September 20 2020 | Last Update on 09/04/2020 08:54:46
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 0 altri utenti online (-1 registrati, 1 ospite). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest | Musicians | Music Labels | Focus | Music Festivals | CD Reviews | Live Reports | Charts | Biblio | News | Links
Music - CD Reviews - Review | by SuccoAcido in Music - CD Reviews on 01/01/2004 - Comments (0)
 
 
 
Apokalypz Bugz, Twink, Coleman, Modern Institute, Conqueror, Homelife.

Apokalypz Bugz, Twink, Coleman, Modern Institute, Conqueror, Homelife.

 
 

APOKALYPZ BUGZ / MUSIC INSPIRED BY THE MAKING OF THE FILM / ACIDSOXX
TWINK / PICTURE BOOK AND COMPACT DISC / ACIDSOXX

Eric Bonner è l'uomo che ristamperà negli USA una band a noi cara come i Maisie. Eric Bonner è l'uomo che fa conoscere a radio e magazines americani i dischi dell'etichetta Snowdonia promuovendoli a pieni polmoni. Per chi non l'avesse capito, Eric Bonner è il nostro uomo, ed è completamente pazzo. Apokalypz Bugz è forse scaturito proprio dalla sua mente labirintica e sminchiata (chi si celerà mai dietro al curioso moniker di Dick Acidsoxx?), fatto sta che il disco in questione è un gioiellino splendido splendente di luce propria (luce-tenebra) e un compendio di buona, sanissima e gustosa pazzia lurida e visionaria. Basti ascoltare gli schizzati spasmi a metà tra techno, easy listening, jazz e industrial di "Buggy" per capire dove (e come) siamo andati a parare. Ma non lasciate che la goliardia e l'ilarità dichiarata del nostro prendano il sopravvento sul vostro senso critico, lasciandovi - ahi! - sottovalutare un disco simile, perché non di cazzeggio allo stato brado si tratta. La capacità di ri-elaborazione di idee e stili presente in questo disco è infatti di rara compattezza, e carica di un'inusuale forza dialettica - sentite per esempio come la sovra-citata Buggy è seguita a mo di colpo-di-scena da un pezzo come "Junkyard Pussy (Kitchen Sink)", che mischia la psichedelia prima-del-tempo del visionario Sandy Bull (e della sua onirica chitarra) a glaciali rumorismi da cucina. Ascoltate l'incipit del disco, la partenza a razzo, ultra-eclettica. del pezzo "Whiskerbiscuit 2001", Hip Hop alla Gold Chains che va a mischiarsi ai Residents del primo disco(!!!), insomma... s'è mai sentito nulla di simile? Bene, è tutto, la recensione è finita, già altrove su questo numero segnalo che ho rotte le palle di scrivervi scemenze, concludo dicendo che il disco dovete comprarlo, è un ordine, contattate il nostro (la sua mail è erik@acidsoxx.com ) e ordinate questo splendido Apokalypz Bugz, magari in compagnia del disco di Twink (A picture Book and Compact Disc by Mike Langlie), una sorta di progetto audio-visivo comprendete cd e libretto illustrato: i pezzi hanno tutti come protagonista il "toy piano", mentre per il genere si tratta di qualcosa di molto vicino alla musica cocktail (ma mi sono permesso di definirlo più saggiamente "sunny lounge music" per pic-nic intellettuali). Okokok, la smetto di dire cazzate - ma poi ci penso e dico, se tutti facessero il mio ragionamento che ne sarebbe di Riccardo Bandiera? Allora rieccomi! per parlarvi del raga-space jazz di Millenium Cricketz (sempre sul disco di Apokalipz Bugz) che quasi diventa krauto, e ancor più del sax di Frank Catalano, un sax come un altro, ma che qui suona come un meteorite impazzito in collisione con l'orbita acustica cranico-terrestre. E che dire quando si arriva al country cantautorale soffertissimo di Sun Burn Out? E' un viaggio signore e signori nei meandri dell'essenza vera del post-modernissimo, post-qualcosa, post-niente, un disco incredibile, se non altro per il coraggioso accostamento di humor surreale e atmosfere dark che sottende a tutto il disco: canzoni spastiche, deviazioni a la Residents gettate in in un magma ribollente di oscurità underground, e il tutto (miracolo) senza mai risultare troppo pesante, o asfissiante, o ingombrante. Caro Eric, per ora siamo sazi... ma ci preme chiederti... a quando il degno successore?
BakuniM





COLEMAN / DOMESTIC LANDSCAPES # 1 / NAIL
MODERN INSTITUTE/ DOMESTIC LANDSCAPES # 2 / NAIL

Riuniti in un unico promo-cd, ho la possibilità di ascoltarmi i primi due numeri della serie Domestic landscapes, collana di 12" che a partire dal 2002 viene licenziata bimestralmente dalla friulana Nail Records in collaborazione con la mente elettronica di Mauro Teho Teardo (nel suo curriculum - per chi non si ricordasse di lui - Meathead, Matera, Here, la colonna sonora per "Denti" di Gabriele Salvatores e molto altro ancora...). Ad inaugurare la serie è stato chiamato Jim Coleman, che di Mauro Teho Teardo fu compagno d'avventura negli Here dopo che già i suoi Cop Shoot Cop avevano diviso alcuni split con i Meathead: per lui sei pezzi strumentali che costruiscono sapienti architetture ritmiche (vedi in particolare "Robots are sunshine" e "Touch"). E' invece Mauro Teho Teardo in persona a celarsi dietro il moniker Modern Institute, progetto che sviluppa in chiave downbeat il suono degli ahimè defunti Here attraverso un affascinante gioco di continue rifrazioni tra le partiture elettroniche e le note del violoncello di Martina Bretoni; e la voce di Bliss Blood in "Stairs" fornisce quell'ulteriore elemento di coesione che manca volutamente nelle tracce strumentali, tutte caratterizzate da un'enigmatica incompiutezza di fondo. Considerati lo spessore dei due personaggi e il buon livello di questi Domestic landscapes, mi auguro che si stia avvicinando il momento in cui Jim Coleman e Mauro Teho Teardo decideranno di unire nuovamente le proprie forze.
Guido Gambacorta

CONQUEROR / ISTINTO / CONQUEROR+ASS.CULT.PECCATORIGINALE 2003

Dopo anni di gavetta i siciliani Conqueror approdano finalmente alla loro prima travagliata fatica discografica.
Diciamo subito, sgombrando il campo da equivoci, che il tempo in questo caso non è passato invano.
"Istinto" è infatti un signor album, maturo, partorito tra l'altro in una terra (la Sicilia) asfittica in fatto di produzioni prog. Giu' il cappello quindi.
L'album, ben suonato e magistralmente prodotto, ci riporta a quel new prog tanto in voga sul finire degli anni '80 e che deve molto (in Italia) a paladini apripista quali gli Ezra winston e i Nuova era. Messi da parte gli esasperati e gratuiti barocchismi (i frammenti barocchi presenti non sono mai fini a se stessi) in favore di una maggiore fruibilità, il gruppo di Natale Russo (solido batterista dal drumming decisamente prog) dà vita ad un affresco godibilissimo dove si miscelano sapientemente sapori mediterranei (nelle ariosità delle melodie e nelle linee vocali della tastierista vocalist Simona Rigano) a sonorità tipicamente anglosassoni. Si avvertono echi che ci rimandano al glorioso pop italiano (i Banco nella epica e splendida Quartar, la Pfm, i Goblin negli intermezzi inquietanti della strumentale Entropia), e al tempo stesso ad inconfondibili atmosfere marillion, ai morbidi assoli alla Latimer, ed alle "tarantellate" al Moog marchio Nolan. Il tutto riletto con grande disinvoltura e sufficiente originalità.
I testi sembrano attingere per lo più da certa letteratura "fantasy" e, come detto, sono affidati all'ugola di Simona Rigano che complessivamente non sfigura.
Buonissimo anche il lavoro alle tastiere, a parte forse un uso dell'effettistica qui e li un po' datata (mi riferisco agli archi campionati) ma sempre di buon gusto.
Un plauso anche al chitarrista Gaetano Scarcella che dopo un avvio un po' in sordina, emerge alla grande nel capolavoro Quartar facendoci letteralmente godere sul finale di Entropia con un assolo gilmouriano di quelli che amo definire "da morirci dentro"!
Buona infine, come detto, la macchina ritmica costituita da Russo e Tony Rose.
Insomma, tirando le somme, trattasi di una opera prima di un certo spessore che colloca di diritto i Conqueror tra le promesse più interessanti in fatto di prog nostrano.
Francesco Barraco





HOMELIFE / FLYING WONDERS WOBBLY JACK EP  / NINJA TUNE
HOMELIFE / SEEDY EP 10" / MADWALTZ
HOMELIFE / UNKNOWN EP 12" / MADWALTZ
HOMELIFE / TOO FAST EP 12" / NINJA TUNE
Visti per caso nemmeno una settimana fa a Vendome mi son piaciuti. Una famiglia numerosa sul palco, strumentazione larga ed allargabile, composizioni strette e poppeggianti, un senso di astrazione anche se ogni arrangiamento è curato nei minimi particolari. Una cover di Sun Ra (il suo lato pop-soul) mi ha rimesso tutto in chiaro. Ho ripetuto per tutta la sera a chi mi chiedeva perché mi fossi comprato questi quattro dischi che non l'avevo fatto per quello che avevo ascoltato, ma per quello che mi faceva venire in mente. Non sto a commentarvi i brani uno per uno. C'è pane per molti denti qua dentro, hanno pubblicato anche svariati cd, ma a me che me ne frega, si ossideranno tutti. I vinili, a meno di una catastrofe solare, resteranno ascoltabili per molti anni a venire. E penso che questa tripletta ripasserà spesso sul mio piatto, anche fra quindici anni.
Jacopo Andreini

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:
 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from SuccoAcido 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
FRIENDS

Your control panel.
 
Old Admin control not available
waiting new website
in the next days...
Please be patience.
It will be available as soon as possibile, thanks.
De Dieux /\ SuccoAcido

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
SUCCOACIDO COMMUNITY
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.