September 22 2020 | Last Update on 09/04/2020 08:54:46
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 0 altri utenti online (-1 registrati, 1 ospite). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest | Musicians | Music Labels | Focus | Music Festivals | CD Reviews | Live Reports | Charts | Biblio | News | Links
Music - Musicians - Interview | by Emanuele Calì in Music - Musicians on 03/03/2011 - Comments (0)

 
 
 
Nicola Ratti

I want nor right, nor left in my country, no more slogans or working-class conflicts. I would like a serene and free society with a flourishing culture. It seems to be a mirage if I look at the present situation, but at least we have to attempt not to be losers in dreams.

 
 

SA: Please introduce yourself to us…

NR: Hi, my name is Nicola Ratti, I’m 31 years old, and I’ve been living in Milan since I was born. I am a musician. I play as a soloist using my own name, Nicola Ratti. Yet I also play in a band called Ronin and along with Giuseppe Lelasi I also play in a duo called Bellows. Eventually I am an architect and I work with some friends of mine.

SA: Guitars... What guitars do you like? Amps? What other instruments do you play?

NR: I like the guitar that I use more, which is a Gibson ES 135, while as long as amps are concerned, I do like Fenders. At the moment I’m using a Deluxe Reverb ’65. Everything that produces sound appeals to me. Recently I have entered the world of modular synthesizers, of modified record-players and organs/farsife. If I had more money I would be ruined and I would need I bigger house to live in!

SA: How did you start being involved in music? Who was an influence for you?

NR: My first approach to music was in school as a child. My parents sent me to study piano when I was in primary school. After some years a classical guitar ‘appeared’ in my house, and it followed that I stopped both studying music and practicing solfeggio. In a few months I had covered my guitar with stickers of bands until when the spirit of emulation of these bands did all the rest... Imagine Metallica played on a rotten classic guitar by a secondary school kid! Although my parents have been the ones that pushed me towards an instrument, music –besides Lucio Battisti, that I couldn’t really stand when I was a teenager…. - was never that much present in my family. In fact, all the musical influences arrived to me from ‘outside’, from friends, acquaintances, suggestions, music-cassettes and so on. There are some people who influenced me very much and to whom I do owe something, but I think of it as a private issue.

SA: Would you like to talk about the words in your songs?

NR: Lately it hasn’t been easy to me to talk about the words of my songs because it causes me a certain distress. In my last works the presence of my voce and of my words has fell off a lot; and about what I’m working on at the moment, I would say that there is not even a single piece that I would consider a song. Perhaps I got to the end of one of my "walks of life" and now it’s time to start a new one that draws from my past. However, I’ve always made much of words, I’ve always tried to tell images more than stories. At the end of ends I’ve always preferred the intensity of an expression to the musicality of a verse or of a rhyme. I’m sure that I’ve made all this to the detriment of fluency… Apparently I’m not able to write a song commonly meant!

SA: Would you tell us of your studies about architecture at university?

NR: There is not much to say about it. Right, being an architect is nice, but put the idea of an architect as a rich and fanciful person out of your head because even if creativity, sensitivity and culture can help, they certainly do not save your life. I share with three colleagues effort and joy of this job, thing that allows me to organize myself better and to look for a more professional attitude in architecture and music. I can barely pay my rent with the money gotten from my two "fields of work"!

SA: Where do you place yourself within artistic scene today?

NR: I’m not able to answer this question in a precise way, because I don’t have a fix vision of myself among the others. Since I play in different contexts I feel very lucky, but at the same time this doesn’t make me pin myself down and so I feel confused. However I’m working on it.

SA: Coming to your research on sounds... can you introduce it to us?

NR: First I tried to investigate a sound related to thematics that I already knew, such as "City and Territory"; then I did something else, such as adding sound-checks for shows, putting on some little installations, working on surrounding sound. Recently I’ve been more interested in the sound itself, the pure sound in his essence, which is my first love in a certain sense, and now I am working on a totally pure sound installation and this project is helping me to find again the same passion that once pushed me to record my first work as a soloist.

SA: Different albums and collaborations... Different labels... Would you like to speak about some of your friends there?

NR: I consider myself very lucky for having published my first works with different labels coming from several scenes and nations. This has given me the opportunity to get in contact with people that are important to me not only for musical reasons, but also for their good behaviour and sense of humanity. I’m talking about Mark Templeton, Morgan Packard and Ezekiel Honig from Anticipate Rec.-with whom I’ve spent some beautiful moments and shared music tastes which, in a certain way, are different from mines.-, Oliver Mann from Preservation and all the Italian artists- with whom I still share the same stage, as Chet Martino and all the Ronins, Giuseppe Ielasi and now even Attila Faravelli,-with whom I’ve recorded a very nice coming soon album-.

SA: What about impro in your research...

NR: The term ‘impro’ is very abused in what we called today "experimental music" but the former belongs to the latter as well. I personally use "impro" in the same way I use canonic compositions. The album with Attila, which I mentioned before, is entirely constituted by an improvisation –session with no alterations or additions during the editing process.

SA: You and your audience... You on tour.

NR: I’m certainly not a stage-animal…To me every live-performance is a sort of "straining" for my being a musician, but it’s something necessary as well. It’s part of my job. Yet there’s a big difference between playing as a soloist and playing in a band. The first case involves "isolation", the second one a "sharing". In both cases I am always looking forward to conveying intensity to those who listen to my music, and showing them a piece of my heart. My real tours are only with the Ronin, which means joy and pain at the same time.

SA: Is there any music label you would like to mention here?

NR: I could mention the ones I worked with, but I would rather praise those dozens of "little" labels that today it would make much more sense to record with. They are much better then the more entitled labels where works tent to lose touch, personality and care. 150 well packaged and equally widespread copies best those 2000 cds included in every magazine but out of any cd-player!

SA: Could you suggest us any album or musician to let us better approach to you?

NR: Well, there are so many influences that it’s quite impossible to give you a single and satisfying answer, so let’s say that I go from Carl Craig to the Talk Talk.

SA: Tell me about your latest production developed in collaboration with Attila Faravelli, "Lieu".


NR: Attila asked me to collaborate on the soundtrack for the film "Vedozero", by Andrew Hunt. We came to record some improvisations which were, however, as requested, very musical. Lieu was born from these recordings after selecting the material not used for the film, and then mixed by Giuseppe Ielasi, with whom we have kept the "live-soul" of the recordings also in the finished disc. Very little post production and editing, a lot of improvisation. It 's a long life destined collaboration, we are thinking of how to record a new work; I say that because a typical feature of this duo is certainly both an approach interested to the manipulation of the sound-source, and also to the means of communication: speakers, amplifiers and so on.

SA: Tell me more free-wheeling as possible, of The Bellows, FaravelliRatti and Ronin, or rather Nicola Ratti in a context of "meeting" and "sharing".


NR: FaravelliRatti, Ronin and The Bellows are for me an essential part of my being a musician. I consider collaborations -obviously when are fruitful as these- steps of a personal growth that feeds on itself with a variety of stimuli and examples. In fact, I have three quite different approaches in the three groups mentioned above, but ultimately in my music, as a soloist, you can hear the direct influence of each of them. Each partnership then is a human relationship. They are people, especially Ronin, with whom I have shared joys and sorrows. If there were no human aspect in the sharing of music and sound, I would’ t do anything of that.

SA: I would like to ask you about the place you live. In general...

NR: Milan… Well what should I say… It is a good place where to live if you want to work more then doing anything else. You have to hunt for all the rest or create it. However, contrary to what they say, if you look well for anything, you can easily find something that is worth stopping for a little longer.I can’t stand the typical Italian that complains about everything as, for example, the place where he lives and where he keeps on living…

SA: what do you think about the actual music scene in general?

NR: Many Italian musicians are known and esteemed both in Italy and abroad…I believe that this fact confirms the good music produced in our country. Another thing I can say is that in Italy there are different ‘scenes’ and the only thing they have in common is little money and fraternal solidarity.

SA: What do you think about the social scene in general?

NR: I guess something is changing, but still we don’t know what and how. For sure the changes won’t be as the past ones. The crisis is into the structure and we cannot fight it with decades-old models. I want nor right, nor left in my country, no more slogans or working-class conflicts. I would like a serene and free society with a flourishing culture; It seems to be a mirage if I look at the present situation, but at least we have to attempt not to be losers in dreams.

SA: Who would you pick out as the most responsible for the current cultural decadence of morals?

NR: Absolutely we Italians! With "mani pulite" (clean hands), we managed to wipe out the political class but not the business class that was behind it and which took advantage of the ruin of the former. My understanding of what derived from the facts written above, namely the emergence of a "new" political class, is representative of the issue that in Italy the decline results directly both from the inability to read or to create an idea of society, which, as it is evident, it is no longer divided between fascists and communists, and from the subsequent Italian tendency "to mind its own business". However, returning to the Italians, I remember something said by the director Mario Monicelli in a recent interview: “The Italians need someone to tell them how to do and what to do because they, on their own, do not feel like. However, when they get tired of this condition, they fetch it all together, and hang it upside down.”

SA: Would you like to say anything in particular or speak of someone you love to SuccoAcido readers?

NR: If they were to decode a DNA of the independent Italian music, SuccoAcido would be one of those threads that tends to keep all the little balls together.

SA: Would you like to talk about how to cook some of your favorite dish?

NR: Certainly by impro !

 
Nicola Ratti

"Non voglio più una destra o una sinistra, né simboli o slogan o lotte di classe, vorrei una società libera da tutto ciò, serena e una cultura risplendente. Mi sembra un miraggio se guardo all'oggi, però almeno nei sogni cerchiamo di non essere dei perdenti."

 
 

SA: Presentati

NR: Ciao, sono Nicola Ratti, vivo a Milano, dove sono nato 31 anni fa. sono un musicista, suono solo, come Nicola Ratti, in gruppo con i Ronin e in duo con Giuseppe Ielasi come Bellows. Faccio anche l'architetto, non da solo, con amici.

SA: Chitarre... Quali sono le tue preferite? Amplificatori? Quali altri strumenti suoni?

NR: Posso dire di amare la chitarra che uso di più, una Gibson ES 135 e come ampli assolutamente Fender, ora ho un Deluxe Reverb '65. Sono attratto da tutto ciò che produca suono, ultimamente mi sono affacciato nel mondo dei sintetizzatori modulari, sui giradischi modificati e organi/farfise. Se avessi più soldi sarei rovinato, e dovrei scegliermi una casa più grande.

SA: Qual è stato il tuo primo approccio con la musica? Quali sono state le tue influenze?

NR: Il mio primo approccio è stato quasi scolastico, i miei mi hanno mandato a studiare pianoforte quando andavo alle elementari, dopo qualche anno in casa mia è apparsa una chitarra classica e allora stop allo studio e al solfeggio, nel giro di pochi mesi l'avevo ricoperta di adesivi di gruppi e lo spirito di emulazione di quest'ultimi ha fatto il resto... Immagina i Metallica suonati su di una chitarra classica marcia da un ragazzino delle medie... Sebbene fossero stati i miei a spingermi alla musica, all'interno della mia famiglia non ne è mai circolata molta, Battisti a parte (odiato per il resto della mia adolescenza ma ora molto amato). Quindi le influenze sono arrivate tutte da fuori, amici, persone incontrate, consigli, cassette e così via. Ci sono alcuni personaggi che sono stati molto influenti e ai quali devo qualcosa, però la considero una questione privata.

SA: Vuoi parlarci della tematica delle parole nelle tue canzoni?

NR: Ultimamente mi è molto difficile parlare di questa cosa, in qualche modo mi provoca una certa sofferenza. La presenza delle parole e della mia voce all'interno dei mie ultimi lavori è diminuita molto, e in quello che sto facendo ora non ci sono neanche più brani che possano essere considerati canzoni. Ma forse sono arrivato alla fine di un percorso ed è venuto il momento di intraprenderne uno nuovo che attinga direttamente dal mio passato. Comunque ho dato sempre molta importanza alle parole, ho sempre cercato di raccontare immagini più che storie, preferendo l'intensità di una frase alla musicalità di una strofa o rima o quel che vuoi. Certo questa cosa a discapito della fluidità, non sono capace di scrivere una canzone comunemente intesa come tale.

SA: Perché non ci parli dei tuoi studi Universitari in Architettura?

NR: Non c'è molto da dire a riguardo. Toglietevi dalla testa l'immagine dell'architetto estroso e pieno di soldi. È un lavoro, un mestiere in cui una quota di creatività, sensibilità e cultura aiuta ma non ti salva la vita. Per me è un bel lavoro comunque. Condivido fatica e gioia del mestiere con altre 3 persone, il che mi aiuta ad organizzarmi meglio e cercare un'attitudine più professionale sia nell'uno che nell'altro campo. L'affitto è pagato da musica e architettura... a fatica.

SA: Dove ti collochi nella scena artistica contemporanea?

NR: Non so rispondere a questa domanda in un modo preciso perché non ho una visione definita di me tra gli altri. Suono in ambiti molto differenti tra loro e considero questa una fortuna, allo stesso tempo però non mi permette di mettermi a fuoco e vivo questa cosa con un po' di confusione, anche personale. Ma ci sto lavorando...

SA: Arriviamo a parlare delle tue ricerche sui suoni... vuoi spiegarci meglio?

NR: Inizialmente ho cercato di muovermi all'interno della ricerca sonora legata ai temi che già conoscevo come città, territorio etc. e qualcosa ho fatto: sonorizzazioni di mostre, piccole installazioni, lavori sul suono ambientale. Ma ultimamente sono molto più attratto dal suono in sé, che in fondo è il primo amore, e quindi sto iniziando a lavorare ad installazioni sonore relativamente pure da temi non inerenti al suono in sé, e sto ritrovando in queste idee la stessa passione che mi spinse anni fa a registrare i miei primi lavori solisti.

SA: Diversi album e collaborazioni... Diverse etichette... Ci vuoi parlare dei tuoi amici in quest'ambito?

NR: Considero una fortuna avere avuto la possibilità di pubblicare i miei lavori con etichette di diverse "scene" e nazioni. Questo mi ha permesso di venire a contatto con persone che ritengo importanti non solo musicalmente ma anche umanamente; penso a Mark Templeton, Morgan Packard ed Ezekiel Honig di Anticipate Rec. con i quali ho vissuto momenti molto belli e condiviso musiche in qualche modo distanti dalla mia maniera, Oliver Mann di Preservation, e tutti gli italiani con i quali ancora condivido il palco come Chet Martino e tutti i Ronin, Giuseppe Ielasi e ultimamente Attila Faravelli con il quale ho registrato un album molto bello in uscita a breve.

SA: Che importanza ha l'improvvisazione nella tua ricerca?

NR: Il termine improvvisazione è parecchio abusato nella musica generalmente intesa come sperimentale, però è senza dubbio una parte fondante della stessa. Per quanto mi riguarda uso l'improvvisazione esattamente come uso la composizione più canonica. Il disco con Attila a cui ho accennato precedentemente è costituito interamente da una session di improvvisazione, senza apportare alcuna modifica o aggiunta in fase di editing.

SA: Tu ed il tuo pubblico... Tu in tour.

NR: Non sono certo un animale da palco, considero in qualche modo l'esibizione live come una forzatura del mio essere musicista, però è necessaria, fa parte anch'essa del lavoro. C'è moltissima differenza nel suonare solo o in gruppo, nel primo caso si tende all'isolazionismo e nel secondo alla condivisione. Cerco comunque in entrambi i casi di trasmettere intensità a chi ascolta e a mostragli un po' di cuore. I tour veri li faccio solo con i Ronin, sono gioie e dolori.

SA: C'è una particolare etichetta che vorresti citare in questa occasione?

NR: Potrei citare quelle con cui ho avuto a che fare, ma approfitterei per elogiare le decine di etichette piccole con le quali oggi ha molto più senso pubblicare dei dischi rispetto ad etichette più blasonate con le quali i lavori perdono di personalità e cura. Meglio 150 copie ben confezionate capillarmente distribuite piuttosto che 2000 cd su tutte le riviste ma in nessun lettore cd.
 

SA: Puoi suggerirci qualche album o musicista che ci permetta di approcciarci meglio ai tuoi lavori?

NR: Beh, le influenze sono moltissime, troppe per cercare di essere esaustivo con una risposta... diciamo che si va da Carl Craig ai Talk Talk.

SA: Parlami della tua ultima produzione, nata dalla collaborazione con Attila Faravelli, "Lieu".

NR: Attila mi chiese di collaborare per le musiche di un film ("Vedozero" di Andrea Caccia), ci trovammo per registrare delle improvvisazioni che fossero però, come da richiesta, molto musicali. "Lieu" è nato da quelle registrazioni, selezionando del materiale non usato per il film e fatto mixare successivamente da Giuseppe Ielasi, con il quale abbiamo mantenuto l'anima "live" delle registrazioni anche nei brani finiti su disco. Poca post produzione ed editing, molta improvvisazione. È una collaborazione destinata a lunga vita, stiamo pensando a come registrare un nuovo lavoro, dico come perché un aspetto caratteristico di questo duo è sicuramente un approccio interessato alla manipolazione della fonte sonora ma anche del suo mezzo di diffusione, speakers, ampli e così via.

SA: Parlami, più a ruota libera possibile, dei Bellows e dei Ronin, ovvero Nicola Ratti in un contesto di incontro e di condivisione.

NR: FaravelliRatti, Bellows e Ronin rappresentano per me una parte fondamentale del mio essere musicista. Sempre di più considero le collaborazioni (ovviamente fruttuose come queste) step di una crescita individuale che si alimenta di diversi stimoli ed esempi. Infatti ho tre approcci completamente differenti nei tre gruppi sopra citati, ma alla fine nella mia musica (solo) si può sentire l'influenza diretta di ognuna di loro. Ogni collaborazione poi è una relazione umana, sono persone (soprattutto i Ronin) con i quali ho condiviso gioie e dolori, se non esistesse un aspetto umano nella condivisione della musica e del suonare non farei nulla di tutto ciò.

SA: Mi piacerebbe sapere qualcosa sul luogo in cui vivi... In generale...

NR: Milano... che dire, è un buon posto per vivere se vuoi lavorare e poco altro, tutto il resto te lo devi creare e cercare, ma contrariamente a quel che si dice se cerchi bene trovi ancora qualcosa per la quale valga la pena fermarsi ancora un po'. Anche se trovo l'italiano medio insopportabile e distruttivo, non sopporto la gente che si lamenta del posto in cui vive ma ci rimane, quindi passo oltre.

SA: Cosa pensi, in generale, della scena musicale attuale?

NR: Molti musicisti italiani sono conosciuti e stimati in casa e fuori, credo che questa sia già di per sé una conferma di come in questo paese si riproduca una buona musica. Esistono diverse scene e posso dire che spesso l'unica cosa che le accomuna sono pochi soldi e solidarietà fraterna.

SA: Cosa pensi, in generale, della scena sociale attuale?

NR: Qualcosa sta cambiando credo, ma di certo il cambiamento non lo conosciamo e non sarà simile al passato. La crisi sta nella struttura e non si combatte con paradigmi vecchi di decenni. Non voglio più una destra o una sinistra, né simboli o slogan o lotte di classe, vorrei una società libera da tutto ciò, serena e una cultura risplendente. Mi sembra un miraggio se guardo all'oggi, però almeno nei sogni cerchiamo di non essere dei perdenti.

SA: Chi individui come maggiori responsabili della attuale decandenza culturale e dei costumi?

NR: Assolutamente noi italiani! Con mani pulite siamo riusciti a spazzare via una classe politica ma non una classe imprenditoriale che le stava dietro e che ne ha poi sfruttato la rovina. Credo che quello che ne è derivato, cioè la nascita di una "nuova" classe politica, sia rappresentativo del fatto che in Italia la decadenza deriva direttamente dall'incapacità di leggere o creare un'idea di società, che come è evidente non è più divisa tra fascisti e comunisti, e dalla conseguente tendenza italiana di fare solo il proprio interesse. Comunque, ritornando agli italiani, vorrei ricordare una cosa detta in una delle ultime interviste del regista Mario Monicelli: "Gli italiani hanno bisogno di qualcuno che gli dica come fare e cosa fare perché da soli non hanno voglia ma poi quando si sono stufati lo prendono, tutti insieme, e lo appendono a testa all'ingiù...".

SA: Vorresti dire qualcosa in particolare o parlare di qualcosa che ami ai lettori di SuccoAcido?

NR: Se dovessero decifrare un DNA della musica italiana indipendente SuccoAcido sarebbe uno di quei fili che nei disegni tengono attaccate tutte le palline.

SA: Vuoi parlare di come cucinare alcuni dei tuoi piatti preferiti?

NR: Certamente improvvisando!

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

pens: Emanuele Calì, Marc De Dieux

translation: Patrizia Briguglia

links:

http://www.nicolaratti.com/

http://www.myspace.com/nclrtt

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from Emanuele Calì 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
FRIENDS

Your control panel.
 
Old Admin control not available
waiting new website
in the next days...
Please be patience.
It will be available as soon as possibile, thanks.
De Dieux /\ SuccoAcido

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
SUCCOACIDO COMMUNITY
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.