September 20 2020 | Last Update on 09/04/2020 08:54:46
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 0 altri utenti online (-1 registrati, 1 ospite). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest | Musicians | Music Labels | Focus | Music Festivals | CD Reviews | Live Reports | Charts | Biblio | News | Links
Music - Musicians - Interview | by SuccoAcido in Music - Musicians on 12/12/2009 - Comments (0)

 
 
 
Fabio Albanese

Fabio Albanese’s music is a clear crystal that emits pure light. Successful is such rare example of lucid and mature self-produced grassroots art. The south that still makes you smile.

 
 

SA: Please introduce yourself to us…
FA: I am a musician, coming from Puglia, devoted to experimentation in music. The love for music, risen since my youth, evolves over time in finding new ways and new types of production, as an expression of my own personality. Proof of this are the different genres you can find in my several publications: Suburban Ways, Di Notti Insonni, Sternocleidomastoideo-le proprietà del pomodoro.

SA: Generally, what instruments do you like to play?
FA: I believe myself, without any presumption, a multi-instrumentalist, and even here my own productions can stand for witness. When I compose and play a song, I work without the help of other people, and this may be a stronger commitment, but, at the same time, it is an extra motivating force to improve my musical skills. I started out as guitarist but I've learnt to appreciate other instruments, more or less orthodox. I try to get sound from anything that might make one: I love the sounds of reality and the quiet of nature.
SA: How do you started being involved with music? Who had an influence on you first?
FA: I do not remember the very moment, I only know that I began to appreciate music – real music, I mean – while listening to my father’s records. I used to listen to what came to my hands without prejudice, with the naturalness that only a child has. Then experience makes you choose what you like and what you don’t. I believe that the influences of that period were very ordinary ones, which over time have been improved and modified through a different approach to music and life. Today I can think of other names, but I believe that everyone has contributed in a equally remarkable way.

SA: Would you tell us about your university studies?
FA: After graduating from High School, despite my bent for the humanities, I chose not to continue with university studies in order to better focus on music, but not just this. After graduation, in fact, I lived in London for work for a while, and, back in Italy, I lived in different regions thus absorbing landscapes, culture and tradition that undoubtedly influenced a lot my musical development.

SA: Where do you put yourself within artistic scene today?
FA: Certainly out of commerciality. Unfortunately or fortunately this tendency to experiment, to look for a route that has not been walked yet, brings my music to circulate in the underground environment mostly.

SA: Let’s speak about your research…
FA: My research is not made up, it’s a combination of music and life instead. In fact, over time my research has taken different paths according to what I needed, to my mood and mental conditions that I used to cling. As for an author his writings are an expression of himself and of his personality, the same is for me with my music and my trials in general. The constant is, in any case, the search for an intimate space made up of elements of nature in a time when everything seems to be solely and exclusively made by cement. Even people.

SA: What about improvement in your research?
FA: From a musical point of view I would not talk of progress or improvement, I can fairly say that there was definitely a personal growth that has enabled me to shift my gaze away from me and even from my music in the traditional sense.

SA: You and the audience... Some words about it, please.

FA: Which audience?? It’s been a while that my tendency to extreme testing has not conceded me the possibility of live performances. As I said earlier, I sometimes use obsolete instruments that would be awkward to carry on stage.

SA: What about your next projects?
FA: My next project is recording an album, a sort of tribute to the great figures of the past that time has made almost non-existent or still unknown to most. In this occasion I’m thinking to include texts as, which is unusual in my music, but necessary according to me. But now it is still early to speak about it, tracks are being recorded.

SA: You on tour... Ever had one?
FA: I played for several years traveling across Italy, especially in Puglia, until my music allowed me to – then I stopped for the reasons already mentioned. In short, until I felt the need to bring on stage an alarm clock, a crying baby, some birds to reproduce their singing.

SA: Is there any music label you would like to mention here to allow people discover it?

FA: Absolutely not. I firmly believe in home recording. Maybe this implies bigger expense for a musician .. but you don’t have to give up your freedom, at least.

SA: Could you suggest us any album or musician to better approach you?
FA: Surely the whole production of Nick Drake, Tim Buckley’s Happy Sad, Blue Afternoon, Lorca, Starsailor, Elliott Smith – who I feel very close to. Some slow-core bands and post-rock ones like Mogwai, Codeine, Slint, Explosions in the sky, Godspeed you! Black Emperor, all the Italian and not Italian progressive , the real one I mean, that of the 70's, psychedelic music in general, dark and new wave, with the Italian Piero Ciampi, Claudio Lolli, Enzo Maolucci, but I could go on forever.

SA: I would like to ask you about your hometown and your relation with it, with the place you live in. What about the music environment? Any friends you’d like to mention here?
FA: The city I live in, Barletta, is going through a very important change in its development, which unfortunately does not impact at all on the music environment. There are several interesting initiatives, festivals, concerts, but if you're out of commerciality you're also out of the circle.

SA: What do you think about the current music scene in general?
FA: Well asking a musician who’s out of any media event what he thinks about the current music scene is a bit like a rhetorical question, meaning that as I strongly aim to some music which is different from the circulating one, I do not say that I tend to snobbery, but I consider all this new music undifferentiated .. yes, there are still some performing groups worthy of attention, sources of good music ... but the rest ...

SA: What do you think about the social environment in general?
FA: That is worse than the music one. Now I may sound rhetoric, but we're seeing the annihilation of anything that resembles values. It seems to me that new generations just love to appear and there is a strong circulation of drugs, at least in my area. Although there are some small but committed elements that make me hope for well.

SA: Do you work with music for a living or you have got another job?
FA: If I worked with my music for a living I would be famous! Jokes aside, for the moment I'm trying to make my music, work and other commitments to reconcile. But I hope one day to make music my job.

SA: Would you like to say anything in particular or speak of someone you love to SuccoAcido readers?
FA: I'd like to talk about love for music or for life, of commitment to make things change, of how important is being aware of where you live and who’s governing your country, of what’s being done and what could be done. But these would only be words. Certainly experience always teaches more than words.

SA: Would you like to teach us how to cook some of your favorite dishes?
FA: I have many favorite dishes .. but I prefer to create and experiment one for this occasion: the dish of happiness. The ingredients are: ¼ Bianciardi, 70% of Nature, a large rainbow, enough rain, a fixed temperature of 25 °C, lots of music. Mix properly in the oven at 200 ° for 10 minutes and serve warm.

SA: Would you like to ask to yourself any question I forgot to ask to you? Any needing, I am here to let them read it.
FA: One question may be - which meaning does the word musician involve for you? The answer would sound like this: in my case, besides being a status, a condition which I every day relate to, being a musician is not limited to composing-recording-spreading. Among my music interests I also include composition of soundtracks for short films, the latest one was Met a neon last night, written by Claudia Gorgoglione and directed by excellent Paola Luciani. I’m also involved with covering music in several theatre performances, and, last but not least, I’m covering the setting of some exhibitions and presentations - please refer to my myspace address for more details.

SA: Can you speak about the way your first album Sternocleidomastoideo - Le proprietà del pomodoro came up? And, if you like, add a comment or a word or an image for each song... I love them all.
FA: Sternocleidomastoideo le proprietà del pomodoro was born a bit like my previous albums, for excessive sound absorption. Every time I record an album I need a long break that allows the absorption of new sounds until when, saturated, I feel the need to translate them into notes by filtering them through my thoughts. This record in particular, although it is my third product, I consider it a bit like my first real work, not for the maturity of the music but for the channels and paths that it has walked through, and this is always unexpected when it comes to instrumental music. I dare say, in fact, that my music is characterized by the absence, the one of spoken words, and by the constance of my composition method: nights spent hunched over a guitar, the smells of the city in the background and cigarettes – both extinguished or not.
Day after day they have shaped what today is "only" tracks and told the story that the listening ear decides to get from this music grammelot. Unheard voices become in Buzz the introduction that foreshadows the intimate dimension where prying thoughts both find and offer shelter, in a world, for example, where lights clear the way as it happens in Met a neon last night, in which it seems that neon lights are alive as human beings talking to each other using a language of intermittency and power surges. This is a song that I feel very close to because it happened, as with other songs, that music has served (and the target was that) for the eloquent images of the homonymous short film directed by Paola Luciani for the story written by Claudia Gorgoglione, and it is part of the film Where is the Rainbow? also, directed by Matteo Duranti and Cristiano Carotti.
In other tracks, however, the images can be derived directly from the title or from the sounds I used – not only from the films they’re part of; I think of Trees, an homage to nature in post-rock interpretation, which I presented at the Weimar festival with a video - Dark Regions - produced by Emanuele Napolitano and Francesco Petricca. Innocence came as a result of the contrast between the musical side (namely between indie sounds and real sounds) and the merely didactic one that was supported by the video, and was used for the Route 77 review at Teatro Kursaal Santa Lucia in Bari.
...e fuori piove, included in previous Di Notti Insonni album, then reread for the occasion in a folktronic key, which gave me a good deal of satisfaction for the large number of transmission in radios and for its video which I wanted and directed to show all of my inner world. Le cliquer arrongant de Monsieur Morbier uses an excellent and meaningful explanation, which is the result of the previously mentioned Mr. Emanuele Napolitano’s images showing time in all its tyranny, greedy of instant and moments. Petali, with its delicate sounds, is a post-dadaist anthem - to quote Stefano Solventi - that accompanies the performance of the great Alberto Grifi, Verifica Incerta, during the review hosted by Kursaal theatre.
Your origami, probably the only "positive note" of the entire album as it tells about life in all its optimism, only disturbed at some point, a descending note: the inevitable and undesirable bitterness that swoops into existence.
Also Arbres des nuages sur moi has been elected, to my delight, to the scoring of images - of Farida, to be precise, a short film directed by Natascia Abbattista. It describes the passage of clouds that makes the weather either rainy or sunny, the moment before or the one later, the best or the worst.
Only three tracks are left "orphan" of images. La danza degli ombrelli I think it is just an expression of my personality: lover of the rain, a little less of umbrellas, and of melancholy that rain expresses, which is for me to include in the sphere of positive feelings.
Snow is the son of a snowy day in a place where snow is mostly absent, was born between the strings of my guitar (which is, remember, my main instrument) and turned (not automatically) into a digital version. It has got surprise, joy, cold, warmth and .. snow inside.
From snow to Winter in Berlin, which is divided into two parts. One draws heat, fireplaces, Victorian houses, the joy to huddle under the covers; the second part is as icy as Jack Frost, with no possibility of salvation in a place, Berlin, which unites and divides avant-garde and retro style, ancient and modern, like its old wall used to do. To act as a curtain between songs there are three Breaks scattered throughout the album that are an explicit reference to elements of nature, and give the illusion of a breath in a place where the only possible reality is concrete and just the dream of a small green airy place is left.

 
Fabio Albanese

La musica di Fabio Albanese è cristallo limpido che emette una luce pura. Felice è raro esempio di lucida e matura autoproduzione dal basso, il sud che fa ancora bene al sorriso.

 
 

SA: Fabio Albanese, puoi presentarti ai lettori di SuccoAcido?
FA: Sono un musicista pugliese dedito alla sperimentazione nel campo musicale. L'amore per la musica, fin da una giovanissima età, si evolve nel tempo nella ricerca di nuove modalità e nuovi tipi di produzione, espressione della mia stessa personalità. Ne sono prova i diversi generi musicali presenti nelle diverse pubblicazioni: Suburban Ways, Di Notti Insonni, Sternocleidomastoideo-le proprietà del pomodoro.

SA: Quali strumenti (generalmente) sei solito suonare?

FA: Mi ritengo, senza alcuna presunzione, un polistrumentista; ed anche qui a testimoniarlo sono le mie stesse produzioni. Quando compongo e riproduco un brano, lo faccio senza l'ausilio di altre persone e questo comporta un impegno maggiore che al tempo stesso è uno stimolo in più per le mie competenze musicali. Nasco come chitarrista ma ho imparato ad apprezzare altri strumenti più o meno ortodossi, cerco di ricavare suoni da tutto ciò che possa produrne uno: amo molto i suoni della realtà ed i silenzi della natura.

SA: In che modo hai cominciato ad essere coinvolto dalla musica? Quali erano le tue influenze?
FA: Il momento preciso non lo ricordo, so solo che ho cominciato ad apprezzare la musica - quella vera - ascoltando i dischi di mio padre. Ascoltavo quello che mi capitava sotto mano senza pregiudizi con l'ingenuità che solo un bambino possiede. Poi l'esperienza ti fa scegliere cosa ti piace e cosa no. Credo che le influenze di allora fossero delle molto comuni che nel tempo si sono affinate, modificate da un diverso approccio alla musica ed alla vita. Oggi mi vengono in mente altri nomi, ma credo che tutti abbiano dato un contributo egualmente notevole.

SA: Potresti raccontarci dei tuoi studi universitari?
FA: Sono diplomato al liceo classico e, nonostante la mia propensione per le discipline umanistiche, ho scelto di non proseguire con gli studi universitari concentrandomi maggiormente sulla musica, ma non solo. Terminati gli studi, infatti, ho vissuto per un periodo a Londra, per motivi di lavoro; e, tornato in Italia, in diverse regioni assorbendone paesaggi, cultura e tradizione che senza dubbio hanno influito molto anche sulla mia evoluzione musicale.

SA: Dove posizioneresti te stesso all'interno della scena artistica odierna?
FA: Sicuramente fuori dalla commercialità. Purtroppo o per fortuna questa tendenza alla sperimentazione, alla ricerca di un percorso che non sia stato ancora battuto, porta la mia musica a circolare nell'underground ed a girare canali perlopiù sotterranei.

SA: Veniamo alla tua ricerca...
FA: La mia è una ricerca, neanche troppo costruita, che nasce dal connubio tra musica e vita, la mia. Infatti nel tempo le mie ricerche hanno preso strade diverse in base all'esigenza del momento, ai miei stati d'animo ed alle condizioni mentali che assecondavo. Come per un autore i suoi scritti sono espressione di sè e della sua personalità, così è per me la mia musica e la mia sperimentazione in genere. La costante è, in ogni caso, la ricerca di uno spazio intimo fatto di elementi della natura in un tempo in cui tutto sembra fatto solo ed esclusivamente di cemento. Anche le persone.

SA: Quali i progressi nella tua ricerca...
FA: Da un punto di vista musicale non parlerei di progressi o miglioramenti, piuttosto posso dire che c'è stata sicuramente una crescita personale che mi ha permesso di spostare lo sguardo anche fuori da me e quindi dalla mia musica tradizionalmente intesa.

SA: Tu ed il pubblico...qualche parola su questo...
FA: Quale pubblico??? Da diverso tempo è proprio la mia tendenza ad un'estrema sperimentazione a non concedermi possibilità di performance in pubblico. Come ho detto in precedenza a volte utilizzo strumenti obsoleti che sarebbe difficoltoso trasportare su un palco.

SA: I tuoi prossimi progetti...
FA: Il mio prossimo progetto è la registrazione di un album, una sorta di omaggio ai grandi personaggi del passato che il tempo ha reso pressochè inesistenti o comunque sconosciuti ai più. Per l'occasione sono previsti anche dei testi, inusuale nella mia musica, ma doveroso secondo me. Ma adesso è ancora presto, sono in fase di registrazione.

SA: In tour...mai avuto uno?
FA: Ho suonato per diversi anni in giro per l'Italia, ed in particolare in Puglia. Fino a che la mia musica me lo ha permesso per i motivi già detti. Fino a che non ho avuto insomma la necessità di dovermi portare una sveglia, un bambino in lacrime, degli uccelli per riprodurne il verso.

SA: Desideri menzionare alcuna etichetta musicale per permettere alla gente di scoprirla?
FA: Assolutamente no. Credo fermamente nell'autoproduzione, magari ha costi più elevati per un musicista... ma non ha come prezzo la libertà.

SA: Potresti suggerire alcuni albums o musicisti per permettere un maggiore approccio nei tuoi confronti?

FA: Sicuramente tutta la produzione di Nick Drake, Tim Buckley: Happy Sad, Blue Afternoon. Lorca, Starsailor, Elliott Smith che sento molto vicino, alcune bands slow-core e post-rock quali Mogwai, Codeine, Slint, Explosions in the sky, Godspeed You! Black Emperor, tutto il progressive italiano e non, quello vero, quello degli anni 70, la psichedelia in genere, il dark ed il new wave, gli italiani Piero Ciampi, Claudio Lolli, Enzo Maolucci e potrei continuare all'infinito.

SA: Mi piacerebbe chiederti della tua città e del tuo legame con il posto...il posto in cui vivi. Che ne pensi della scena musicale lì? Qualche amico da menzionare?
FA: La città un cui vivo, Barletta, vive un momento molto importante dal punto di vista dello sviluppo che, ahimè, non si ripercuote affatto sullo scenario musicale. Ci sono diverse iniziative interessanti, festivals, concerti, ma se sei fuori dalla commercialità sei anche fuori dal giro.

SA: Cosa ne pensi della attuale scena musicale?
FA: Bè chiedere ad un musicista fuori da ogni evento mediatico in senso stretto cosa pensi della scena musicale attuale è un pò come una domanda retorica, nel senso che essendo fortemente volto ad una musica altra rispetto a quella in circolazione, non dico che tendo ad un certo snobismo, ma considero questa nuova musica un pò tutta uguale... certo sulla scena ci sono ancora gruppi degni di attenzione, motori della buona musica... ma il resto...

SA: Cosa ne pensi della scena sociale in generale?
FA: Che è peggio di quella musicale. Adesso sembrerò io quello retorico, ma stiamo assistendo ad un azzeramento di qualsiasi cosa si avvicini ai valori. A me sembra che le nuove generazioni amino solo apparire e c'è una forte concentrazione di droghe, almeno dalle mie parti. Anche se delle componenti esigue ma impegnate lasciano ben sperare.

SA: Lavori con la tua musica o hai anche un altro lavoro?
FA: Se lavorassi con la mia musica sarei famosissimo! A parte gli scherzi, per il momento concilio la mia musica, il mio lavoro e impegni vari. Ma spero un giorno di poter fare della mia musica il mio lavoro.

SA: Vuoi dire qualcosa in particolare o parlare di qualcuno che ami ai lettori di SuccoAcido?
FA: Mi piacerebbe parlare dell'amore per la musica o per la vita, dell'impegno nel cambiare le cose, dell'importanza della consapevolezza del posto in cui si vive da chi è governato, di cosa si fa di cosa si potrebbe fare. Ma sarebbero solo parole. L'esperienza insegna sempre, sicuramente più delle parole.

SA: Vuoi parlare di come cucinare qualche tuo piatto preferito?
FA: Ho tanti piatti preferiti..ma preferisco creane, anzi sperimentarne, uno per l'occasione: il piatto della felicità. Gli ingredienti sono: ¼ di Bianciardi, 70% di Natura, un arcobaleno grande, pioggia quanto basta, 25 gradi costanti, tanta musica, si amalgama il tutto in forno a 200° per 10 minuti e si gusta caldo.

SA: Vuoi fare a te stesso qualche domanda che ho dimenticato di porti? Qualsiasi cosa, io sono qui per farla leggere.
FA: La domanda potrebbe essere - che significato ricopre la parola musicista per te? Io risponderei così: nel mio caso specifico, oltre ad essere uno status, una condizione con la quale mi rapporto ogni giorno, essere musicista non è limitato a comporre-registrare-diffondere. Tra i miei interessi musicali rientra anche e forse soprattutto la composizione di colonne sonore per cortometraggi, l'ultimo met a neon last night, scritto dalla poliedrica Claudia Gorgoglione e diretto dalla bravissima Paola Luciani, l'impegno come curatore di musiche per diversi spettacoli teatrali e non ultimo l'allestimento per mostre e presentazioni, rimando al mio indirizzo myspace per maggiori dettagli.

SA: Potresti spiegare in quale modo il tuo ultimo album Sternocleidomastoideo-le proprietà del pomodoro sia nato? E, qualora lo volessi, aggiungere un commento o una parola o un' immagine per ogni singolo brano... li amo.
FA: Sternocleidomastoideo-le proprietà del pomodoro nasce un po’ come il resto degli album precedenti, per eccesso di suoni assorbiti. In pratica ogni volta che registro un album ho bisogno di una lunga pausa, ovvero la fase dell’assorbimento di nuovi suoni fino a che, saturo, non sento l’esigenza di tradurli in note filtrandoli attraverso i miei pensieri. In particolare questo, nonostante sia il mio terzo “prodotto”, lo considero un pò come il primo vero lavoro, non per la maturità della musica quanto per i canali che ha percorso e talvolta raggiunto e ciò è sempre inaspettato quando si parla di musica strumentale. Oserei dire, infatti, che la mia musica è caratterizzata dall’elemento dell’assenza, quella delle parole esternate e dalla costante della modalità di composizione: notti passate chino su una chitarra, odori della città in sottofondo e sigarette spente o anche no. Giorni dopo giorni hanno dato forma quelle che oggi sono “solo” tracce e raccontano la storia che l’orecchio in ascolto decide di percepire da questo grammelot musicale. Voci interiori inascoltate diventano in Buzz l’introduzione che preannuncia la dimensione intima in cui indiscreti pensieri trovano e offrono riparo; in un mondo, ad esempio, in cui le luci rivelano la strada come accade in Met a neon last night dove sembra che in piena notte, i neon siano vivi più degli essere umani comunicando tra loro con un linguaggio fatto di intermittenze e sbalzi di corrente. Questo è un brano a cui sono molto legato anche perché è accaduto, come per altri brani, che la musica abbia servito (come da obiettivo) le eloquentissime immagini nell’omonimo cortometraggio diretto da Paola Luciani per il soggetto di Claudia Gorgoglione, ed inoltre fa anche parte del film Where is the rainbow? Per la regia di Matteo Duranti e Cristiano Carotti.
In altri brani, invece, le immagini sono deducibili direttamente dal titolo o dai suoni oltre che dalle pellicole che li hanno ospitati; penso a Trees, omaggio alla natura in chiave post-rock, che ha partecipato al festival di Weimar con un video - Dark regions - realizzato da Emanuele Napolitano e Francesco Petricca; Innocence, risultato del contrasto strettamente musicale da un lato( tra suoni indie e suoni reali) e quello meramente didascalico supportato dal video utilizzato per la rassegna Route 77 al Teatro Kursaal Santa Lucia di Bari; E fuori piove, brano già presente in Di notti insonni e rivisitato per l’occasione in chiave folktronica, che mi ha dato una buona dose di soddisfazioni per il gran numero di passaggi radiofonici e che contava già sul video da me voluto e diretto al fine di mostrare tutto il mio mondo interiore; Le cliquer arrongant de Monsieur Morbier si avvale di un’ottima e significativa spiegazione, frutto delle immagini del già citato Emanuele Napolitano che mostrano il Signor Tempo in tutta la sua tirannia, ingordo di attimi ed istanti; Petali, deducibilmente dai suoni delicati, inno post-dadaista - per citare le parole di Stefano Solventi - accompagna nella suddetta rassegna al teatro Kursaal Verifica incerta del grande Alberto Grifi; Your origami, probabilmente unica “nota positiva” di tutto l’album nel senso che racconta la vita in tutta la sua positività disturbata solo, ad un certo punto, da una nota discendente: l’amarezza inevitabile ed indesiderata che piomba nell’esistenza. Anche Arbres des nuages sur moi è eletta, con mio sommo piacere, all’accompagnamento di immagini come per Farida - cortometraggio di Natascia Abbatista e Where is the rainbow? , e racconta di un passaggio di nuvole che determina a seconda dei casi, la pioggia ed il sereno, l’attimo prima e l’attimo dopo, il meglio ed il peggio.
Restano solo tre brani “orfani” di immagini, solo nella pratica naturalmente. La danza degli ombrelli ritengo che sia proprio espressione della mia personalità: amante della pioggia- un po’ meno degli ombrelli- e della malinconia che questa trasmette e che è per me da includere nella sfera dei sentimenti positivi. Snow è figlio di un giorno di neve in un posto dove la neve è pressochè assente, nasce tra le corde della mia chitarra (che è, lo ricordo, il mio strumento principe) e si trasforma (non autonomamente) in versione digitale. Racchiude sorpresa , gioia, freddo, tepore e ..neve.
Dalla neve all’ Inverno a Berlino (Winter in Berlin) che si divide in due parti, la prima richiama il calore, i camini, le case vittoriane, la gioia di stringersi sotto le coperte; la seconda parte è algida come il Generale Inverno, senza possibilità di salvezza alcuna in un posto , Berlino, che unisce e divide avanguardia e stile retrò, antico e moderno, come il suo vecchio muro. A fare da sipario tra i brani ci sono tre Pause disseminate in tutto l’album e che sono un esplicito richiamo agli elementi della natura che offrono l’illusione di un respiro in un posto in cui l’unica realtà possibile è il cemento e non resta che il sogno di un piccolo spazio verde ed ossigenato.

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

pen: Marc De Dieux

translations: Ester Lo Coco

link: http://www.myspace.com/fabioalbanese

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from SuccoAcido 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
FRIENDS

Your control panel.
 
Old Admin control not available
waiting new website
in the next days...
Please be patience.
It will be available as soon as possibile, thanks.
De Dieux /\ SuccoAcido

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
SUCCOACIDO COMMUNITY
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.