August 1 2014 | Last Update on 31/07/2014 8.23.04
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
C'è 1 altro utente online (-1 registrati, 2 ospiti). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest from Music | Musicians | Music Labels | Focus | Music Festivals | CD Reviews | Live Reports | Charts | Music Bibliography | Music News | Music Links
Music - Music Labels - Interview | by SuccoAcido in Music - Music Labels on 01/09/2002 - Comments (0)
 
 
 
Tomlab records

Tom Steinle of the Tomlab. Tomlab is an independent label founded in 1997 in the Belgian quarter of Coln, in the heart of Germany. The label is based on the individual choices of Tom Steinle and it does not follow any commercial rule; it is just a small company whose aim is to produce quality music.

 
 

SA: Hi Tom. Tomlab: a story about your life...May you tell us a little bit of it?

Tom Steinle: ;) You have not been taking over all the words from the statement I have on the Tomlab website... there is written, "Tomlab is maybe more a story about my life in this music world and how I can relate to it ". So there are two things in this - my real life and the music world around me and only after that the story that I make out of my position in this music world with the work I do for Tomlab. Both my life and my work are connected but not interchangeable. The works on Tomlab certainly reflect my tastes but they also reflect what is happening out there on other labels or platforms. It may seem very simple but in that context releasing an album like "Casiotone for the painfully alone" on Tomlab is more political than you might think it is. They same was true for the very spontaneous, low-fi sounding Angelika Koehlermann release (which btw carries the name of the label by Gerhard Potuznik where the first album of the same artist has been released). In a way it was like saying "heya, I give a fuck about hi-end production and mastering techniques if the music can transport the right level of emotions that is required to make you just love it and stick with it for a long time". Good music is a just such a fragile thing...

SA: Would you give us a definition of the music you're trying to produce with your label?

Tom Steinle: I will avoid to give definitions of genre or classifications of sound as I do not believe in categories. With Tomlab I want to take risks and let the music speak for itself. It doesn't matter so much to me if it is lo-fi guitar, indie-pop, electronica or other... Tomlab is about: music that is intense, heartfelt, honest and true to itself. Albums that can transport you, that can work both as a background to your daily life as well as being a source for intense listening experience. Songs or pieces of music that you want to carry around with yourself not just putting off into the shelf after a while.

SA: In which way Tomlab is developing and rising?

Tom Steinle: it is developing for the artists as we are now getting into a phase of follow up albums that will show that the artists are growing together with the label and that Tomlab is a respectable pool of new talents without relying an established artist names. It is developing for myself as I now consider Tomlab as my job. At the same time Tomlab is rising because our releases get more attention and wider distribution now than during the years before and this process of wider recognition seems to be just starting which gives me a lot of motivation to continue my efforts for the label.

SA: May you give us your personal idea of the music scene around you today? Where do you think electronic music is going...?

Tom Steinle: this is a tough question to answer. In my eyes the current music scene is overloaded with hypes on all levels from majors to indies... of course we all want these hypes but one next big thing is following the other so quickly these days and it is hard for me to see continuity in there which makes it difficult for me to focus or to even pay attention. And if you ask me about my connection to the electronic music scene my answer will be two fold: the musical output on Tomlab is certainly inspired from the electronic music scene but also draws a lot of inspiration from more guitar oriented indie-pop music. At the same time Tomlab has been growing up with this electronic music scene and a fair share of Tomlab's distribution network is very much part of that. In a way it is fascinating to see how all of this is slowly growing together - the indie-pop and electronic music structures are not so seperated any more as maybe 5 or 10 years ago. Speaking about electronic music in Europe I feel that there is a change happening. For me these days much more energy is coming again out of techno and house projects rather than electronica or ambient music. I had neglected the dancefloor scene for quite a while but it is getting much more interesting again for me. At the same time I am listening to a lot more guitar oriented music right now.

SA: We enjoy a lot Angelika's cd...I'm so curious: what does it transmit to you?

Tom Steinle: for me this is a very personal album. It speaks a lot about real life emotions to me. In my eyes it as a sad love story, about the struggle to believe in love and to live your life at the same time. Angelika tells us the story of a break up and the search for a new horizon and at the same time she tells a tale or a fable about the duty to show respect to other people's life and to not loose confidence, to stay loving and careful for the people and the world that surround you. Of course the title CARE also refers to taking care of yourself but in a hopeful, not a selfish way. Anton tells us the basic principle in the song GERMAN LESSON: "ich war gluecklich, ich bin gluecklich, ich werde gluecklich sein" which means "I was happy, I am happy, I will be happy".

SA: The best and the worst about your job in these years...

Tom Steinle: the best: meeting so many interesting and fascinating people all over the world. Getting more and more insight into the politics of the music business. The worst: loosing a lot of money from distributors going bankrupt or just ripping small labels off. And as it is two fold I will mention it again: getting more and more insight into the politics of the music business.

SA: In which ways visual art and design keeps in touch with the music you produce?

Tom Steinle: Tomlab covers always are related to the music that is inside but it is not a 1:1 relationship, in my eyes a cover should bring new aspects and add a 2nd dimension or point of view. At the same time there is certainly no basic Tomlab style except for the fact that until recently I have been trying to avoid incorporating photos into the cover artwork and the fact that we are now using the Tomlab logo across all releases. In a "no logo" world I have decided in favour of using a (really smart) logo that will slowly draw a picture of the Tomlab work. The logo is in the shape of a pencil and it perfectly translates the fact that the Tomlab identity is nothing predefined or stable but that it is built on the creation process itself. Working with graphic designers always leads to new ideas Ð many surprising things I wouldn't even have thought of before so the process of the design job is very inspiring to me and gives a good balance to the work with all the music. The visual aspect is quite important to me and the process of creation usually involves a lot of communication from all parties involved, i.e. artists, designers and myself. But basically I have a very pragmatic point of view, cover design is for me something that is similar to product design and high design quality is a substantial value in my eyes...

SA: A little of geography, please... Cologne, anything to tell us about it?

Tom Steinle: Cologne is a small town, the music scene is very present in my daily life here and there are a lot of crossing points. But as much as the roots of Tomlab are and will be based in cologne, cities like Munich, Paris, NYC or even Tokyo seem to be much much closer to me these days... and surprisingly not Berlin nor London.

 
Tomlab records

Tom Steinle, della Tomlab. Iniziamo brevemente col dire che la Tomlab è un'etichetta indipendente, nasce alla fine del 1997 nel quartiere belga di Colonia, nel cuore della Germania. Questa etichetta discografica si basa su scelte personali di Tom Steinle e non è forgiata su uno stile commerciale: è una piccola compagnia che incentra i suoi sforzi sulla qualità musicale delle pubblicazioni e sulle progettazioni future…

 
 

SA: Ciao Tom…Come leggo nel tuo sito web “Tomlab: una storia della mia vita”…puoi raccontarcela un po’?

T: Non hai proprio riportato tutto quello che è scritto sul sito di Tomlab…è scritto ”Tomlab è forse più una storia riguardo alla mia vita in questo mondo di musica e come io posso relazionarmi ad esso”, così ci sono due cose in questo – la mia vita reale a il mondo musicale attorno a me e solo dopo ciò segue il come io mi pongo in questo mondo di musica con il lavoro che faccio per Tomlab. Sia la mia vita che il mio lavoro sono connessi ma non intercambiabili. Il lavoro su Tomlab certamente riflette i miei gusti che a loro volta riflettono quello che avviene al di fuori su altre etichette o piattaforme. Potrebbe sembrare molto semplice ma in tale contesto realizzare un album come “Casiotone for the painfully alone” su Tomlab è una scelta più politica di quanto non si possa pensare. Così come anche per il lavoro di Angelika Koehlermann (il quale btw porta il nome dell’etichetta di Gerhard Potuznik per il quale il primo album della stessa artista è stato realizzato), molto spontaneo e che suona low-fi. In un certo senso è stato come dire “heya, fanculo le produzioni di alta qualità e le tecniche di masterizzazione se la musica può trasportare il giusto livello di emozioni richiesto per fartela amare e incollartici per un bel po’ di tempo”. La buona musica è proprio una così fragile cosa…

SA: Vorresti darci una definizione della musica che provi a produrre con la tua etichetta?

T: Eviterò di dare definizioni di genere o classificazioni di suoni poiché non credo alle categorie. Con Tomlab voglio correre dei rischi e lasciare che la musica parli da sola. Non mi interessa tanto se è chitarre lo-fi, indie-pop, electronica o altro…Tomlab concerne musica che è intensa, passionale, onesta ed autentica. Albums che possono trasportarti altrove, che possono lavorare tanto come da sfondo alla vita di tutti i giorni quanto essere una risorsa per un’esperienza di ascolto intensa. Canzoni o pezzetti di musica che vuoi portarti appresso piuttosto che metterli nella conchiglia dopo un po’.

SA: Come Tomlab sta sviluppandosi e crescendo?

T: Sta sviluppandosi per gli artisti che con essa pubblicano il loro secondo lavoro: ciò mostra che gli artisti stanno crescendo assieme all’etichetta e che l’etichetta è un rispettabile contenitore di nuovi talenti che non si affida a nomi di artisti affermati. Sta sviluppandosi per me stesso poiché considero Tomlab come il mio lavoro ora. Contemporaneamente Tomlab cresce perché le nostre produzioni attirano più attenzione e sono meglio distribuite adesso di quanto non lo fossero negli anni passati e questo processo di più profondo riconoscimento sembra essere appena cominciato: questo mi motiva molto per continuare a sforzarmi per l’etichetta.

SA: Come vedi la scena musicale che ti circonda? Dove pensi che vada la musica elettronica oggi…?

T: Questa è una questione seria. Ai miei occhi la scena musicale corrente è stracolma di stracolma di “hypes” a tutti i livelli dalle majors alle indies… naturalmente noi tutti vogliamo queste hypes ma ognuna segue l’altra così velocemente ora ed è difficile per me vedere continuità li e ciò mi rende difficile focalizzare o anche prestarci attenzione. E se mi chiedi riguardo alla mia connessione alla scena elettronica ci sono due aspetti nella risposta: l’output musicale di Tomlab è certamente inspirato dalla scena elettronica ma anche da musica indie-pop più orientata alle chitarre. Allo stesso tempo Tomlab è cresciuta con questa scena della musica elettronica ed una buona percentuale della rete di distribuzione della Tomlab è gran parte di quella scena. Ad un certo modo è affascinante vedere come tutto ciò sta lentamente crescendo insieme – le strutture di indie–pop e di musica elettronica non sono più così separate come accadeva 5 o 10 anni fa. Riguardo alla scena della musica elettronica in Europa sento che sta cambiando. Per me oggi molta più energia viene ancora dai progetti techno e house piuttosto che dalla musica elettronica o ambient. Avevo trascurato la scena della musica dance per un bel po’ ma sta ricominciando ad interessarmi. Contemporaneamente ascolto molta musica orientata alle chitarre.

SA: Ci è molto piaciuto il cd di Angelika Koehlermann… sono curiosissimo di sapere cosa ti trasmette.

T: Per me questo è un album personalissimo. Mi dice molto delle reali emozioni della vita. Ai miei occhi esso racconta una triste storia di amore, riguarda lo struggimento di credere all’amore e nello stesso tempo di vivere la propria vita. Angelika ci racconta la storia di una rottura e la ricerca di nuovi orizzonti e allo stesso tempo ci racconta una storia o favola riguardante il dovere di mostrare rispetto nei confronti della vita delle altre persone e di non perdere fiducia, al fine di stare in armonia e di preoccuparsi della gente e del mondo che ci circonda. Naturalmente il titolo CARE si riferisce anche all’aver cura di se stessi ma in un modo speranzoso, non egoista. Anton ci racconta il principio basilare della canzone German Lesson: “Ich war gluecklich, ich bin gluecklich, ich werde gluecklich sein” che significa “Ero felice, sono felice, sarò felice”.

SA: Il meglio ed il peggio del tuo lavoro in questi anni…

T: Il meglio: incontrare così tanta gente interessante ed affascinante da tutto il mondo. Entrare sempre più dentro ai meccanismi del business musicale. Il peggio: perdere un sacco di soldi per le bancarotte dei distributori o soltanto piccole e truffaldine etichette. E ancora entrare sempre più dentro ai meccanismi del business musicale.

SA: In che modo l’arte visiva ed il design entrano in gioco con la musica che produci?

T: Le copertine della Tomlab sono sempre relazionate alla musica che contengono ma non è una relazione uno ad uno…secondo me una copertina dovrebbe portare nuovi aspetti ed aggiungere una seconda dimensione o punto di vista. Allo stesso tempo certamente non c’è uno stile Tomlab di base eccetto che per il fatto che fino a di recente ho provato ad evitare di includere foto nell’artwork della copertina e per il fatto che stiamo ora usando il logo Tomlab in tutte le nostre uscite. In un mondo “no logo” ho deciso di usarne uno veramente “smart” che lentamente disegnerà un quadro del lavoro di Tomlab. Il logo è a forma di matita ed esso traduce perfettamente il fatto che l’identità della Tomlab non ha niente di predefinito o stabile ma che è piuttosto costruita sullo stesso processo creativo. Lavorare con designer grafici sempre porta a nuove idee – molte cose sorprendenti prima non le avrei nemmeno immaginate e la fase del lavoro sul design mi inspira molto e da un buon equilibrio al lavoro con tutta la musica. L’aspetto visivo è molto importante per me ed il processo della creazione generalmente riguarda tanta comunicazione da tutte le parti coinvolte, per esempio gli artisti, i designer e me stesso. Ma alla base ho un punto di vista molto pragmatico, il design di copertina è per me qualcosa che è simile al design di un prodotto e un design di alta qualità ha valore sostanziale per me…

SA: Un po’ di geografia…Colonia, ci racconti qualcosa?

T: Colonia è una piccola cittadina, la scena musicale è molto presente nella mia vita quotidiana e ci sono un sacco di incontri. Ma così come le radici della Tomlab si trovano e si troveranno a Colonia, a me oggi città come Monaco, Parigi, New York City o anche Tokyo sembrano essere molto più vicine …e sorprendentemente come non mi accada invece né con Berlino né Londra.

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

pen: Marc De Dieux

links:

http://www.tomlab.de/
http://www.myspace.com/tomlab

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from SuccoAcido 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
SuccoAcido Social.
DISCOVER SICILY

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
SuccoAcido Art Gallery.
 
SuccoAcido Comics Gallery.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
PARTNERS
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.