October 27 2020 | Last Update on 09/04/2020 08:54:46
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
C'č 1 altro utente online (-1 registrati, 2 ospiti). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest | Artists & Authors | Companies | Dancers & Dance | Biblio | Theatre Festivals | Reviews | News | Links
Theatre - Theatre Companies - Interview | by Antonio Leto in Theatre - Theatre Companies on 06/02/2009 - Comments (0)
 
 
 
Danlenuār - Interview with Maria Francesca Spagnolo

"I believe that a deep relationship between body, soul and mind exists and I experienced by myself that it's very difficult to find it and give it back to oneself and to others, not only on the stage but also in everyday life." Maria Francesca Spagnolo

 
 

SA: Please introduce yourself to SuccoAcido readers...
MFS: My name his Maria Francesca Spagnolo, I'm 26, I was born and live in Palermo.

 
 
SA: Who are your teachers and your reference points?
MFS: My reference points for my human and artistic path are a lot and I find them in my affective sphere (my brother Marco, per just to say one …) …
 
SA: Which is for you the relationship between body, soul and mind, what is the value of this relationship in acting?
MFS: I believe that a deep relationship between body, soul and mind exists and I experienced by myself that it's very difficult to find it and give it back to oneself and to others, not only on the stage but also in everyday life.
 
SA: On the stage the actor live a parallel life in an image's world... What is for you the border between real and virtual?
MFS: Each time you start a creative process of research, a new space with fluid borders is opened inside you. The stage become, instead, the boundary line of a poetical transformation, expression of a world of images that crossing the actor are given back to the public.
 
SA: How is working with Giacomo Guarneri?
MFS: Working with Giacomo has been a good chance for growing. The most important aspect has been the exchange of those skills that each of us has found and developed in his own human and artistic path.
 
SA: Is there a painting that you are never tired to watch?
MFS: There are many...Vincent van Gogh paintings for sure and above all in particular "Field of wheat with the flight of crows" and "Starry Night"
 
SA: Would you like to say something of the town in which you live? Do you think you town helps talents to grow and make a name for himself?
MFS: The challenge is to succeed in working even if all around you practically everything is absent: spaces, means, and above all the consciousness of what you are looking for in your life.
 
SA: Danlenuar deal with an actual question: job safeness … do you think this is a technical, political or social question if nowadays we are still discussing about facts like Thyssen-Krupp rogue?
MFS: The lack of safeness, of basic right of workers, are first of all ethical questions and after political, cultural and then also technical.
 
SA: Is there an ethic in the actor's job? And, if yes, how is this ethic?
MFS: The question is very wide and I don't believe it could be deeply dealt in this interview, so I'll make an attempt to give an answer: - There's an ethic, or at least there should be, in human beings and unavoidably also in actor's job. I consider artist who cultivate himself, to prepare himself for being possessed by a creative power, a Dàimon, (or Duende as Federico Garcia Lorca could say), to become a vehicle of humaneness.
 
SA: ...and your projects for the future?
MFS: It is very difficult today, and for artistic field in a particular way, to speak about future projects, for many reasons, so I'll only show my desire to keep on working upon what is necessary for me, but not for me as an individual
 
SA: Is there anything you would like to tell to SuccoAcido readers?
MFS: Thank you
Danlenuār - Entrevista con Maria Francesca Spagnolo

"Creo que hay una relación profunda entre cuerpo, alma y mente y hasta ahora he podido constatar que es muy difícil encontrarla y devolverla a sí y a los demás, no sólo en la escena sino también en la cotidianidad." Maria Francesca Spagnolo

 
 

 

MFS: Hola! Me llamo maria Francesca spagnolo, tengo 26 anos y he nacido y vivo a Palermo.

SA: ¿Quién son tus maestros y puntos de referencia?
MFS: En mi formación humana y artística tengo muchos puntos de referencia, en primer lugar en la esfera familiar (mi hermano Marco, por ejemplo…) y además entre mis amigos, cuyos enseñamientos y posibilidades de apertura siguen siendo para mí fundamentales. Sin embargo la maestra y raíz de toda mi búsqueda es la actriz cantante Miriam Palma. Durante seis años fui cursando su taller de vocalización, canto y teatro en Palermo. Miriam me enseñó instrumentos y técnicas para buscar la vocalización y encontrar la justa relación interior entre respiro, voz, cuerpo, mente y sentimientos, de manera que yo pudiera crear una unidad expresiva. A partir del respiro, que es lo más originario e indispensable que poseemos, Miriam me transmitió sobre todo el coraje, la honradez y la necesidad de penetrar mi subjetividad, para descubrir así mis posibilidades creativas y expresivas. Ella fue la que me presentó la maravillosa capacidad de devolver a sí y a los demás estas posibilidades a través de la voz y de la presencia (actuada o no) en la escena. En la escena, una mirada, una voz o un sonido, si saben pertenecer a cuerpo y mente, se vuelven en canales y pasajes, cruzados por fuerzas que están fuera de ti. Estoy de acuerdo con ella en la idea que el actor, y en general el intérprete, no canta y actúa, sino que es “cantado” y “actuado”. Miriam me enseñó abandonarme a una intuición que se encuentra en mi interioridad más profunda y visceral y que se engrandece para ponerme en conexión con lo que está fuera de mí. Me ayudó además a perseguir el instinto de la curiosidad y combinarlo con la sensatez de la reflexión y del oído. Si tuviera que sintetizar lo que Miriam me enseñó, a través de una imagen diría que con ella aprendí a ser en la escena un árbol con las raíces clavadas en la tierra y el cuerpo no rígido como un tronco, sino fluido y ágil como una corriente de agua!!

SA: ¿Qué relación hay entre cuerpo y mente, si existe esta diferencia, y qué valor tiene tal relación en la actuación?
MFS: Creo que hay una relación profunda entre cuerpo, alma y mente y hasta ahora he podido constatar que es muy difícil encontrarla y devolverla a sí y a los demás, no sólo en la escena sino también en la cotidianidad. No hay que dar por descontado el hecho de que el hombre encuentre, indague y viva esta relación: a menudo, en cambio, prevalece la tendencia a afrontar las esferas de manera separada, como si fueran compartimentos estancos y no como espacios móviles y comunicantes que crean un único lugar. En la escena un actor puede, sólo si inmerso en esta intimidad, desarrollar técnicas e instrumentos para conseguir formas de separación, extrañamiento, en la creación de un personaje o de una máscara etc..

 

 
Danlenuār - Intervista con Maria Francesca Spagnolo

"Io credo che esista una relazione profonda tra corpo, anima e mente, e ho potuto constatare di persona che è molto difficile trovarla e restituirla a se e agli altri, non solo in scena ma anche nella vita di ogni giorno." Maria Francesca Spagnolo

 
 

SA: Presentati ai lettori di SuccoAcido..
MFS: Mi chiamo Maria Francesca Spagnolo, ho 26 anni, sono nata e vivo a Palermo

SA: Chi sono i tuoi maestri e i tuoi punti di riferimento?
MFS: I punti di riferimento per il mio percorso umano e artistico sono tanti e li ritrovo prima di tutto nella sfera affettiva (mio fratello Marco, per citarne uno ...) e amicale da cui continuo a trarre insegnamenti e possibilità di aperture. Ma sicuramente considero come maestra e radice della mia ricerca, l’attrice cantante Miriam Palma. Ho seguito per sei anni il laboratorio di Vocalità, Canto, Teatro da lei condotto a Palermo. Miriam mi ha insegnato gli strumenti e le tecniche per indagare la vocalità e per trovare la relazione interna fra respiro, voce, corpo, mente e sentimenti e creare così un’unità espressiva. Miriam mi ha soprattutto trasmesso, partendo proprio dal respiro,che è la cosa più originaria e indispensabile che possediamo, il coraggio, l’onestà , la necessità di immergermi nella mia soggettività e scoprire così le mie possibilità creative ed espressive. Mi ha mostrato lei stessa la meravigliosa capacità di restituire a se e agli altri queste possibilità attraverso la voce, attraverso la presenza agita e non, sulla scena. In scena, uno sguardo,una voce o un suono, se consapevoli di appartenere ad un corpo e ad una mente, si trasformano in canali , in passaggi attraversati da forze che sono al di fuori di te. Condivido pienamente con lei l’idea che l’attore o l’interprete in generale non canti o reciti, ma sia “cantato” e “agito”. Miriam mi ha insegnato ad abbandonarmi ad un’intuizione estesa che parte dal mio interno più profondo , più viscerale , e si espande, per mettermi in connessione con l’altro fuori di me . Mi ha aiutato a seguire l’istinto della curiosità e a combinarlo con la misura della riflessione e dell’ascolto. Se dovessi sintetizzare il suo insegnamento attraverso un’immagine direi che con Miriam ho imparato in scena ad essere un albero con le radici piantate a terra e il corpo non rigido come un tronco, ma fluido e scorrevole come un corso d’acqua!
 
SA: Qual è per te la relazione tra corpo anima e mente, e che valore ha questa relazione nella recitazione?
MFS: Io credo che esista una relazione profonda tra corpo, anima e mente, e ho potuto constatare di persona che è molto difficile trovarla e restituirla a se e agli altri, non solo in scena ma anche nella vita di ogni giorno. Non è per nulla scontato che l’uomo trovi questo legame, lo indaghi, lo viva , spesso, si tende più ad affrontare le sfere in maniera separata e a trattarle come stanze chiuse , non come spazi mobili e comunicanti che creano un unico luogo. In scena un attore può, solo se immerso in questa unità intima , sviluppare tecniche e strumenti per raggiungere forme di separazione , di estraniamento , nella creazione di un personaggio o di una maschera etc...
 
SA: Sulla scena l'attore vive una sua vita parallela in un mondo di immagini...Qual è per te la linea di demarcazione tra reale e virtuale?
MFS: Ogni volta che incominci un processo creativo e di ricerca, internamente si apre un nuovo spazio dai confini fluidi. La scena diventa invece la linea di demarcazione del luogo di trasformazione poetica, di espressione di un mondo di immagini che attraversano l’attore e vengono così restituite al pubblico.
 
SA: Cosa significa per te ricevere un premio?
MFS: Ricevere un premio significa fondamentalmente avere una gratificazione importante ma troppo momentanea, che riguarda una parte forse la più superficiale, del tuo lavoro. In questo mestiere si è continuamente sottoposti allo sguardo del pubblico e soggetti sempre a lodi o a critiche , proprio per questo motivo si dovrebbe, ma non è facile, coltivare una distanza e una coerenza nei confronti della propria ricerca, del senso nel proprio lavoro. Trovo comunque meraviglioso, potente, quello che può accadere durante uno spettacolo, che è anche una forma di rito collettivo. Credo di amare il teatro più di ogni altra cosa perché in esso il rito collettivo di condivisione e comunicazione, di scambio fra l’attore e il pubblico si rinnova ogni volta , durante ogni spettacolo. Il processo di ricerca e creazione dell’attore avviene solo per metà in solitudine ma poi si misura e si completa davanti agli occhi e agli animi degli spettatori.
 
SA: Com'e' lavorare con Giacomo Guarneri?
MFS: Lavorare con Giacomo è stata una bella occasione di crescita. L’aspetto più interssante è stato lo scambio di competenze ed esperienze che ognuno di noi ha raccolto e maturato nel proprio percorso di ricerca artistica e umana.
 
SA: Puoi parlarci di uno spettacolo teatrale o di una performance in genere a cui hai assistito e che ha avuto una particolare importanza nelle tuo percorso artistico?
MFS: Ho assistito a pochi spettacoli e performance teatrali. Posso dire che, sicuramente , gli spettacoli di Miriam , “I Paesi del nulla” , “Cantabile non troppo” per citarne qualcuno , e “Tre studi per una crocifissione” di Danio Manfredini , hanno segnato profondamente il mio cammino. .Una performance determinante ancora oggi , a cui ho partecipato è stata “Ragnatela” lo spettacolo scritto e diretto da Marco Brigaglia, la ritengo, una delle occasioni più importanti, sia come incipit di una ricerca artistica , sia come esperienza che ha segnato l’inizio di una collaborazione profonda fra un gruppo di persone, costituitosi come associazione teatrale e culturale “Astragalo teatro dell’osso”, composta da me , dalla cantante Irene Ientile , dagli scrittori Marco Brigaglia Paola Polizzotti , dall’ attrice Elisabetta Trupia e dal compositore Marco Crescimanno. Una realtà unita veramente da un affinità elettiva , rara, preziosa. Anche alcuni concerti o performance di musica contemporanea (le ricerche musicali dei compositori palermitani Marco Spagnolo, Federico Incardona, Cappelli , etc…) sono state e continuano ad essere fonti da cui trarre materiale vivo per il mio percorso. Credo comunque, sia fondamentale per ogni bravo attore, attingere materiale creativo non solo dall’ambito teatrale ma anche da tutte le altre sfere ( artistiche e non ) come il cinema (ricordo i film per me più significativi di registi come Robert Bresson, etc….) , le arti visive i testi letterari e poetici…etc..
 
SA: C'e' un quadro che non ti stancheresti mai di guardare?
MFS: Ce ne sono tanti , Sicuramente i dipinti di Vincent van Gogh e fra tutti in particolare “ “Campo di grano con volo di corvi “ e “Notte stellata”.
 
SA: Vuoi dirci qualcosa della città in cui vivi? Pensi che la tua città aiuti i talenti a crescere e ad affermarsi?
MFS: La sfida è riuscire a lavorare nonostante attorno a te manchi praticamente tutto, gli spazi, i mezzi, e soprattutto la coscienza di ciò che si cerca nella vita.
 
SA: Danlenuar tratta un tema molto attuale: la sicurezza sul lavoro...pensi che sia un problema tecnico, politico o sociale se ancora oggi si discute di fatti come il rogo della Thyssen-Krupp?
MFS: La mancanza di sicurezza, di diritti basilari nel lavoro, sono problemi prima di tutto etici poi politici, culturali e quindi anche tecnici.
 
SA: C'e' un'etica nel mestiere dell'attore? Se sì qual è?
MFS: La domanda è molto vasta e non credo possa essere esaurita in questa sede , quindi proverò a rispondere: - C’è un’etica, almeno ci dovrebbe essere, nell'uomo e inevitabilmente anche nel mestiere dell’attore. Considero artista colui che si coltiva , si prepara per farsi possedere dalla Forza creativa, dal Daimon ( o duende come lo definirebbe Federico Garcia Lorca ) , per diventare veicolo di umanità.
 
SA: Progetti per il futuro?
MFS: E’ difficilissimo oggi, e per l’ambito artistico soprattutto, parlare di progetti per il futuro, per diversi motivi, quindi mi limiterò a manifestare il desiderio di continuare a lavorare su ciò che per me è necessario, ma non per me, come singolo individuo ma per me come individuo di un umanità.
 
SA: C'e' qualcosa che ti va di dire ai lettori di Succoacido?
MFS: Grazie
 
 
 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

Pen: Antonio Leto

Spanish Translation: Chiara Pane

English Translation: Antonio Leto

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from Antonio Leto 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
Maria Francesca Spagnolo - Photo by Antonio Leto
............................................................................................
Maria Francesca Spagnolo - Photo by Antonio Leto
............................................................................................
Maria Francesca Spagnolo - Photo by Antonio Leto
............................................................................................
FRIENDS

Your control panel.
 
Old Admin control not available
waiting new website
in the next days...
Please be patience.
It will be available as soon as possibile, thanks.
De Dieux /\ SuccoAcido

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
SUCCOACIDO COMMUNITY
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.