October 23 2014 | Last Update on 22/10/2014 10.23.45
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
C'è 1 altro utente online (-1 registrati, 2 ospiti). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest | Musicians | Music Labels | Focus | Music Festivals | CD Reviews | Live Reports | Charts | Biblio | News | Links
Music - Musicians - Interview | by SuccoAcido in Music - Musicians on 21/06/2009 - Comments (1)
 
 
 
Trivo

The foggian Trivo, had exploit as many as six years to complete his "Emoterapia".
An overdose of placebo effect medicines, 17 tracks, summarized in 38 minutes of lo-fi distortions and reverse ways.
The freshness is the central pillar of this album, self-producted and hand-assembled, a magic album for the sapient use of stylistic joints, for the constantly crossing the line lyrics, but never shamelessly nonsense, magic because created in the restless domestic calm, with zeal and self-sacrifice.
Most part of the files, in fact, were lost, but just like when the "good Trivo" was near to dropping the whole project, a little voice called him to order.

 
 

An album who smells like tasty, potato chips, trading cards, commodore 64 and cartoons. A very strong perfume who anaesthetize and soothe the hurts.
Absolutely crystal-clear, even in the psycopop chaos that rolling itself in the throat,
"Emoterapia" is a disenchanted record, but capable to create a micro world to take rifuge in case of panic.

SA: Trivo. Would you like to present yourself?
Who is Trivo individually?
And... what does the word “Trivo” mean?

TR: Trivo is a man child born in 1977 and grow (not much) in Foggia. Trivo is a guy who always tried to do (in a bad way) a lot of things: music, drawings, graphics, photography, cinema...
aw... i've forgotten... in the breaks he's desperately tryin' to confer a degree on Cultural Heritage.
The word Trivo is born in the moment I needed to give a name to my new solo project.
I needed to definy my own identity.
I just tell you three different versions and every single one can be the right one:
a) Trivo comes simply from my surname
b) Trivo comes from "Trivio", the three philosophical-literary subjects
(grammar, rhetoric and dialectic).
c) Trivo comes from a my typing error, during a casual talk while i was
conffessing to my friend "io mi trivo male in questa società"*
*the right one was "io mi trovo male in questa società" (I cannot find
myself in this society)

SA: The album production is linked to your personal life experience, a certain billiant observation on the shakiness of life and the hope as a surivor method...
TR: Wait a moment just takin' my dictionary... "shakiness"! Oh Well!
Essentially, i think is unhelpful to run away from our frailty, because sooner or later it hunt out you disguised by fear, confusion, loneliness... so is better to be ready when it will happens.
Face up to and admit... ok, i've got this weak spots. Let's talking about them, exorcize them and maybe we can turn them in goodness.
Hope exist if you exist. It must be inside of you. If you kill yourself before the death, there's no hope too.
Even now i know my words can sound like that men who speak at self-esteem courses, but actually i'm usually pessimistic... so this is the reason why i focus the attention on music to cure my troubled soul.

SA: As described prematurely, the album has an intimate mood, domestic, nevertheless waft something of restless, a cryptic and loneliness dimension...

TR: To put on airs myself and seem an "arty-guy", i could say that the house is always been a source of energy, positive and negative: a sense of peace and tranquillity, against to fear and fright, just like in a magnetic dipole.
But the concrete is that i dont't know anythin about registration techique and just a little bit of kind of music.
A boxed sardine in oil could recount you about audio frequencies and tell you a good story about the dusky darkwave of 80's much better than me.
I just can say that i always recorded songs by myself at home and i always listened different kind of music since a was i child. I just put together the piecies of puzzle guided by my mood.

SA: "The album theme is the whole course that you undertaking when you realize to be fragile", what did you lead up to transpose, with such a disarming sincerity, a spark off feelings into a musical trip?

TR: I don't know how i did it.
Sometimes it's been a natural and genuine path, many times instead i buried meanings under layers of sounds/noises and words apparently with no sense. I agree that my lyrics can be hard to understand, but sometimes i can't uncover myself so much, so that's the reason why I inserted 5-6 instrumental tracks in the cd. I let the music speaking for me. I like the "song's emotional flexibility appeal", where everyone can find own personal meaning and can stick it on themself, as and where they want.

SA: Would you like to write a comment for each song by your first record? You have no limit...

TR: I'm telling you some curiosities about some songs:
"La disciplina delle fermentazioni" was born as a feeling piece, to introduce gently the listeners into my world. I wanted to try to get the same kind of wrapping emotion that passed through myself when I heard for the first time "Plainsong", the opening track of "Disintegration" by The Cure.

"Ratio me fugit" is a song about schizophrenia and I explain it as a "tarantella-stoner". I recorder all the part of tribal percussions with improvised instruments like plastic bottles, door keys, chains and tableware.

"Ho un gatto nel cervello" born from my love for horror movies, and speaks about obsessions.
In the central break i've hidden a string-intro of "Torna a Surriento" played in reverse.

"Ho bisogno di qualcosa di cui non ho bisogno" as music was born in 1995, then I rearranged it with new lyrics in 2004. Isn't a song about cocaine, but is related to every dependences. The phrase before the chorus ("Are you feeling that excruciating pain on the breastbone just like me?") was spoken by me when i was drunk. For the baby-voice i get the samples from a real speaking-doll of the 70' belong to my sister.

"Tu non sei normale" contains just one verse ("No, Charlie Brown isn'a friend of mine at all") and comes from the urgent need to dissociate me from those stupid festivities of New Year's Day where you are forced to dance on that song, I believe is named "Disco Samba", that says "eh meu
amigo Charlie Brown"...

With "Questa non è una canzone" I wanted to cite Magritte of "Ceci n'est pas une pipe" and at the same time I wanted to joke about a scientific treaty that analyzed modern music.

"Perchè la cattiveria è enorme" is an exclamation that I have recorded from an interview on a local TV, inserted then in the song, where passing answered thus to the question: "Why in this world we have so much wickedness?".
The opening arpeggio has come to me outside while I tried to play Today of The Smashing Pumpkins.

"Piccola perdita di sostanza polpastrello" it is born from my personal adventure to the first aid, in the day I risked to cut my finger.

"Talking to Van Vera" it is a word game in order to say that a lot often is preferibile to be quiet rather than to shoot words just to speak. The curious thing is that it is not a piece sung but there is a long jew's harp solo that sound with the mouth!

"Nero" it is intentionally the more ruined and lo-fi track of the disc. I think is the one with the more experienced text. Sung in a weak voice, between dolphins and whales, tape that pop in loop, walkie talkie, guitars that hiss like sonorous carpet. People still today say to me that " my copy is ruined, Nero listen so badly"!

"Kisstarsky" it is the piece that represents better the complex genesis of the disc: I had this arpeggio recorded sin from 2003 and I couldn't release myself with it. Then in the past summer I've had a flash of inspiration and when I was at the end I have decided to leave it as an instrumental track because I had fear to ruin it with a text. The end-not-end with the drums that starts again is a symbol of hope and of rebirth that closes the journey of Emoterapia. The title it comes from the fusion of three words (Kiss - stars - sky).

SA: Which are the instruments that you played in the course of the album, and what's your writing course?
TR: I play (but it would accurate assert that i "torture") everything it comes to my hand: guitar, bass, keyboards, synth, drum, drum machines, percussion, jew's harp, kazoo, little bells, bottles, keys, dolls...
I have a weakness for analog instruments, 8-bit sounds, beacause they are my childhood's sounds, and then i love every kind of noise, beacause i'm basically a boor, wild, bloodthirsty, convinced to possess a woolly music talent.
My course is not to have a course.
I follow my ears, my eyes and my heart.
I write some words and save them until i decide to put them in some kind of "order".
I get the guitar or the little keyboard, take out some satisfactory sequence of sounds and then I work on it.
"Veronica ha un virus" (Veronica got a virus) was born hearing an exlamation at the hospital.
"La disciplina delle fermentazioni" (Discipline of fermentations) comes from a farmer advice manifest.
"Ho un gatto nel cervello" (I got a cat in the brain) comes from a Lucio Fulci's horror splatter movie.
"Nero" (Black) was initially born thinking about a serial killer story, then turned into a tale of a girl with compulsive eating problems.
And last, for example, there are some riffs that come out in the meantime you are trying to play some famous songs, but you are playing that in the wrong way... but nobody won't tell you except the undersigned!

SA: Are you planning a tour maybe?

TR: Actually i don't play live anymore just because i can't remember my song's chords (it's true, please don't laugh at me) I'd like to perform something, I just start to find some musicians, but I have a difficult character, so it will be hard to do.

SA: Six years for an absolutely superlative album!
Maybe it's a first, second and third en bloc album? Anyhow, for all of us you are an example to follow. What would like to say about?

TR: Thank you very much, nevertheless I feel still very defective in it. Truthly I had recorded others cd previously with other names of mythical band (Crazy 4 Edwige and Radiozorz), but this is the first one from " Trivo".
I have not thought to take 6 years to make a good job to me, I have only had various pauses for personal problems and then in 2005 the 70% of the recordings have gone lost when my PC fused and I have been on the point to let go all.
Then I put myself to the job again and I have thought… if the others do a demo-disc of 4-5 pieces every two years, me, with all the stuff that I have some can make one of 17 pieces after 6 years of silence. And 17 are not a random number.
In reality… you have reason, are three discs in one. Well done! I do not know if I am an example to follow, I have always made all trying not to be influenced from the conventions like… a demo must be recorded in professional way, it must have maximum three pieces, a hit single one that it does not exceed 4 minutes, and all it must be accompanied with 2 photos where the face is looked at well... On my opinion these "rules" they have nothing to do with the true essence of music.

SA: The 200 tracks already recorded in the past and not included in this album will remain "the Trivo's mistery box", or come to light in the next projects?
TR: Yes, i realized that i wrote more interesting musics when i was 17-20, so for the next potential works i'll cacht from the past customizing to present time just making them easy for the world around Trivo.

SA: Your album is self-producted for your choiche or did you tried to contact some label before and then you didn't get an agreement? What do you think about italian indie-labels? And in the rest of the world?
TR: The album is self-product because I could make all what it seemed to me. I wanted to cure every minimal detail, from the photos to the graphics, and I wanted to decide which and how many songs would be ended within. I would have had a million of problems with any label (where never it has been looked at a demo with 17 traces that he begins with 2 instrumental pieces?), and they would have ruined the nature of the concept. I could not support that a stranger entered in my circle and broke it just to obey to the stupid marketing laws.
Of the Italian labels honestly I know a little, even if I have sent "Emoterapia" to 5-6 small record houses that me seemed interesting, but evidently I did not seem interesting for they… since they have not never answered me.
The only one that contacted me has been Giulio Corda (ex element of "Giuliodorme"), than now has a small independent label. He Has been much kind one, has called to me to the cellular-phone and he has given some precious advices to me for the future. I pick this occasion to still give thanks to him.
Speaking about foreign countries I have grown with the myth of the " Sub-Pop", when with little money they produced "fuzzy" records, but full of brilliant intuitions.
But they were years 80-90, where it could experience and where the discs were still sold.
I think then to first album of pioneers of homemade recording like Daniel Johnston, Lou Barlow, Guided by Voices, Pavement, Beck… if they had refused their songs because recorded in low-fidelity, probably now we would have gotten lost all these compositive talents, and therefore perhaps in the foreign countries they have risked more than us watching to the substance more than to the form.

SA: Compared to 6 years ago when you started recording the album, do youmiss something now?

TR: I mean just right the general sense of the word...
I miss the will to play. Emoterapia could be the first one and last album from Trivo.

SA: Your CD "Emoterapia" is under Creative Commons... what about SIAE?
TR: While I was completing the recordings of "Emoterapia" I read a article that it said:
" It is not crime and is not sanzionabile the lacked insertion of "Siae" brands on cd and dvd containing software, video, film, music and data banks. For many as three times, the Italian Court of Cassation thus have expressed acknowledging an old Europea Union sentence."
I only was interested being recognized like author of my songs.
"Creative Commons" gave me all the freedom that I was looking for and it did not ask nothing in exchange except the free spread of my music. In fact the album is free downloadable from my "myspace" site, but if someone wanted own the cd, I ask just 3 euros as reimbursement expenses for supports and prints; i give all the songs for free.

SA: A question for the reader tourist in Italy...How is life in Foggia? What's your favourite local product? Can you tell me some nice places to visit near your town?

TR: Sometimes well other times badly. It has all the problems of the cities of the south. According to those famous ranking of the quality of the life, this would not be a beautiful place to live. Paraphrasing the Coen brothers' movie, this is not a country for young people! Many of my
generation are emigrated towards the north, but I think that if I had grown in a great full city of spur and fun I would probably not have had time and the will to watch inside of me and recording that kind of songs. Therefore in a way, to live here has helped me to create a kind
of "creative antibodies". Into a another city I would have gotten lost behind many bullshit and I would have been only a passive spectator of all that I lived.
I'm not a big testimonial for my city, you would have to ask Renzo Arbore for the local specialties, but if you will come in this places you must absolutely try the " troccoli" , a special type of spaghetti made by hand! In the vicinities there are some charming places like all subappennino dauno and the gargano.

SA: Auto-question vrooom vrooom... you are uncensored here.
TR: Obviously I give thanks you of succoacido for this laborious interview and then I would want to say a thing to the kids…
Internet is a wonderful thing for music and the musicians but… you don't need to upload all the Beatles discography in two hours only make the braggart with your friends… we do not lose the fascination of buying a cd, to discard it and to smell the perfume, to read and translate the lyrics, and above all, we must listen to it to the stereo in solitude, and not in front of the PC between a video porn and chatting with the friends. Music deserves a little more of cure and heart. Thanks

 
Trivo

Il foggiano Trivo, ha impiegato ben 6 anni per completare la sua “Emoterapia”. Un overdose di farmaci ad effetto placebo, 17 tracce, condensate in 38 minuti di distorsioni lo-fi e inversioni di marcia.
La freschezza è il punto cardine di quest’album autoprodotto e assemblato a mano, un album magico per un uso sapiente degli incastri stilistici, per i testi costantemente sopra le righe ma mai sfacciatamente nonsense, magico perché nato tra l’inquieta quiete domestica, con zelo e spirito di abnegazione. Buona parte dei file, infatti, era andata perduta, ma proprio quando il buon Trivo stava per archiviare il progetto, una vocina l’ha richiamato all’ordine.

 
 

Un disco che profuma di buono, di patatine, figurine, commodore64 e cartoni animati. Un profumo così forte da anestetizzare e lenire i dolori. Assolutamente cristallino, pur nel caos psychopop di un cantato che si rotola in gola, “Emoterapia” è un disco disincantato, ma capace di creare un micro mondo nel quale rifugiarsi in caso di panico.

SA: Trivo. Ti piacerebbe presentarti?
Chi è Trivo individualmente (nella vita)?
E... cosa significa la parola “Trivo”?

TR: Trivo è un bambinone nato nel 1977 e cresciuto (poco) a Foggia. Nella vita Trivo è uno che ha sempre provato a fare (male) un sacco di cose in vari campi: musica, disegno, grafica, fotografia, cinema... ah...dimenticavo, nelle pause sta disperatamente cercando di laurearsi
in beni culturali. La parola Trivo è nata nel momento in cui dovevo dare un nome al mio
nuovo progetto solista. Avevo bisogno di una mia identità precisa.
Ti racconterò tre versioni e ognuna potrebbe essere quella giusta:
a) Trivo viene semplicemente dal mio cognome
b) Trivo viene da "Trivio", le tre discipline filosofico-letterarie
(grammatica, retorica e dialettica).
c) Trivo viene da un errore di battitura del sottoscritto durante una
conversazione cybernetica nella quale stavo confidando a un'amica "io
mi trivo male in questa società".

SA: La realizzazione dell’album è legata ad una tua esperienza ben precisa, in particolare ad una tua brillante osservazione sulla caducità della vita e la speranza come tecnica di sopravvivenza...

TR: Aspetta che prendo il dizionario... "caducità"! Ah ecco!
In sostanza, penso che sia inutile fuggire dalla propria fragilità, perchè prima o poi ti viene a stanare sotto forma di paura, smarrimento, solitudine... e allora è meglio farsi trovare pronti quando questo accade.
Guardarsi in faccia e dire... io ho questi punti deboli. Parliamone, esorcizziamoli, e forse possiamo trasformarli anche in virtù.
La speranza c'è quando ci sei tu. Deve essere dentro te. Se ti annulli, prima ancora della morte fisica, non c'è più neanche quella.
Anche se queste parole possono sembrare quelle di un tizio che tiene dei corsi per l'autostima, io spesso sono pessimista... ecco perchè mi butto sulla musica per curare la mia anima in pena.

SA: Come scritto più su, il disco ha un mood familiare, domestico, eppure aleggia qualcosa di inquieto, una dimensione criptica e solitaria..
TR: Per fare l'artistoide colto potrei dirti che la casa è sempre stata una fonte di energia positiva e negativa: un senso di pace e quiete contrapposto a paure e timori come in un dipolo magnetico.
Ma in realtà non so niente di tecniche di registrazione, e pochissimo di generi musicali.
Una sardina nella sua scatoletta sott'olio potrebbe narrarti di frequenze sonore e favoleggiare della tetra darkwave anni 80 molto meglio di me.
Quello che posso dirti è che ho sempre registrato in casa, e ho sempre ascoltato diverse cose fin da bambino. Ho solo messo insieme i pezzi del puzzle ogni volta secondo il mio stato d'animo.

SA: “Il tema del disco è tutto il percorso che si affronta quando ci si accorge di essere fragili” cosa ti ha portato a tradurre, con tale spiazzante sincerità, un moto dell’animo inun percorso musicale?

TR: Non so come ho fatto.
A volte è stato un percorso spontaneo e ingenuo, mentre altre volte ho sepolto i significati sotto strati di suoni/rumori e parole apparentemente senza senso. Mi rendo conto che le mie liriche possano risultare un po' ostiche, ma spesso non me la sento di scoprirmi troppo, ed è per questo che ho inserito nel cd 5-6 brani strumentali. Ho lasciato parlare la musica al mio posto. Mi piace poi il fascino della flessibilità emozionale della canzone: ognuno ci vede il suo significato e se la appiccica addosso come e dove vuole.

SA: Ti piacerebbe commentarci ciascuna canzone del tuo primo disco? Non hai alcun limite...
TR: Ti racconterò qualche curiosità di alcune canzoni:
"La disciplina delle fermentazioni" è nato come brano d'atmosfera per far entrare piano piano l'ascoltatore nel mio mondo. Volevo cercare di trasmettere lo stesso tipo di emozione avvolgente che mi aveva attraversato quando ho sentito la prima volta Plainsong, la traccia
d'apertura di Disintegration dei Cure.

"Ratio me fugit" è una canzone sulla schizofrenia e l'ho definita una tarantella-stoner. ha tutta la parte delle percussioni tribali registrate con strumenti improvvisati come bottiglie di plastica,
chiavi, catene e stoviglie varie.

"Ho un gatto nel cervello" nasce dalla mia passione per i film horror, e parla delle ossessioni in generale. Nella pausa centrale è nascosto un intro di archi di "Torna a Surriento" suonato al contrario.

"Ho bisogno di qualcosa di cui non ho bisogno" come musica è nata nel 1995, ma poi l'ho riadattata con un nuovo testo nel 2004. Non è un pezzo sulla cocaina, ma sulle dipendenze in generale. La frase che precede il ritornello ("Avverti anche tu quel lancinante dolore allo sterno?") la pronunciai durante una sbronza. Per le voci da bambina ho campionato una vera bambola anni 70 che apparteneva a mia sorella.

"Tu non sei normale" contiene un solo verso ("No, Charlie Brown non è affatto un mio amico") e nasce dalla mia urgente necessità di dissociarmi da quelle stupide feste di capodanno dove sei costretto a ballare per forza e c'è quella canzone, credo si chiami Disco Samba, che a un certo punto fa "eh meu amigo Charlie Brown"...

Con "Questa non è una canzone" volevo citare Magritte di "Ceci n'est pas une pipe" e nello stesso tempo prendere in giro un passo di un trattato scientifico che analizzava la musica moderna.

"Perchè la cattiveria è enorme" è un'esclamazione che ho registrato da un'intervista di un tv locale, inserita poi nella canzone, dove un passante rispondeva così alla domanda "Perchè nel mondo c'è tanta cattiveria?".
L'arpeggio iniziale mi è venuto fuori mentre cercavo di suonare Today degli Smashing Pumpkins.

"Piccola perdita di sostanza polpastrello" nasce da una mia personale avventura al pronto soccorso, nel giorno in cui rischiai di tagliarmi un dito.

"Talking to Van Vera" è un gioco di parole per dire che molto spesso è preferibile stare zitti piuttosto che sparare parole tanto per parlare. La cosa curiosa è che non è un brano cantato ma c'è un lungo assolo di scacciapensieri che si suona con la bocca!

"Nero" è volutamente il pezzo più rovinato e lo-fi del disco. E' quello con il testo più sentito credo. Cantato con un filo di voce, tra delfini e balene, nastro che scoppietta in loop, walkie talkie, chitarre che fischiano come tappeto sonoro. La gente ancora oggi mi dice che "la mia copia è rovinata, Nero si sente male"!

"Kisstarsky" è il brano che rappresenta meglio la complessa genesi del disco: avevo questo arpeggio registrato sin dal 2003 e non riuscivo a sbloccarmi. Poi nell'estate scorsa l'illuminazione e quando ero alla fine ho deciso di lasciarlo strumentale perchè avevo paura di rovinarlo con un testo. La fine-non fine con la batteria che riparte è un simbolo di speranza e di rinascita che chiude il viaggio di Emoterapia. Il titolo viene dalla fusione di tre parole (Kiss - stars - sky)

SA: Quali strumenti ti hanno accompagnato durante la stesura del disco e quale il tuo processo di scrittura?

TR: Suono (ma sarebbe più corretto affermare che "torturo") praticamente tutto quello che mi capita: chitarra, basso, tastiere, synth, batteria, drum machine, percussioni, scacciapensieri, kazoo, campanelli, bottiglie, chiavi, bambole...
Ho un debole per gli strumenti analogici, i suoni a 8-bit perchè sono quelli della mia infanzia e poi per tutti i tipi di rumori perchè essenzialmente sono uno zoticone, selvaggio e sanguinario, convinto di possedere un nebuloso talento musicale.
Il mio processo è non avere un processo. Seguo le mie orecchie, gli occhi e il cuore.
Scrivo delle frasi e le tengo conservate fin quando non decido di metterle in una specie di "ordine".
Prendo la chitarra o la tastierina, mi viene fuori una sequenza di suoni accettabili e ci lavoro su.
"Veronica ha un virus" è nata da un'esclamazione che ho colto in ospedale.
"La disciplina delle fermentazioni" da un manifesto per gli agricoltori.
"Ho un gatto nel cervello" da un film horror splatter di Lucio Fulci.
"Nero" era un brano scritto pensando ad un serial killer ed è poi diventato il racconto di una ragazza con disturbi alimentari.
Poi ad esempio ci sono riffs che vengono fuori mentre si cerca di suonare canzoni di altri autori, ma nessuno ve lo dirà mai... tranne il sottoscritto!

SA: Stai forse progettando un tour?
TR: Attualmente non suono più dal vivo perchè non ricordo più gli accordi delle mie canzoni (è vero, non ridete!).
Però mi piacerebbe organizzare qualcosa, devo solo trovare gente che mi
accompagni, ma ho un caratteraccio e non la vedo facile.

SA: 6 anni per un disco assolutamente superlativo. E’ un primo, secondo e terzo disco in uno solo forse?
Ad ogni modo secondo noi sei un esempio da imitare...
Avresti qualcosa da dire al riguardo forse?

TR: Ti ringrazio, eppure io ci sento ancora tanti difetti.
In realtà avevo registrato altri cd in precedenza ma con altri nomi di fantomatiche band (Crazy 4 Edwige e Radiozorz), ma questo è il primo da "Trivo".
Non ho pensato a prendermi 6 anni per fare un buon lavoro, ho soltanto avuto diverse pause per problemi personali e poi nel 2005 il 70% delle registrazioni è andato perduto quando si è fuso il pc e sono stato sul punto di mollare tutto.
Poi mi sono rimesso al lavoro e ho pensato... se gli altri fanni un demo di 4-5 pezzi ogni due anni, io con tutta la roba che ho ne posso fare uno di 17 pezzi dopo 6 anni di silenzio. E 17 non è un numero a caso.
In realtà si... hai ragione, sono tre dischi in uno. Bravo.
Non so se sono un esempio da imitare, ho sempre fatto tutto cercando di non farmi influenzare dalle convenzioni tipo ...un demo deve essere registrato in modo professionale, deve avere massimo tre pezzi, un singolo spaccaradio che non superi i 4 minuti, e il tutto deve essere accompagnato da 2 foto dove si veda bene la faccia... a mio avviso queste "regole" non hanno niente a che fare con la vera essenza della musica.

SA: Le 200 tracce già registrate e non incluse nell’album rimarranno il mistery box di Trivo o vedranno la luce in nuovi progetti?
TR: Si, ho notato che per le musiche scrivevo cose più interessanti a 17-20 anni, quindi per i prossimi eventuali lavori pescherò dal passato adattandoli al presente per renderli più digeribili al mondo circostante Trivo.

SA: Il disco è autoprodotto per scelta o hai provato a contattare qualche etichetta discografica e poi non è andata come volevi tu? Vorrei anche sentire un tuo parere sul panorama delle etichette discografiche indipendenti in Italia e se ti pare il caso all’estero... Sempre che la cosa ti interessi.

TR: Il disco è autoprodotto perchè potevo fare tutto quello che mi pareva.
Volevo curare ogni minimo dettaglio, dalle foto alla grafica, e decidere quali e quante canzoni sarebbero finite dentro. Avrei avuto 1milione di problemi con qualsiasi etichetta (dove si è mai visto un demo con 17 tracce che inizia con 2 brani strumentali?), e avrebbero
rovinato la natura del concept. Non potevo sopportare che uno sconosciuto entrasse nel mio cerchio e lo spezzasse solo per obbedire a delle stupide leggi di marketing.
Delle etichette italiane onestamente so poco, anche se ho spedito "Emoterapia" a 5-6 piccole case discografiche che mi sembravano interessanti, ma evidentemente io non sembravo interessante per loro... visto che non mi hanno mai risposto.
L'unico che mi ha contattato è stato Giulio Corda (ex "Giuliodorme"), che ora ha una piccola etichetta indipendente. E' stato molto gentile, mi ha chiamato al cellulare e mi ha dato alcuni consigli preziosi per il futuro. Colgo l'occasione per ringraziarlo ancora.
Parlando dell'estero io sono cresciuto con il mito della "Sub-Pop", quando con pochi soldi si facevano dischi "zanzarosi" ma zeppi di intuizioni geniali. Ma erano gli anni 80-90, dove si poteva sperimentare e dove si vendevano ancora i dischi.
Penso poi ai primi dischi di pionieri dell'homemade come Daniel Johnston, Lou Barlow, Guided by Voices, Pavement, Beck... se avessero rifiutato le loro canzoni solo perchè registrate in bassa fedeltà probabilmente a quest'ora ci saremmo perso tutti questi talenti
compositivi, e quindi forse all'estero hanno rischiato più di noi guardando più alla sostanza che alla forma.

SA: Rispetto a sei anni fa quando hai cominciato a registrare il disco ti manca qualcosa? Intendo proprio nel senso più generale del termine...

TR: Mi manca la voglia di suonare. Emoterapia potrebbe essere il primo e
ultimo disco di Trivo.

SA: il tuo Cd è sotto licenza Creative Commons... e il bollino SIAE?
TR: Mentre stavo ultimando le registrazioni di Emoterapia lessi un aricolo che diceva:
"Non è reato e non è sanzionabile il mancato inserimento del bollino Siae su cd, dvd contenenti software, video, film, musica e banche dati. Per ben tre volta la Corte di Cassazione italiana si è così espressa recependo una sentenza già dell'Unione Europea."
A me interessava solo essere riconosciuto come autore delle mie canzoni.
Creative Commons mi dava tutta la libertà che cercavo e non chiedeva niente in cambio se non la diffusione gratuita della mia musica.
L'album infatti è scaricabile gratuitamente dal mio sito myspace, ma se qualcuno volesse proprio il cd, chiedo solo 3 euro come rimborso spese per supporti e stampa; le canzoni le regalo tutte.

SA: Domanda per il lettore turista in Italia...
Come si vive a Foggia? Cibo locale preferito? Luoghi belli da vedere nelle vicinanze?

TR: A volte bene altre volte male. Ha tutti i problemi delle città del sud.
Secondo quelle famose classifiche della qualità della vita questo non sarebbe un bel posto per vivere. Parafrasando il film dei fratelli Coen, questo non è un paese per giovani! Molti della mia generazione sono emigrati verso il nord, ma io penso che se fossi cresciuto in una
grande città piena di stimoli e svaghi probabilmente non avrei avuto tempo e voglia di guardarmi dentro e registrare un certo tipo di canzoni. Quindi in un certo senso, vivere qui mi ha aiutato a crearmi una sorta di "anticorpi creativi". In un'altra città mi sarei perso
dietro tante cavolate e sarei stato solo uno spettatore passivo di tutto ciò che vivevo.
Non sono un grande testimonial per la mia città, dovresti chiedere a Renzo Arbore per le specialità locali, però se passate da queste parti dovete assolutamente provare i "troccoli", un tipo speciale di spaghetti fatti a mano!
Nelle vicinanze ci sono dei posti incantevoli come tutto il subappennino dauno e il gargano.

SA: Autodomanda vrooom vrooom... Niente censura qui.

TR: Ovviamente ringrazio voi di succoacido per questa faticosissima intervista e poi vorrei dire una cosa ai ragazzi...Internet è una cosa meravigliosa per la musica e i musicisti ma... non serve a niente scaricare tutta la discografia dei Beatles in due ore solo per fare il fanfarone con gli amici... non perdiamo il fascino di comprare un cd, scartarlo e sentirne l'odore, leggerne e tradurne i testi, e soprattutto, ascoltarselo allo stereo in solitudine e non davanti al pc tra un video porno e una chattata con gli amici. La musica merita un po' più di cura e cuore. Grazie

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

pen: Marc De Dieux
translation: thanks to Trivo
link: www.myspace.com/elephantsuicide

 
 
  Read comments
  Register to post comments 
  Other articles in archive from SuccoAcido 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

Comments.
  trivo
  posted by imbuteria on 31/07/2009 21.56.20
 
ascolto delizioserrimo!!
 
  REGISTER TO REPLY


 
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
SuccoAcido Social.
DISCOVER SICILY

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
SuccoAcido Art Gallery.
 
SuccoAcido Comics Gallery.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
PARTNERS
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.