il mio entusiasmo, che non deve mai mancare, e la passione per la musica e per la scoperta di nuove cose in generale. In fin dei conti credo molto anche nella documentazione, se fatta con criterio e sensibilità... e la fratto9, come tantissime altre belle realtà italiane, è un mezzo perfetto per documentare parte del mondo musicale.
Concludendo, come dice un mio caro amico, è questione di aver “appetito” per più cose possibili... poi saremo noi a decidere cosa ci piace e cosa no, ma finché non si assaggia tutto, non si potrà mai dire. Forse è anche per questo motivo che sono così onnivoro nella musica e nelle mie produzioni, anche se i piatti preferiti prima o poi saltano fuori per tutti!!

SA: Se improvvisamente ciò che proponete dovesse vendere a bestia, un po’ come la Epitaph con Smash degli Offspring, quale sarebbe il tuo atteggiamento verso le major e verso il mercato?
GM: Credo che le probabilità che si verifichi questo evento siano davvero troppo basse anche solo per pensarci… ma non è detto che ciò non accada, visto che è già capitato a qualche altra etichetta del circuito. Più che il mio atteggiamento, penso verrebbe coinvolto quello del gruppo che si potrebbe trovare a dover scegliere poi con chi proseguire... le major hanno un atteggiamento che non condivido e che non supporterei... succederebbe che sarebbe tanto di guadagnato per me e continuerei per la mia strada, ma con più soldi per poter stampare altri dischi!!!

SA: Da quante persone è composto il tuo team?
GM: Siamo un grandissimo team composto da me, dal mio cervello e dalle sue orecchie annesse, dal mio mac e dal mio gusto... Ci sono poi diversi amici con i quali mi confronto spesso per capire cosa gli dicono anche le loro orecchie.

SA: Qual è la più grande soddisfazione ottenuta finora con fratto9?
GM: Direi quella di essere ancora attivi dopo diversi anni, visto anche il momento fatto di cambiamenti del mercato discografico. Non penso sia una questione di “crisi”, semplicemente siamo nel mezzo di un mutamento di consumi, di vita e di interessi. C’è sempre stata la folla completamente disinteressata alla musica o coinvolta soltanto da quella mainstream, soltanto che oggi si fa notare di più rispetto a prima o forse siamo noi del circuito indipendente che stiamo perdendo i nostri riferimenti vista la sovrabbondanza di produzione. Comunque sia, l’altra grande soddisfazione è quella di avere sempre tanto entusiasmo e passione per quel che faccio.

SA: L’Italia vista da fratto9: la situazione socioculturale del nostro paese.

GM: Azz, domanda troppo complessa!! Anche se penso che la situazione disastrosa sia un po’ lo specchio e la conseguenza del comportamento delle persone stesse. Non è in crisi il cinema italiano o la musica perché facciano così schifo (anche se una selezione va sempre fatta), ma perché la gente non muove più il proprio sedere per andare al cinema o a vedere un concerto, anche quando è nella propria città.
Incide però anche il fatto che sia tutto molto frenetico e troppo veloce per riuscire a seguire tutti gli eventi; a stare dietro alle uscite discografiche e quindi ad orientarsi nelle centinaia di scelte che ogni giorno ci si trova a poter fare. Succede così che si mette in evidenza, nella maggior parte dei casi, chi ha più potere d’investimento (più o meno mafioso che sia) e il resto rimane schiacciato/sormontato quasi sempre non dal migliore concorrente!!
La conseguenza è dover cercare sotto quella punta dell’iceberg che emerge, rendendosi conto che sotto l’acqua c’è un mondo, e spesso il migliore. E non tutti hanno purtroppo la pazienza, il tempo e la possibilità di poterlo fare.
Si creano così i circuiti, più o meno sommersi, di quei dischi stampati magari soltanto in poche copie, ma che qualitativamente valgono molto di più di tante altre proposte messe sotto al naso dai magnati dell’industria discografica. Succederà sempre così se le radio non la smetteranno di passare soltanto i 5 cantautori/musicisti italioti più quotati o se il palinsesto televisivo e le programmazioni nei cinema saranno sempre basati sul film di soli effetti speciali.
Purtroppo non mi aspetto che le cose possano cambiare alla radio o alla televisione/cinema, ma sono pienamente convinto che se ci abituassimo ad aprire la mente e ad appassionarci di più alle cose e a non farci muovere come burattini, tutto sarebbe diverso.
Non nego che il freejazz, la musica dodecafonica o il noise più radicale siano generi che possano incutere terrore acustico dopo 2minuti di ascolto, ma è soltanto questione di abitudine ed è fondamentale che le persone sappiano che esiste anche quello per poi potersi eventualmente orientare su altro... le scelte non mancano di certo!!!!

SA: E a proposito di ciò, in che ambito ti piace collocarti all’interno del panorama italico? Underground, per carità!
GM: La collocazione ideale è tra le imprese fallimentari!!!
Ultimamente i giornalisti, o presunti tali, mi stanno appiccicando l’etichetta di label indipendente indirizzata verso la sperimentazione e la ricerca. In fondo penso che una definizione valga l’altra nel momento in cui quello che per gli altri è sperimentale, per me è pop.

SA: Oggi ascoltavo i Caboto, e mentre il mio animo godeva pensavo che, anche se è un peccato che dei lavori geniali (come a mio parere è Hidden Or Just Gone) non ricevano la visibilità che meritano, produrre un album del genere sia qualcosa di indescrivibile...
GM: Ti ringrazio molto per gli apprezzamenti... è sicuramente un bellissimo album e anche dal vivo erano capaci di mantenere quella “freschezza” che c’è sul disco. Li avevo conosciuti grazie anche al loro disco precedente, che era altrettanto bello, e poi ci eravamo incontrati per strada ed era nato subito un bel rapporto. Forse un po’ perché era ancora poco considerata la fratto9, forse perché anch’io ero meno capace di muovermi tra i giornalisti, ma a parte qualcuno che aveva alzato le antennine, per il resto c’era stata una tiepida accoglienza. I giornalisti si stancano sempre troppo velocemente dei generi e dei gruppi e quando era uscito Hidden Or Just Gone era già diventato vecchio per quello che era il trend musicale di quel momento. Lo stesso è accaduto con gli Ultraviolet Makes Me Sick, i Deep End e tanti altri... tutti legati in qualche modo a quel fenomeno d’oltreoceano chiamato post-rock che troppo velocemente è andato fuori moda qui da noi, mentre all’estero gode ancora di ottima salute.
Poi succede che di conseguenza i locali non sono più interessati a far suonare le band di quel giro e allora i gruppi si sciolgono come hanno fatto i Caboto e i Deep End, che per anni hanno cercato di tirare fuori la propria carovana dal fango che alle volte si crea nel circuito... È naturale che quando un gruppo di questo calibro mi presenta un bel disco non posso che essere lusingato dal fatto che abbiano pensato alla fratto9 per la produzione del lavoro. Come forse dicevo già rispondendo ad un’altra tua domanda, il fatto di aver selezionato in qualche modo i lavori da stampare fino ad ora mi ha consentito di creare un catalogo di cui andare fieri!

SA: Come ti vedi tra una decina d’anni?

GM: Spero con altri due marmocchi per casa e con almeno 30 dischi in catalogo… e poi vorrei realizzare altri dischi con i miei progetti. Già per quest’anno vorrei far uscire il secondo disco dei Luminance Ratio come musicista e forse anche come etichetta, anche se punterei come sempre ad una coproduzione con qualche etichetta estera. E poi ci sono gli Ultraviolet Makes Me Sick che stanno preparando tutti pezzi nuovi con un sassofonista che ha ridato linfa vitale dopo 10 anni di prove e concerti insieme. C’è anche l’orchestra di improvvisazione e un trio (Pipeline Trio) sperimentale che ha delle bellissime potenzialità e con cui sto lavorando per il primo lavoro. Non mi manca mai la voglia di suonare dal vivo, cosa che purtroppo ultimamente diventa sempre più difficile fare.

SA: Ecco, parlami del problema di suonare dal vivo. Le tue migliori esperienze e perché, secondo te, non ci si riesce come prima.
GM: Penso che le difficoltà nascano a partire dal fatto che molto spesso chi offre musica dal vivo in nuovi locali non ha esperienza e conoscenza dell’ambiente e si butta “a pesce”, invitando a destra e manca gruppi più o meno conosciuti fino a riempire il palinsesto; ottima accoglienza, cena più che abbondante, magari una stanza d’albergo già prenotata e poi quando è il momento di suonare il locale è vuoto!!!
Questo succede perché il locale non ha “coltivato” a dovere la sua clientela, non è stato capace di crearsi un giro di affezionati, e si è fatto magari fregare pagando alle agenzie (inutili e troppo onerose!!) cifre allucinanti. In questo modo i soldi sono finiti molto presto e i locali hanno chiuso, e comunque quando sono arrivato io a presentarmi per suonare le condizioni sono sempre state davvero le minime sidacali…
Un altro errore commerciale è quello di rendere “magnifici e imperdibili” tutti i gruppi che suonano e che pubblicano dischi, lasciando poi l’amaro in bocca a chi li va a vedere dal vivo e a ripensarci due volte prima di pagare ancora un biglietto.
Nonostante questo, ci sono ancora molti locali (soprattutto circoli o centri sociali) che riescono a sopravvivere e a portare avanti il progetto dei concerti dal vivo... forse ho ridotto la situazione a concetti un po’ troppo approssimativi, perché la situazione è un po’ più complessa e le varianti da tenere in considerazione per un locale che decide di fare musica dal vivo sono davvero troppe e, alle volte, imprevedibili.
Ma questo è quello che un po’ grossolanamente mi è capitato di vivere negli ultimi 10 anni di attività, sia come fonico che come strimpellatore di chitarra e, non per ultimo, come organizzatore di serate.
Invece per quanto riguarda i momenti migliori, li ho vissuti in tour come fonico con i R.U.N.I. e con A Toys Orchestra, e poi quando con gli UVMMS siamo andati in Svizzera per fare qualche concerto. Non voglio ribadire luoghi comuni, ma al di là del confine siamo stati accolti molto bene, con un imprescindibile rispetto e con attenzione per la persona in quanto uomo, quasi più che per l’evento.
In Italia, molto sovente mi sono ritrovato a mangiare pizze fredde (pagate dal gruppo), in orari di soundcheck, e a dormire nel locale perché, a quanto pare, nessuno era in grado di ospitare i musicisti. Non che mi abbia dato così fastidio (alle volte ci si diverte molto di più in questo modo), ma la cosa triste era la totale mancanza di accoglienza e di attenzione da parte del locale nei confronti di tutti noi, sia come persone che come musicisti.
Oggigiorno non mi stupisco più di non venir pagato o di recuperare soltanto le spese di viaggio quando vado fuori a suonare, ma l’unica cosa che cerco di capire è come riuscire a trovarmi poi in una situazione piacevole per lo spirito e per la mia musica. Purtroppo questo ragionamento può avvenire soltanto nel momento in cui il fatto di suonare o di fare il fonico non sia il lavoro che serve per poter campare, altrimenti la faccenda è davvero ingarbugliata e di certo non con prospettive rosee...

SA: Parliamone un po’ di più… tema: le major. Non censuro niente…
GM: Da parte mia in fondo non c’è molto da dire; è un mondo e un sistema troppo distante dal mio che non mi pongo neanche più il problema di come le major si relazionino con i propri gruppi e le uscite discografiche. Io non gestisco le mie uscite in quel modo e sinceramente non mi danno neanche preoccupazioni, visto che a partire delle persone a cui propongo le mie uscite, passando per le webzine/riviste/portali che mi recensiscono, non c’è traccia di major.
Piuttosto parlerei in modo negativo di quelle etichette che cercano di comportarsi da major in un sistema di nicchia e indipendente. Piccole etichette che presentano ai gruppi dei veri e propri contratti firmati e controfirmati da entrambe le parti, clausole su clausole su proprietà dei master e sulle edizioni musicali... ecco, questa è proprio una situazione a cui non vorrei mai arrivare! Capisco la necessità di fondo di alcune label che provano a vivere di quello pianificando tutto il lavoro nei minimi dettagli, ma questo non vuol dire speculare su un gruppo che magari ha già compiuto molti sacrifici.

SA: Come stai lavorando per estendere l’audience del tuo pubblico? Hai mai pensato di provare ad interagire con altri circuiti come quello del teatro, dell’arte, del cinema?
GM: Proprio in questo periodo, mentre i 4-5 festival più interessanti del circuito si sono conclusi, mi sono reso conto che le possibilità di estendere l’audience è davvero risicata ormai.
È un grosso problema per la vendita diretta dei dischi, perché oltre a quelle occasioni del periodo estivo si rimane un po’ fermi con gli scambi e le vendite e purtroppo questo non è un bel segnale.
Comunque sia, mi piacerebbe molto integrarmi con altre forme artistiche quali il cinema e il teatro, ma mi ci vorrebbe purtroppo un’altra vita per coltivare contatti e trovare le situazioni giuste per lavorare anche su altri versanti. Molte delle uscite della fratto9 si presterebbero a questo tipo di collaborazioni, sia perché quasi tutte strumentali, sia perché ricche di varietà di suoni adattabili in diverse occasioni.

SA: Ti è mai capitato di influenzare la direzione di un’artista che è poi uscito per la tua label?
GM: Diciamo che cerco di confrontarmi sempre con il gruppo decidendo insieme la scelta dei brani da inserire nel disco, e in alcuni casi anche nel mixaggio e nell’attitudine da portare avanti durante l’incisione. Purtroppo non è ancora capitata l’occasione (a parte i Luminance Ratio) dove sia riuscito ad occuparmi anche della registrazione e del mixaggio. Sto giusto leggendo in questo periodo un libro sulla storia della Blue Note, e mi fa molto pensare che in fondo le vendite agli inizi erano anche per loro della stessa entità della fratto9 e che ha sempre lavorato con l’intenzione di essere un’etichetta indipendente. Mi piacerebbe anche adottare il loro metodo di lavoro: si pagava al gruppo lo studio dove si eseguivano poi le incisioni (naturalmente con un grande fonico come Rudy Van Gelder) e si stampavano all’anno anche 30 uscite, coltivando così un catalogo sempre di buon livello e raggiungendo picchi elevati con la pubblicazione di alcuni dei capolavori del jazz, purtroppo riconosciuto dopo 30 anni dalla loro pubblicazione.

SA: Le coproduzioni con altre label… come nascono e come funzionano?
GM: ogni uscita ha una sua storia e anche ogni collaborazione. Fino ad oggi sono state tutte coproduzioni, vuoi con altre etichette, vuoi con il gruppo stesso. Di base la coproduzione diventa fondamentale per ammortizzare da subito i costi di stampa e poi per aumentare il bacino d’utenza delle possibili vendite. Devo dire però che nell’ultimo periodo sto provando una sorta di forma di gelosia nei confronti delle mie uscite che penso mi porterà a stampare qualcosa anche da solo (come è successo per la mia ultima uscita dei Newtone 2060) stando attenti perché purtroppo non tutte le coproduzioni purtroppo riescono con il buco. Non funzionano quando il “campo d’azione” è lo stesso e quindi si prova a piazzare il prodotto nella stessa fetta di mercato, cercando di arrivare prima ai distributori e alla vendita e creando così disequilibri nel rapporto della coproduzione. Diciamo che la condizione migliore è quando vale la regola “patti chiari, amicizia lunga” per non rimanere fregati né creare malintesi.

SA: In particolare che tipo di dialogo si instaura con i distributori italiani? Ti stai muovendo anche verso distribuzioni all’estero?
GM: Ultimamente ho iniziato una bella collaborazione con Sound Ohm (www.soundohm.com), anche perché molto affine alla mia attitudine musicale. In questo caso è la stessa distribuzione che lavora anche con mailorder esteri, e il cerchio in qualche modo quindi si chiude.
Il grosso problema è che le etichette indipendenti per riuscire ad ottenere qualche risultato dovrebbero lavorare in modo capillare e non soltanto con 1-2 distributori, ma il costo delle poste italiane non aiuta di certo la gestione della spedizione di pacchi anche voluminosi, per avere poi un piccolo introito.
Per esempio quando stampo i vinili e poi li spedisco per la rassegna stampa, devo purtroppo fare una grande selezione, visto che oltre al prezzo del supporto (dai 5 agli 8euro-dipendentemente da numero di copie stampate e dal packaging) ci devo aggiungere almeno 8euro di spese di spedizione per l’Italia/Europa e circa 14euro per gli USA!!!  Lo stesso discorso vale però anche per i CD; mi è capitato di spedire in Russia perchè avevano fatto un acquisto e mi sono ritrovato ad aver guadagnato togliendo i costi di spedizione e quelli del CD circa 4 euro, ripagandomi così di poco il costo di stampa.
Questi sono soltanto due piccoli esempi di come ci si ritrovi a lavorare sempre in perdita nel momento in cui si sceglie anche di adottare una politica di vendita a prezzi contenuti.
Non per ultimo vorrei sottolineare il fatto che molte distribuzioni, approfittandone anche un po’ della situazione, accettano di distribuire i dischi solo se in contovendita costringendo l’etichetta a fare poi un lavoro di recupero credito sempre poco piacevole, perché le distribuzioni in questione spesso non si preoccupano di rendicontare le eventuali vendite.

SA: Dopo quante copie vendute ti ritieni personalmente soddisfatto in media?
GM: Non esiste un numero preciso di copie, diciamo che il mio indice di soddisfazione è di non avere più troppe copie in cantina! Cerco sempre di tenere traccia delle copie vendute, di quelle date alle distribuzioni e di quelle usate per la promozione, ma poi va a finire che con gli scambi, le promozioni fatte ai banchetti e i regali ad alcuni amici la precisione viene a mancare... ma per fortuna devo dire che la cantina è abbastanza sgombera!
In fondo basterebbe poco per riuscire a recuperare almeno le prime spese, ma come forse ho già detto precedentemente le copie vendute sono sempre purtroppo un numero troppo risicato.

SA: In una battuta quali sono i 3 lavori sporchi che una music label deve assolutamente fare per ritenersi in pace con la band e sostenerla in maniera seria?
GM: fondamentalmente direi che se alla base del rapporto tra label e band c’è sincerità e chiarezza assoluta su quali siano i limiti e le potenzialità che entrambi possono esprimere con la collaborazione si parte già con il piede giusto.

SA: Il prossimo lavoro degli Ultraviolet Makes Me Sick per quale label uscirà probabilmente?
GM: Mi piacerebbe saperlo già ora, ma purtroppo visti sia i cambiamenti musicali che stiamo cercando di attuare (alla formazione base: batteria/chitarra/chitarra-basso si è aggiunto anche un sax) e i risultati che portano verso nuovi lidi musicali molto distanti dai precedenti, non ho assolutamente idea di cosa succederà.
Un po’ controtendenza, siamo sempre stati molto lenti a fare dischi, vuoi perché purtroppo non lo facciamo di lavoro, vuoi perché scrivere e arrangiare pezzi inediti è abbastanza impegnativo e vogliamo prenderci tutto il tempo necessario per ottenere un valido risultato, sia sotto l’aspetto di scrittura/arrangiamento dei pezzi, sia per quanto riguarda l’esecuzione. Se poi ci aggiungiamo anche i tempi di attesa di pubblicazione di alcune etichette, ho il presentimento che passerà ancora tanto tempo prima che il disco nuovo veda la luce. Penso che la fretta di pubblicare non porta quasi mai a dei buoni risultati, purtroppo c’è questa tendenza da parte del circuito indipendente e i risultati sono dei dischi che hanno delle idee, ma che sono mal realizzati.

SA: Quanto è difficile organizzare un festival come il Tagofest? Ci parli un po’ dei retroscena?
GM: Diciamo che è facile quando lo fai con una certa ingenuità e spensieratezza, e soltanto con l’idea di mettere insieme gruppi ed etichette di una fetta del circuito, in una grande festa. È un atteggiamento che può andare bene per le prime edizioni, ma più si va avanti più aumentano le necessità organizzative e le risorse da impiegare nell’organizzare e coordinare un festival di questo tipo. Hanno suonato ogni anno circa 30 gruppi e hanno partecipato altrettante etichette con il loro stand, quindi dopo 7 edizioni non è difficile calcolare la quantità di musica che i muri del Tagomago di Marina di Massa hanno assorbito in tutti questi anni.
In questo momento sento la necessità di dover cambiare le cose, sia perché le esigenze continuano ad aumentare, sia perché c’è bisogno di una struttura più grande ed adeguata se vogliamo continuare a migliorare il festival.

SA: Vuoi menzionarci qualche label che segui con piacere?
GM: Se parliamo di etichette italiane ce ne sono alcune con cui scambio e ascolto sempre molto volentieri le uscite... posso citare la Boring Machines (con cui ho coprodotto alcuni dischi), Afe records, Escape From Today, Bar La Muerte, Setola di Maiale... c’è anche da dire che molte etichette indipendenti italiane hanno dei ritmi molto dilatati, quindi con poche uscite annuali. Di estere c’è la Constellation, la Rune Grammophon, la ESP, la Warp... alla fine mi risulta difficile stilare una serie di label che seguo, perché spesso acquisto in modo disordinato, più per genere/musicisti che per etichette.

SA: In che misura aiutano le realtà simili alla tua i media in Italia?
GM: Dipende a che media ti riferisci... ai media di massa non penso importerà mai niente, mentre a quelli più di “nicchia” ogni tanto succede che alcuni di loro si preoccupano di dare spazio anche a realtà simili alla fratto9.
Il problema è che se ci si continua a confrontare nello stesso ambiente i risultati dopo un po’ sono nulli. La cosa difficile è riuscire ad uscire da questo ambiente, cercando di far “assaggiare” i propri prodotti ad altre bocche.

SA: Ci parleresti un po’ di Al? Un link almeno…
GM: Al era un grandissimo appassionato di musica, in molte delle sue forme, ed era sempre entusiasta e pieno di progetti. Purtroppo aveva il vizio per gli eccessi, portandolo a morire molto giovane, ma lasciandomi una grande eredità fatta di tanti dischi e chitarre. In qualche modo devo tutto a lui, che inconsapevolmente mi ha trasmesso tutta la sua passione e l’entusiasmo per la musica.
Ho recuperato decine e decine di audiocassette che documentano sia le sue trasmissioni a Radiopopolare di Milano, sia gli innumerevoli concerti che ha seguito e registrato nei pochi anni che ha vissuto. Negli anni aveva messo assieme una sorta di catalogo di bootlegs live di tutti i generi. Nel tempo che mi rimane sto cercando di digitalizzare tutto il materiale che sto raccogliendo in un sito: pastasciutta.wordpress.com

SA: Domande mancanti, se ti serve, fattele… anche 3.
GM: Avresti mai voluto mandare a quel paese qualcuno con cui hai avuto a che fare nei riguardi dell’etichetta?
Sì, diverse volte.
GM: Consigli?
Puntare sempre in alto e imparare a criticarsi!!!
Contare fino a 10000 prima di pubblicare un disco (regola che vale sia per i gruppi che per le etichette).

SA: Grazie Gianmaria, per la pazienza.
GM: Grazie a voi per il supporto.

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

Pen: Emanuele Calì, Marc De Dieux

English translation: Andrea Ferraris

Links:

http://www.fratto9.com/

http://www.myspace.com/fratto9underthesky

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from SuccoAcido 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
Gianmaria Aprile
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
SUCCOACIDO DISTRIBUTORS

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
Join SuccoAcido on the web.
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
SuccoAcido Art Gallery.
 
SuccoAcido Comics Gallery.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
PARTNERS
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR