November 23 2014 | Last Update on 22/11/2014 16.51.35
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 2 altri utenti online (-1 registrati, 3 ospiti). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest | Arts | Environments | Art Places | Art Knowledges | Art Festivals | Reviews | Biblio | Web-Gallery | News | Links
Art - Arts - Article | by Costanza Meli in Art - Arts on 03/12/2008 - Comments (0)
 
 
Sladzana Bogeska - Video Artist

Što znaći da se bide umetnik, e kompleksno prašanje na koe ne može da se dade samo eden odgovor, da se bide umetnik e rezultat na mnogu faktori. Da se bide umetnik pred se znaći da se zeme seriozna i iskrena obvrska kon sebesi i site onie koi ke se sretnat ili sudrat so našata rabota, so našeto delo. Da se sozdava umetnost znaći postojana konfrontacija so umetnosta....

 
 

SA: Definiraj sto spored tebe znaći da se bide umentik, ne samo dali si video umetnik ili slikarka, ne interesira tvojot odgovor zošto si umetnik?
SB: Što znaći da se bide umetnik, e kompleksno prašanje na koe ne može da se dade samo eden odgovor, da se bide umetnik e rezultat na mnogu faktori. Da se bide umetnik pred se znaći da se zeme seriozna i iskrena obvrska kon sebesi i site onie koi ke se sretnat ili sudrat so našata rabota, so našeto delo. Da se sozdava umetnost znaći postojana konfrontacija so umetnosta. Sigurno za mene ne beše slućajna odluka, otsekogaš sum del od umetnosta, otsekogaš sum bila svesna deka imam talent, na poćetokot sigurno so malku egocentrizam, no podocna sfakaš deka se raboti za seriozna rabota so sebe i so svetot što te opkružuva. Umetnikot odlućuva i negovite odluki i stavovi, negovite dela stanuvaat del od kulturata, stanuvaat socijalni odluki - primer, misla so koja možeme da se sudrime, da ja spodelime ili ne. . .

SA: Imaš vloženo mnogu vo tvoeto obrazovanie na Akademiite vo Italija, raskaži ni za tvojot izbor na studii i od kade tokmu izborot padna na Firenca i na Rim?

SB: Sigurno sum srekna bidejki sum možela da izberam kade i što de studiram, možnost koja ne e dostapna na site. No moram i sakam da istaknam deka i vo Makedonija imav možnost da ja sledam umetnićkata scena niz izložbi i nastani. Kako i da e, sigurno odlukata da se studira nadvor od Makedonija beše na nekoj naćin želba no i možnost da se izbega od odredeni situacii koi togaš, samo što završiv, bea prisutni na našata Akademija za umetnost, na primer ogranićen mal broj na studenti, a i metodite na izbor bea dikutibilni, no sekako mnogu drugi faktori me motiviraa da studiram nadvor. Moram najiskreno da kažam deka na nekoj naćin po niza okolnosti se slući da otidam na priemen vo Firenca, vo Italija. Sigurno malku naivno i bez mnogu mislenje od moja strana ja izbrav Firenca, t.n. “gradot na umetnosta”, za studiranje, bez da znam što toa navistina znaći denes vo Italija. Toskanskoto iskustvo traeše nekade 5 godini, i za mene pozitivno, po što se nametna potrebata od nešto razlićno, pohaotićno. Firenca e mal grad, pa od tuka i odlukata da se preselam vo Rim, kade se ušte živeam. Vo sekoj slućaj da se studira vo dva grada e podobro od eden . . .

SA: Da se vratime na tvoite koreni, na Makedonija, rodena si vo Skopje, raskaži ni poveke za tvojot grad, za toa zošto si umetnik, daj ni eden del od taa realnost za nas se ušte dalecna . . .?
SB: Skopje e ćuden grad, podložen na postojani mutacii: ponekogaš se menuva na podobro no poćesto na pološo. . . Skopje e mojot roden grad, tuka rastev i postojano se vrakam, tuka se kontaktite so kolegite i prijatelite i sekako mojata familija, taka što vrskite se cvrsti. Za žal mladite generacii fizićki se izolirani od svetot, a i ekonomsko politićkata situacija e daleku od prifatliva, no vo cela situcaija brzo se ući da se iznajdat podobri rešenija. Sepak i pokraj ovie teški uslovi, postoi aktivnost na odredeni grupi koi se trudat da go sledat ćekorot so Evropa, poradi samata potreba da se sporedat i da sorabotuvaat so ostanatiot svet. Samo so golem trud i so želba da se donesat promeni, sepak se gradi svest deka kulturata e potrebna, t.e. taa e neizostaven del od ćovekovoto bitisuvanje. Toa što nedostasuva sigurno e vistinska i objektivna podrška od strana na privatnite i državnite institucii da ja podržat umetnosta, da ja vrednuvaat. Znam deka slednoto Bienale na mladi umentici na Mediteranot i Evropa, ќe bide tokmu vo Skopje, toa sigurno ke im dade možnost na site, da se zapoznaat so našata poširoka realnost.

SA: Dali se ćuvstvuvas kako megunaroden umetnik so ogled na senzibilitetot i kulturata? Kakov e tvojot odnos so mestata? Kakvo e tvoeto iskustvo so ova prasanje?

SB: Mislam deka dokolku internacionalosta na odreden umetnik se razgleduva vo odnosot kon odredeni prostori možebi rezultatot ќe bide subjektiven, ako toa me prašuvaš. Cesto multikulturalizmot se zema samo za dekoracija, a ne i kako vistinska vrednost. Poradi ova i samite mesta stanuvaat minlivi, a ne mesta za dijalog kade možeme da se socijalizirame so drugite, potoa postojat razlićni mesta, onie kade što živeeme, onie kade posakuvame da živeeme, onie koi voopšto ne postojat. Sepak mestata ne se indiferentni, kako bi možele da bidat, vsušnost dokolku nešto se slućuva vo odredeno mesto nie site go ćuvstvuvame, kako i da e, važno e i da se izleze od odredeno mesto za da zazeme rastojanie, bidejki samo na toj naćin može da se ima poširoka i porealna perspektiva.

SA: Vo dve videa koi sto posebno ni se dopadnaa, i koi sto gi vnesuvame vo ova intervju, 3p3l i dawn conversation, i dvete od 2008, opfakaš prašanja kako multikuturalizam. Poširok komentar vo vrska so ovaa dijalektika, nekomunikacija, konfrontacija?
SB: 3p3l e seušte otvoreno delo ili dеlо vo faza na izućuvanje, izgradba. Se obidov da analiziram edna poširoka tema, оpfaќajќi razlićni aspekti taka štо e dosta ambiciozen proekt, vo smislа deka e teško celоto istražuvanje da proizleze preku samo edno delo, od ovoj aspekt sigurno e se ušte otvoreno. Vo ova delo preku jazikot se obiduvam da go analiziram našeto gledanje, slušanje na nestata. Se obiduvam da razberam dali našiot naćin na gledanje i slušanje na neštata preku jazikot, preku zborot, ni ovozmožuva pristap i do emociite. Idejata zapoćnuva od samata intuicija, potoa preku zborot, stignuva i do samiot koncept ili znaćenje. Me interesira relativnosta na jazikot, negovata apstraktnost, naćinot na koj gi semplificira slikite. Tuka isto taka ja opfaќam i temata na majćin jazik, jazikot na koj mislam, ćuvstvuvam, se izrazuvam, iskažuvam emocii, misli, delovi od moeto telo, seto toa preku zvućna interpretacija, preku zvukot koj шto e povrzan so mislata i jazikot, na nekoj naćin jazikot e toj što izlеguva kako reduciran i semplificiran...
Dawn conversation, video art so zvuk, e del od pogolem proekt, na nekoj nacin sostaven od poveќe delоvi megusembno povrzani, koi se obiduvaat da ni raskažat odredeni mesta. Vo ovoj slućaj se raboti za gradot Kopenhagen, za nеgovata periferija i mesta kade što pominuvame malku i nekvalitetno vreme, no možе da bide i koe bilo drugo mesto. Deloto razmisluva za poimot na mesta kako “ne mesta”, “non luoghi”, go pokažuva našeto vremе, go izrazuva samiot kvalitet na izminatoto vreme vo odredena situacija.
Kako i vo 3p3l, i vo ova delo, preku jazikot, no preku eden vid na time lapse, za razika od over lapse na 3p3l, zvukot ja prikazuva nekomunikabilnosta na jazikot, koj шto stanuva eden vid na non sense. . .

SA: Zošto videoto kako medium i kakov e tvojot pristap. . .?
SB: Go izbrav videoto bidejki mi dava poefikasen naćin da se približam do prividnata realnost, videoto za ova e poefikasеn medium od drugite, no toa ne znaći deka drugite metodi ne se podednakvo dobri, zavisi od ona što ni e potrebno vo odreden proekt, vo ovoj videoto beše poefikasno kako vid na umetnicki jazik koj sto sodrži i zvuk.

SA: Kolku e važna narativnata vrednost vo videoto?
SB: Samite sliki i zvuci sodržat posebni prikazni, taka štо ne sekogaš gradam edno delo so cel da raskažam odredena prikazna, ostavam poveќе otvoreni možnosti. . . Narativnata vrednost e ogromna, vo smislа koga funkcionira funkcionira, ponekogaš ne sum svesna za odredena prikazna koja se gradi sama od sebe vo odredeno delo, no funkcionira. Ponekoгаš prikaznata postoi i delot se gradi lesno, bez problemi, nekogaš preku problemite se gradi prikaznata, sepak prikaznite, naracijata е mnogu važna za mene, za mojata rabota, podednakvo kako i lugeto i mestata; na nekoj naćin imaat vlijanie vrz site nas. Dokolku edno delo nema odredena sodržina nema znaćеnjе, stanuva nešto drugо . . .

SA: I pokraj toa što si mlada, sepak imaš ućestvuvano na izložbi i proekti na me|unarodno nivo. Do koj stepen ovie iskustva se va`ni za tebe i dali ima nekoja posebno što za tebe poveke znaći?
SB: Iskustvoto na megunarodno nivo mi ovozmoži da pretstavam del od mojata rabota, a toa za mene e veke znaćajno po sebe. Sekako važen element e prikažuvanjeto na deloto - da e prikažano vo vistinska situacija, so toćno opredelena vremenska toćka, vo toćno odreden prostor. Ne site izlozbi, osobeno golemite kolektivni izložbi davaat vistinsko svetlo na deloto. No sepak važni se poradi možnosta da se ima sporedba, konfrontacija. Site izložbi gi smetam za važni bidejki go izložuvam moeto delo, mojata rabota, ne postoi edna posebnа što bi ja izdvoilа . . . možebi vo idnina mojata personalna izložba ќe bide posebna.

SA: Izbrana si da ućestvuvaš na Bienaleto na mladi umetnici vo Skopje, vo MSU, so koe delo ke se pretstaviš?
SB: 3p3l, vo koj proekt temata e povrzana so identitetot. Deloto e isto taka opišano i na mojata internet stranica. Se nadevam nabrgu deka i Bienaleto ke objavi poveke informacii.

SA: Na ćitetalite na SuccoAcido, (Kisel Sok), dali bi sakala da im dadeš slika na umetnickiot sistem vo Italija vo sporedba so makedonskiot, koj što e vo ekspanzija ili so evropskite koi što se posolidni?
SB: Italijanskiot sistem e sigurno razlićen od makedonskiot, ednostavno e porazvien i funkcionira. Makedonskiot sistem ima podrška od evropskite fondovi za ravoj na kulturata i sorabotka so drugi zemji od Balkanot i poširoko Centralna Evropa. Vo Italija, sekoj region e razlićna prikazna, no sigurno na sever ima poveke situacii i kontakti, na nekoj naćin e rabirlivo so ogled na samata geografska postavenost - blizinata do centralna Evropa no i istokot. Mislam deka vo Italija ne se smeta mnogu na umetnicite prisutni vo Italija, ili barem taka izgleda . . . Kako i da e, dovolno e da se zemat za primer zemji kako Germanija ili Francija i nivnite umetnićki “rezidencii” kako Vilata Masimo ili Vilata Medici i da se sporedat so soodvetni nepostoećki za podrška na italijanski umetnici vo stranstvo . . . Sigurno GAI, movin up i diskutabilni konkursi, ne se dovolno . . .

SA: So misliš deka denes im treba na umenticite? Poveke podrška od instituciite i muzeite ili poveke samostojna organizacija i zasiluvanje na proekti kako GAI?
SB: Mislam deka sevkupnata javna struktura - privatni i javni institucii, organizacii, na primer, treba da dadat maksimalno od sebe i da gi podržat proektite i umenticite od razlićni disciplini, no isto taka e važno da se dadat poveke sredstva na samite umetnici, da se podržat so atelje na primer, so prifatlivi kirii, da im se pomogne direktno za da možat da ja prodolžat sopstveneta rabota bez spekulacii. Poveke stipendii, rezidence, zgolemena mobilnost, seto ona što e potrebno za pristap do informacii i ednakvi možnosti, no istovremeno i poddrška za umetnicite koi se prisutni na samata teritorija.

SA: Ke te prašam “must” prasanje na Succo Acido, što misliš vo vrska so transdisciplinarnosta, dali smetaš deka sorabotkite pomegu vizuelnite umetnici i režiseri, muzićari . . . se navistina znaćajni? Dali imaš sorabotuvano so umetnici od drugi granki, od teatar ili muzika?
SB: Sorabotuvav i sorabotuvam so drugi umetnici, vo zavisnost od proektot i deloto. Kako xxxy visuals pred se sorabotuvam so Giuseppe Pradella, zaedno imavme možnost da nastapime na festivali kako Mutek, i mnogu drugi, blagodarejki na sorabotki so kvalitetni i istaknati umetnici. Da kažeme deka profesionalnata sorabotka pretstavuva neophodnost za realizacija na odredeno delo vo negovata zaokruženost, osobeno vo integracijata na delovi koi ne se vo domenot na eden umetnik. Taka se ragaat sorabotki. Nekogaš od ljubopitnost, a nekogaš i profesionalno. Zatoa mislam deka transdisciplinarnosta ima golemo znaćenje za samiot proekt i za samata umetnost, koja e široka i opfaka razlićni umetnićki sferi..

SA: Dali si ućestvuvala na proekti kako publik art ili proekti kon socijalniot prostor? Spored tebe, koja e važnosta na vakov tip na intervencii?
SB: Vo 2003 ućestvuvav kako del od eden proekt na urbana akcija, no gi imam realizirano i site specifićni intervencii. Mislam deka važnosta na ovoj tip umetnost e socijalniot faktor, vo negovata realizacija vrz odreden prostor, so koja akcija direktno se intervenira so cel podobruvawe na opštata sostojba vo dadena teritorija, se intervenira na kulturen no i politićki plan. Sigurno, golema e nivnata važnost za samite umetnici kako iskustvo, no i poširoko, sozdavajki eden vid sovest za sevkupnata situacija vo odredena sredina . . .

SA: Raskaži ni nešto poveke za proektot xxxy visuals, vo vašata web stranica ja definirate kako Our project … Kako se razvi ovoj proekt i preku koi sorabotki specifićno?
SB: xxxy visuals se raga nekade vo 2005, iako i pred toa so Giuseppe Pradela sorabotuvavme i zapoćnavme da eksperimentirame so video i audio, na kraj rešivme da se avtoproducirame kako vizuleno duo i pod edno ime. Se raboti za sozdavanje na apstraktna vizuelna umetnost, kade digitalnite procesi igraat golema uloga i se del od samiot performans, koj se slućuva vo realno vreme. Rabotime so video art, vizuelen performans, instalcii no i korporativni nastani . . . Vo audio – video proektite koristime originali audio i video snimki koi podocna se procesiraat ili vo kombinacija so generativna umetnost se koristat vo relano vreme.

SA: Tvojot aktuelen proekt e audio video proektot Natures, are they still moving?, kade što pokazuvaš se poveke interes kon zvukot, kako što vsušnost se gleda i preku proektite na xxxy visuals..
SB: I vo ova delo zvukot ima golema važnost i znaćenje za deloto, no sepak se raboti za video instalacija, taka što podednakvo važni se i audio i vizuelnite elementi. Sakam da istaknam deka ne sum muzićar, no se interesiram za zvukot - kako del od zaokruženosta na sevkupnoto umetnićko vizuelno delo, potpirajki se na transdisciplinarnosta na umetnosta.

 

Lesser-Used Languages: Macedonian - македонски

 
Sladzana Bogeska - Video Artist

Sladzana Bogeska is a video artist from Macedonia, who opted to study in Italy. She wanted to learn more about history of art and gain new insight into the contemporary art system. Macedonia is today a very particular country, still changing in order to open its borders for artistic research and new proposals coming from Europe and international cultural contexts. Sladzana’s latest work concerns themes such as linguistic differences, travels and the expressive potential of contemporary art medium. This interview, in a way, could emphasize and underline her discourse. We are presenting an article about art and the role of a foreign artist in Italy, and we do it in three different languages, in order to remind that culture can be explained and understood only taking into account its “biodiversity” and variations.

 
 


SA: Hello Sladzana, I always ask the artists to try to define themselves. It’s to know better not if you are more a painter than a video-artist, but to understand your “why”.
SB: "Why artist" is a difficult question with more than one answer. This because depends on different factors and because of the difficulty to define through ourselves what art/ist is. Even if we know the answers inside us. The decision to become artist has always been present in my life, so I am always conscious of this presence. At the beginning it gives you also some egocentric sensations that becomes something different when you finally understand that being artist is a very difficult job with ourselves and with all contemporary art system. So the artist must take position, decisions, becoming example of thinking, being, someone with whom get in conflict, etc.

SA: Your training was very important for you. You attended eminent schools and Academies mainly in Italy. Could you tell us your experience and the reason of this choice?SB: My experience as student was without doubt very beautiful, because I had the chance to choose the place where I wanted to study, which is not so simple for everyone. So I consider myself as lucky. In Macedonia, I had good experiences also in art school and I followed the artistic happenings since I was very young. When I finished art school it was very difficult to enter inside Academy in Skopje, at that time they usually accepted ten students, but also other reasons brought me to the decision to go abroad to study art. Then, I finally choose to study in Florence, the Art City, at the beginning I didn't know what means in Italy. I spent there five years, and I had great positive experiences and support, but I needed something more chaotic so I moved to Rome, where I still live and work. In Rome I just finished to study for my degree, so I think that also this experience was very positive for me, and I had the chance to meet valid artist, teachers, etc. Studying in two cities is always better that one…

SA: Let’s come back to your Macedonian origin. You were born in Skopje: how could you describe and narrate your city? I’m interested in your point of view as an artist. I think you can give us a particular view of a so far reality thanks to your sensibility. SB: Well, Skopje is a strange city that often changes, less in better, but it changes. I think that considering the whole complex situation in which we have to live, considering the social, politic and economic aspects, this city is still active and tries to keep up. For the young people, also for me, is very difficult to travel, ‘cause of the visa issues, and we are very washed off from the rest of Europe. But Skopje is the town where I studied, lived, where I often come back in order to confront myself with my colleagues, and my family bounds are strong. What lacks is money invested in cultural field, and we have still lot of time to catch up with the rest of the world. But maybe the next Biennale Young artist of Europe and Mediterranean countries will bring some freshness and possibilities to enter in touch with our reality.

SA: Speaking of sensibility and cultures (the plural is important) do you consider yourself as an International artist? What about your relationship with the places where you live? What’s you artistic feelings about this matter?
SB: I think that the multiculturalism often is considered as a decoration and not as a real value. That's why I think that places are becoming non-places, where the dialog is impossible, where you have no time to meet the others. My personal relation with places is so particular, the experience that I have in one particular place has influence on me. If something happens in your environment you’ll get to know it, so it is deeply related with how we act, react etc. But it is very important to move from one place in one other, to get the right distance for observing, for better understanding.

SA: Two videos that I like very much: Down conversation and 3p3l, are both about the problem of multiculturality. Will you explain them in terms of cultural meeting, confronting, dialectic or incommunicability.SB: 3p3p is still a work in progress. I tried to get inside the language question, but this is very complex and I think that one work maybe is not enough to explain different aspects of language, so in this way I consider my work still open. I'm interested in the relativity of the language, its abstractness, its way of simplifying things…But I thought also about the question which is related to our mother tongue language, how we think and how we pronounce particular words when related to ourselves, our body etc. The language before the language, but here the language is considered as a reduction.
Inside Dawn Conversation, instead, the language is used as a part of a place, where we spend some time, places and time, watching peripheries growing into cities. Here the sound put the accent on the impossibility of the communication when spoken in language that is not the ours, where something as over lapse happens, here the language stands for non-sense and incommunicability.

SA: When did you choose video as your medium? Are you still working with different media and languages?
SB: I work with different media, but I prefer the video, because of the possibility to approach directly persons and things, involving sound and imagine, but it depends on your work, what you need etc.

SA: what’s the importance of narration in the video works?SB: The images and sounds have got their own stories inside that I not always can understand or control. In my opinion, the narration is very important and exists: its real process, it is important. If you don't have any sense inside a work, that work doesn’t stand alone, becomes something else. But when you have it, everything functions, and you got the story. Sometimes you need more time and research, but to me the story is important as the places and people are.

SA: Although young, you took part in many collective exhibitions and International projects. In what measure did all these experiences help you to grow? Which situation could you consider as the real chance to learn something new and to evolve yourself?SB: All the contexts and places where I had the possibility to show my work, are important. I did what was possible in terms of how much work I make, and how I produce it, which people see it… The importance is inside showing your work to others, inside right time, and right space. Not all the exhibitions give you this, especially the big group exhibitions, but they are also important to confront. Maybe my personal exhibition will become important…

SA: I know you have been selected for the next European Biennale of young artist in Skopje. What are you working on? SB: On 3p3l, in this occasion the work is related to identity question.

SA: Now I ask you to give to SuccoAcido’s readers your opinion about Italian art system. I mean the comparison with Macedonian cultural context, now so increasing, or with other countries that you know.
SB: Well Italian system is different, functions better than ours, is more developed, we have still EU founds for developing cultural networks and some project but the situation is better in the capital city and in terrible in province and small cities. In Italy as I could see, the situation is different in regions that is closer to north, and to central Europe, also to Balkan and East Europe. In Rome, where I live since 2003, I think that there is no significant openness to young artists, specially Italian, so I think that when close to contexts as Villa Medici, Massimo etc, the Italian situation of system of support of proper artist abroad is terrible, not enough. I think that GAI, Movin Up and others are not enough.

SA: What does an artist need today, in your opinion? Public institutions such as museums that could support contemporary artists, or independent organizations, a collective movement to increase artistic resources such as GAI?SB: All structures, private and public should sustain valid projects and artists. I think it might be best a change in this situation of support of the artists. If everything that already exists get reinforced, also through more incentive for research projects, also in different fields, for example through giving, or landing studios for artist at low price, without speculation, will help artist situation. Also giving attention to artists living in Italy, but this is very difficult especially now considering the political situation in Italy.

SA: This question is a ‘must’ for SuccoAcido: it’s about trans-disciplinariety. How do you consider collaborations between visual artists and musicians, directors, actors? Have you never experimented this kind of interactions with theatre or music?SB: Yes, I collaborate with few musician-artist, but important, I think! Above all with G.P. inside xxxyvisuals, together we had the possibility to participate in international and Italian digital electronic art scene, but we also performed internationally with other collaborations, to festivals as Mutek and lot of others. I think that collaboration is important for all artists, and gives you the way to learn and become more professional while working with others, learning more in those fields where you know less.

SA: Have you ever participated in any public art project? In your opinion, what is the importance of making artistic interventions in specific places?
In what are you interested in this kind of situations?
SB: In 2003 I played an active role in a performance-action, and also in some site specific interventions in other occasions. I think that what is important here is being able to understand the social issues and needs in particular place, while working with others, and when this is related and expanded can become politic, culture…

SA: Could you tell us something about your xxxy visuals project? In it’s website I read “Our projects and compositions are generated mostly through digital processing of original video and also audio sources and recordings, but also using generative content and software modules”. How has it been developed in these years?SB: The xxxy project was founded in 2005, but also preveiously we collaborated together on multimedia projects and video. We bring our experimental and abstract research through different projects as video, installations with sound, "av performances" etc. The live experience is part of the process itself. We use original video and audio sources that become something else, more on us on our web site.

SA: Your actual work is an audio-video project: Natures, - Are they still moving? I see you have developed more and more the attention in sound research.
Will you carry on this plan?
SB: Yes also in this series I use sound, but I would like to say that I use sound as part of the visual research itself not as musician also giving space to trans-disciplinarity.

SA: Could you tell us what's the macedonian translation of "SuccoAcido"?
SB: Kisel Sok.

 
Sladzana Bogeska

Sladzana Bogeska è una video artista di origine macedone che ha scelto di vivere in Italia per approfondire la conoscenza della storia dell'arte e per acquisire gli strumenti e le possibilità espressive che il contesto cuturale del suo Paese non poteva offrirle. La Macedonia è oggi un luogo molto particolare, in forte cambiamento, aperto finalmente a nuove forme di sperimentazione artistica e ai contatti con la realtà europea e internazionale. Il lavoro di Sladzana in questi anni si è sviluppato attorno alle tematiche del viaggi, del linguaggio e della potenzialità espressiva dell'arte. L'intervista che abbiamo realizzato è in un certo senso un rafforzamento del suo ragionamento e della sua poetica. Presentiamo infatti un discorso sull'arte e sul ruolo di un'artista straniera in un paese come l'italia, e lo facciamo in tre lingue, per ricordarci che la cultura può essere spiegata, può essere compresa soltanto a partire dalla considrazione della sua "biodiversità". La traduzione comporta sempre una perdita e alcune forzature espressive, ma il dialogo si arricchisce di sfumature molto importanti e ciò che si è perso in una lingua viene compensato dall'altra.

 
 

SA: Chiedo sempre agli artisti di tentare una definizione di se stessi. Non si tratta solo di sapere se sei una video artista o una pittrice, ma di conoscere il tuo “perché” d’artista.
SB: Il “perché d’artista” è una domanda complessa alla quale è difficile dare una sola risposta. Il perché è legato a molti fattori per cui definire l’artista attraverso noi stessi in quanto artisti è ancora più difficile, anche se dentro di noi conosciamo le risposte. Per me diventare artista non è stata una scelta casuale, anzi l’arte è sempre stata una presenza costante nella mia vita di cui sono stata sempre consapevole, e considerata l’attenzione che mi veniva datta grazie al mio talento, c’e anche un perché iniziale legato ai fattori futili come l’egocentrismo, è inutile negarlo. Poi crescendo capisci che si tratta di un lavoro molto serio. Per me, essere artista, comporta un serio e sincero impegno con se stessi perchè ci si confronta in continuazione con la scena artistica generale e quella dell’arte visiva contemporanea, e anche con tutti coloro, addetti e amanti dell’arte, che in seguito incontreranno il nostro lavoro sul proprio percorso. L’artista fa una scelta importante soprattutto dal momento in cui diventa consapevole dell’importanza culturale, sociale che assume il proprio lavoro, diventando un esempio, un pensiero con il quale stabilire un incontro, per condividerlo o perentrarvi  in conflitto e tanto altro.
Sicuramente fare l'artista è una scelta voluta e consapevole.

SA: Hai puntato molto sulla tua formazione e lo hai fatto frequentando corsi e accademie soprattutto in Italia, ci racconti la tua esperienza e la scelta che ti ha condotto a Roma o a Firenze?
SB: La mia esperienza di formazione è stata sicuramente molto bella, anche perchè ho potuto scegliere dove studiare, cosa non sempre possibile per molti. In Macedonia ho avuto un'ottima formazione, ma ho anche seguito mostre e eventi fin da molto giovane, per cui continuare a studiare l’arte è stata una scelta normalissima.
Allora, appena avevo finito il liceo artistico in Macedonia, il sistema da noi era chiuso e le Accademie, spesso con metodi discutibili, sceglievano i pochi "fortunati", e io non avevo molte speranze: questa, ma anche diverse altre motivazioni mi hanno spinto a cercare qualcosa di diverso dal mio paese.
Tra le diverse destinazioni, anche grazie al passaparola di amici che già studiavano in Italia, ho deciso di fare la prova d’ammissione all’Accademia di Firenze, la “città d’arte” per eccellenza, senza sapere cosa volesse dire questo (in positivo e in negativo), prima di venire effettivamente in Italia. Diciamo che con grande idealismo e guardando alla storia dell'arte in generale, ho deciso di studiare a Firenze. Successivamente all’esperienza positiva, soprattutto toscana, che è durata circa 5 anni, mi sono trasferita a Roma. Qui ho compiuto un anno di studi, per concludere l’iter biennio, specialistico-ancora sperimentale, che ho appena concluso. E anche questo è stato sicuramente positivo: mi ha dato la possibilita di incontrare docenti e artisti validi. Cercavo una città più grande e più trasversale, più caotica, diversa da Firenze. Sicuramente vivere e studiare in due città differenti mi ha dato diversi punti d’osservazione e d’analisi sul mondo dell’arte contemporanea in Italia.

SA: Torniamo allora insieme alla tua terra d’origine, la Macedonia. Sei nata a Skopje: vuoi raccontarci la tua città?
Mi interessa il tuo punto d’osservazione perché sei un’artista e puoi darci uno scorcio di una realtà, per noi molto distante, attraverso la tua sensibilità.
SB: Skopje è una città strana, sicuramente in continua mutazione, spesso più in peggio che in meglio, ma in mutazione. Un po' deludente per il fatto che rimaniamo ancora isolati del mondo "fisicamente", considerata la situazione economico-politica difficile e il sistema di visti. Ma da tutto ciò si impara facilmente a cercare situazioni migliori. Stranamente, dal punto di vista artistico, in tutto questo contesto c’e anche chi lotta per la causa artistica a Skopje, la capitale dove sono nata e dove vive la mia famiglia e molti miei colleghi, amici etc. Non sono tante le organizzazioni che si occupano di promuovere iniziative, festival, eventi, mostre e che cercano di uscire allo scoperto, accanto a altri eventi magari europei, meglio strutturati, ma quelli che si impegnano, credo che lo facciano per reale esigenza e necessità di confronto e crescita con il resto del mondo artistico.
Crescere significa riconoscere l'importanza dell’arte, creare cultura e informazione e condividerla con gli altri. Skopje è la mia città dove sono cresciuta e dove torno a confrontarmi con i colleghi per condividere idee e progetti, ma è anche una città dove presentare i propri lavori a un pubblico sicuramente non indifferente; inoltre qui c’e la mia famiglia che mi sostiene in tutto, per cui il legame è forte. Credo che ovunque ci sia bisogno d’impegno per raggiungere degli obiettivi importanti. Quello che a volte manca sono i soldi, il “giusto” oggettivo sostegno dalle istituzioni pubbliche ma anche private e la valorizzazione dell’arte. Bisogna crescere economicamente e politicamente per dare lo spazio che spetta all’arte e agli artisti ma, chissà, ho letto che la prossima Biennale giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo si terrà proprio a Skopje, per cui potrebbe essere una buona occasione conoscere un'altra realtà e la gente del posto.

SA: A proposito di sensibilità e di culture, al plurale naturalmente, senti di essere un’artista internazionale? In che termini si articola il tuo rapporto con i luoghi? Cosa ci dice il tuo percorso artistico di questo?
SB: E’ una domanda troppo complessa, se considerata soltanto attraverso il rapporto personale con i luoghi potrebbe apparire soggettiva, anche se è questo che mi chiedi. Credo che spesso si prende l’internazionalità o la multiculturalità come una decorazione e non come un valore vero e proprio. Per questo i luoghi sono diventati di passaggio e i luoghi dove fermarsi e parlarsi spariscono, poi ci sono quelli dove abitiamo e quelli dove vogliamo o non vogliamo abitare, quelli da dove proveniamo e quelli che non esistono affatto, ma dove vogliamo arrivare.
Il mio rapporto con i luoghi è complesso, sicuramente l’esperienza diretta in luoghi differenti influisce su noi, anche perchè non si può ignorare un fatto che accade intorno a te, o su di te. Sicuramente uscire da un posto e conoscere un altro aiuta a capire gli altri meglio. Muoversi in un altro luogo diventa importante per questo, perché vuole dire incontrarsi, e avere ampie prospettive distanti e distaccati.

SA: In due video che ho apprezzato particolarmente e che inseriamo in questa intervista, Dawn conversation e 3p3l, entrambi del 2008, affronti proprio il tema della multiculturalità.
Li commenteresti intermini di incontro, confronto, dialettica o incomunicabilità?

SB: 3p3l è un lavoro di ricerca per me ancora aperto. Cerco di affrontare un tema vasto che ha diversi aspetti da analizzare e da tenere in considerazione, per cui anche molto ambizioso per poter venire fuori soltanto da un lavoro, per questo è ancora aperto. Attraverso il linguaggio stesso provo ad analizzare il nostro “vedere-sentire” le cose. Cercando di capire se questo vedere e sentire le cose attraverso il linguaggio è sufficiente ad esprimere anche le emozioni, e quindi parte dall’intuizione, attraverso la parola, per arrivare ai concetti stessi, alle immagini sonore prime. M’interessa la relatività del linguaggio, la sua astrattezza, il suo modo di semplificare le cose… e questo viene affrontato in 3p3l.
Ma non ho potuto non pensare anche a tutto il discorso legato alla lingua, quella che si conosce, attraverso la quale si pensa, che non è la nostra madrelingua, quella affrontata in 3p3l, che cerca di esprimere come pensiamo e come ci sentiamo quando pronunciamo delle parole che si riferiscono al nostro sentire, al nostro corpo, all’altro, e in generale allo spazio e al tempo. Insomma penso anche a come questo linguaggio prima del linguaggio, questo suono riesce a catturare il pensiero attraverso il linguaggio qui considerato come una riduzione e una semplificazione.

SA: Come sei arrivata alla scelta del video come mezzo espressivo? Continui a lavorare con diversi linguaggi o li affronti uno per volta?
SB: Lavoro con tutti i mezzi a disposizione, ma la possibilità di registrare sul campo le persone e le cose mi ha avvicinato di più al video come mezzo che incorpora immagini e suoni direttamente dalla realtà più efficacemente da altri, non meno importanti. Insomma, dipende dal messaggio che si vuole dare, dal senso del lavoro, dall’installazione stessa…

SA: Qual è per te il valore della narrazione nei video?
SB: Le immagini e i suoni spesso possiedono una loro storia intrinseca, che non riesco sempre a dirigere. Il valore della narrazione esiste ed è reale. E per me è importante. Se non c’e il senso, il significato del lavoro non regge, e diventa un'altra cosa..
Quando funziona, funziona: a volte non so nemmeno io perché funziona. A volte l’idea c’è e il lavoro viene realizzato senza interferenze, ma in altre occasioni richiede molto impegno e ricerca, e anche una storia. Le storie sono importanti come le persone e i luoghi.

SA: Hai avuto già la possibilità, nonostante sia giovanissima, di partecipare a mostre e progetti di livello internazionale. In che misura queste esperienze ti hanno fatto maturare? Quale di queste ha rappresentato per te un momento di confronto e di crescita?
SB: Le mostre o i progetti dove ho potuto presentare una parte del mio lavoro, per me sono state tutte esperienze importanti. Penso che ho fatto quello che era possibile per me, in relazione a quanto materiale creo, e quanto riesco a promuovermi, ma soprattutto a quante persone riescono a vedere e apprezzare il mio lavoro. L’importante è che il lavoro venga presentato nella situazione giusta e nello spazio/tempo giusto. Non tutte le mostre attribuiscono il giusto peso al singolo lavoro, soprattutto le grandi collettive. Ma credo che il confronto ci serva, e che un artista abbia il dovere di presentare il proprio lavoro. Penso che nel futuro la mia mostra personale diventerà più importante!

SA: Sei stata selezionata per la Biennale Artisti Macedoni presso il Museo d'Arte Contemporanea a Skopje, qual è il tuo lavoro per questo appuntamento?
SB: 3p3l. Frammenti e descrizione di questo lavoro sono visibili sul mio sito.
In quest’occasione il lavoro è legato al tema d’identità, sul chi siamo, come ci vediamo, etc…

SA: Ti chiedo di dare ai lettori di SuccoAcido un tuo punto di vista sul sistema dell’arte in Italia, in confronto con altre realtà come quella macedone, in fortissima espansione e sviluppo, o quelle europee più consolidate.
SB: Il sistema d’arte italiano è differente da quello macedone, sicuramente piu svilpuato e funziona; quello macedone attinge ancora ai fondi europei per lo sviluppo e per la crescita della cultura, per presentarsi nelle reti che lo sostengono, per esempio nel centro Europa, ma anche attraverso le attività presenti nei Balcani in generale, se non sbaglio… Poi da noi la situazione è diversa a Skopje, la capitale, rispetto ad altre città e province.
In Italia, da quello che ho potuto vedere e giudicare, nella mia esperienza di studio e di vita dal 1999 fino ad oggi, credo che i fondi non siano tanti, soprattutto adesso, e la situazione è differente per ogni regione, il nord è più attivo, essendo più vicino anche alla cultura centro-europea, più vicino a noi, i Balcani, ma anche all’est Europa. Alcune regioni che hanno sostenuto un certo impegno politico, sono riuscite a valorizzare molto l’arte contemporanea dando giusto peso e spazi anche agli artisti residenti creando delle reti  d’arte contemporanea.
Mi sembra che non esiste una grande apertura delle istituzioni deputate all’arte verso gli artisti già presenti sul territorio, almeno non a Roma, dove vivo dal 2003.
Parlando invece di esempi europei, basta considerare le residenze e le opportunità che danno ai propri artisti, Villa Medici, Villa Massimo, Le Accademie di paesi come Romania, Ungheria, presenti a Roma, per fare un confronto con la situazione italiana di sostegno ai propri artisti in altri paesi europei.
Credo che il GAI, oppure i bandi di sostegno di Movin Up, non bastino da soli per sostenere l’arte in Italia e all’estero.

SA: Di cosa senti più il bisogno oggi per gli artisti? Di strutture pubbliche e museali che sostengano le giovani iniziative o di un’auto organizzazione collettiva che potrebbe essere un potenziamento di risorse come il GAI?
SB: Tutte le strutture pubbliche attive nel settore dell’arte contemporanea, ma anche le iniziative auto organizzate, devono essere aperte a sostenere i progetti validi, soprattutto quelli già presenti sul territorio. Aprire spazi dedicati agli artisti, ai ricercatori, anche di varie discipline, sarebbe di enorme importanza per lo sviluppo e la crescita. Per esempio proporrei di offrire possibilità didattiche, di apprendimento, (atelier’s) a basso costo, senza speculazioni sull'affitto e borse di studio più ragionevoli rispetto al costo della vita. Promuovere gli artisti, concedere borse di studio di ricerca artistica, periodi di residenza, insomma tutto quello che è possibile, e che in parte viene fatto, va potenziato e sopratutto indirizzato di più agli artisti presenti sul territorio. Diciamo un’utopia per l'Italia, considerata la situazione in questo momento storico… Ma la possibilità esiste in molti altri paesi europei, se non tutti, dove già nell'ambito dell’Università i fondi sono maggiori e dove l’attenzione verso l’arte contemporanea è grande anche al livello istituzionale.

SA: Ti faccio una domanda che per SuccoAcido è un must, in relazione alla nostra trans-disciplinarietà… Consideri che le collaborazioni tra artisti visivi e registi o musicisti siano importanti? Hai avuto esperienze d’interazione con altri soggetti provenienti dal teatro e dalla musica?
SB: Sì, ho collaborato con musicisti, pochi ma, credo, importanti.
Innanzi tutto collaboro con Giuseppe Pradella da diversi anni, per cui insieme come gruppo xxxy visuals, abbiamo avuto possibilità di partecipare a festivals importanti per ciò che riguarda la scena delle arti elettroniche, in Italia e all’estero. Sicuramenete le collaborazioni ti insegnano molto e impari a lavorare professionalmente anche con gli altri. insieme ad un musicista molto importante nel campo della musica elettronica minimale ho avuto la possibilita di fare un performance a Mutek in Canada, a Dissonanze a Roma, e in molti altri contesti.
Per questo penso che la trans-disciplinarietà diventa importante in base all’importanza che ha in quel momento per l’artista stesso, nella propria fase di crescita professionale e, ovviamente, per il progetto stesso. Diciamo che si collabora là dove esiste una reale necessità di interagire in un campo che non è sempre il proprio, che serve a valorizzare il lavoro finale soprattutto. A volte non siamo autosufficienti e, dove noi non arriviamo, arrivano gli altri, con le loro competenze e professionalità. L’importanza è non chiudersi ma aprirsi e lavorare. Più progetti vuol dire anche più collaborazioni e più possibilità di incontrarsi tra artisti e adetti ai lavori e quindi confrontarsi.

SA: Hai mai partecipato a progetti di public art o in generale progetti rivolti allo spazio sociale? Qual è, secondo te, l’importanza di questi interventi in contesti specifici?
SB: Nel 2003 ho preso parte ad un evento, o meglio un’azione urbana, e poi ho anche realizzato un paio di interventi site specific, ma credo che l’importanza di questi interventi in contesti specifici, o realizzati in/o per gli spazi sociali, consista nell'essere presenti sul territorio, per capire come intervenire, magari insieme con gli altri al fine di migliorare la situazione generale di un dato spazio o contesto… ma il discorso è importante e, allargato ad un agire generale, diventa cultura, se non politica.

SA: Puoi raccontarci il tuo progetto del gruppo xxxy visuals? Nel sito leggo “Our projects and compositions are generated mostly through digital processing of original video and also audio sources and recordings, but also using generative content and softwere modules. Come si è sviluppato in questi anni? Con quali collaborazioni?
SB: Il progetto xxxy visuals nasce nel 2005 dalla mia collaborazione con Giuseppe Pradella, in diversi progetti audio visivi precedenti al gruppo. Con il nome di xxxy visuals viene portata avanti la nostra ricerca digitale più sperimentale, astratta e non sempre narrativa, che ci vede impegnati tutti e due come principali artisti di questo gruppo. Attraverso ricerca e studio continuo, vengono creati progetti come video, animazioni, video installazioni con un sonoro, che vengono presentate in forma di AV performance in tempo reale. Nei progetti utilizziamo registrazioni audio/video originali che in seguito vengono elaborate attraverso diversi processi di manipolazioni; a volte invece vengono utilizzate delle composizioni generative, oppure create dall’interazione con/di diversi software per performance AV in tempo reale.

SA: Il progetto che stai seguendo adesso è un lavoro audio-video dal titolo “are they still moving”, hai sviluppato sempre maggiore attenzione nei confronti della ricerca sonora, come dimostra anche la tua ideazione di xxxy. Continuerai questa ricerca?
SB: Sì, anche in questo lavoro, che ho chiamato Natures, - Are they still moving? avrà un ruolo importante. Anche se il lavoro non è incentrato sul sonoro, nel senso che io non sono una vera musicista, ma un'artista che indaga, adopera il suono nella propria ricerca visiva, considerandolo all’interno del linguaggio visivo, più allargato possibile, ragionando molto, appunto sulla trans-disciplinarietà.

SA: E infine ti chiedo: qual è la traduzione del nome SuccoAcido in macedone?SB: Kisel Sok.

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

Pen: Costanza Meli
English Version: Costanza Meli, with the collaboration of Anna Amato.
Macedonian Version: Sladzana Bogevska, with the collaboration of Kristina Bogevska

Link:
www.sladzanabogeska.com/
www.xxxyvisuals.com

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from Costanza Meli 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
Mereflected - Sladzana Bogeska
............................................................................................
3p3l - tre persone tre linguaggi, 2008 video installazione, courtesy of the artist
............................................................................................
dawn conversation - still da video
............................................................................................
dawn conversation - still da video
............................................................................................
shoppingcopenhagen ( experimental )
............................................................................................
treentimethoughcopenhagen - video installazione
............................................................................................
Copenhagenstory - still da video
............................................................................................
Dissonanze - Live performance
............................................................................................
Mutek - Live performance
............................................................................................
Copenhagen Marmorkirken - Live performance
............................................................................................
SuccoAcido Social.
SUCCOACIDO CROWDFUNDING CAMPAIGN

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
SuccoAcido Art Gallery.
 
SuccoAcido Comics Gallery.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
SUCCOACIDO COMMUNITY
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.