June 17 2019 | Last Update on 11/06/2019 21:31:24
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 0 altri utenti online (-1 registrati, 1 ospite). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Latest | Writing | Writers | Publishers | Mags | Scom | Rooms | Writing Festivals | Reviews | Biblio | News | Links
Writing - Writers - Interview | by Giuseppe Cacciatore in Writing - Writers on 28/07/2009 - Comments (0)
 
 
 
Vanni Santoni

Infinite adolescences, restrictive contexts of province, want (or need) to experience all the possible drugs.
Great cities for falsely anonymous characters, everyone with own history.
The histories and the personages of vanni santoni strong suffer of the atmosphere in which they live, and it interprets it to everyone with it to its way...

 
 

SA: Let's start getting to know Vanni Santoni… introduce yourself.
VS: My name is Vanni Santoni, I was born in 30th of September 1978.

SA: Tell us what makes you write
VS: I did not grow up with passion for writing. I wrote my first short story when I was 25-years-old. From then on something triggered and writing became a necessity. Then I've even had the fortune to make a profession out of it.

SA: Tell us how you approached the publishing house
VS: I sent a pack with a manuscript inside to various houses and after a couple of months some of them contacted me. At that point I chose the one that seemed the best to me.

SA: I would define your style... How would you define your literary style?
VS: You know, when an author defines himself usually he gets it wrong. I leave it to you.

SA: I've read your "Gli interessi in comune" and I know your "personaggi precari", is there some connection (apart from the stylistic) between these two oeuvres?
VS: In the beginning Gli interessi in comune had only the main chapters. Successively I decided to add the little chapters, those twenty-two individual intermezzos which are placed between the main chapters. Those, they are structured in a way that comes directly from personaggi precari.

SA: By reading your books and blog, we noticed a peculiar view of everyday life. Can you define it?
VS: Once, at one of my readings, someone, I think it was a journalist, talked about a nostalgia for something that didn't happen. I think it's a good definition.

SA: You say drugs are mass consumption goods. What's their role in society today?
VS: I believe it is absolutely evident how the illegal economy, which has in illegal drug traffic its main cash revenue, is a crucial part of the global economic system. Talking about consumption, I think it’s wrong to talk about “drugs” in general like they were a single thing. Drugs are many and different and to talk about the subject in a proper way, they should be always discussed individually. What is certain is that in the way of consumption they are more and more like all the other consumers’ goods.

SA: The characters of your book advance (with difficulties) in a provincial context. Do you think that this has an effect on their drug use?
VS: That would be an absurd generalization. It's true that in the provincial communities they use a lot of substances but maybe the point is that the use is more visible in the more introverted countryside than in the city.

SA: What meaning has the switch from the limited environment of countryside towns to the frenzy of the city?
VS: As a matter of fact, what comes about in Gli interessi in comune is actually the opposite. In respect of a city that is almost dreamed, that real one doesn't reveal anything more than the provincial towns.

SA: Can the leaflet with which Iacopo intends to cover the city be taken as a model for an entire generation?
VS: For sure not. Iacopo writes, with his skills, which are all about criticizing, a description of what he sees around himself. But his leaflet, indeed, objects to be/the idea of a model or a manifesto.

SA: How would you define Iacopo, Mella, Paride and others?
VS: Loveable.

SA: What role do your personaggi precari incorporate inside the society in which they live?
VS: The PP is the society. If instead in this case by "personaggi precari" you intend to mean the protagonists of Gli interessi in comune I would say they embody the idea of nice kids, marginalized from a society which wants them precarious, which doesn't offer them decent adult role models and tenses up and criminalizes in theory all the forms of non-commercialized expression which they might identify themselves.

SA: What value does the group have? What can it represent metaphorically?
VS: In Gli interessi in comune the group is above all a something in which you find yourself by chance, from which you want to escape and in which you eventually end up - being fond of it.

SA: Each chapter of your novel is named after a drug. What is the reason for this choice?
VS: One of the reasons I wrote Gli interessi in comune is that, besides writing a story, filling a gap. I believe that journalism covers the issue – let’s call it youth and drugs – in a way which is almost always superficial, when not disgusting. That’s why, even if the real theme of the novel is provincial life - not only in a geographical sense, but existential too – I chose to explicitate that side with the chapter titles.

SA: Your characters abuse drugs because of boredom, do you think that they would behave in a different way if they lived in a different context?
VS: I don’t think the main characters of Gli interessi in comune use drugs beacuse of boredom

SA: You think it would be possible to develop a single novel around your personaggi precari?
VS: It happened. But besides what the preface says, this is not the reason the “PP” were born. I think they’re quite fine in their moment of existence, with void behind and in front of them.

SA: Are you working on anything new?
VS: I just finished a novel, written together with another author, in a soccer setting, and I’m writing a new novel for Feltrinelli. There is also the Great SIC Open Novel, a collective (400 hands) book whose works I coordinate. As you can guess it’s a job which requires a lot of time.

SA: Would you make a movie out of "Gli interessi in comune"?
VS: With pleasure. I think it could work.

SA: How do you experience the crisis of these times? Are your recent personaggi precari affected by it?
VS: I think that my Personaggi precari are in a crisis since they were born, in 2004. Seriously speaking, I take very much from reality to write them, so the production is inevitably influenced by what happens around me, and sometimes I don’t even fully realize it!

SA: Describe the traits of the typical Vanni Santoni reader
VS: I gladly leave the idea of “typical reader” to the marketing guys. I believe that a book should always try to be for everybody.

SA: Which songs or movies have the same feel of your works?
VS: In these months I heard the most unbelievable comparisons from readers. Talking about music, Nacci, a critic for “L’Indice”, defined Gli interessi in comune as an overlapping rhythmic – drum’n’bass – book. Talking about cinema, I took much inspiration from Monicelli, both in the structure – single episodes which form a single narration – and in the ability of telling a drama – which is life – with the instruments of comedy, and Pasolini, especially his way – think of Accattone – of being true while refusing realism at all costs.

SA: Do you have other jobs besides writing?
VS: I am a journalist, which is writing as well, but of a totally different kind, and I teach, even if with the growth of the literary job it’s an activity I do less and less.

SA: Talking about "common interests" (interessi in comune), give us a music and cinema playlist
VS: Music: Bad Religion, Patti Smith, Pere Ubu, Fabrizio De André, Narkotek, Jefferson Airplane, Ramones, Faust, Caterina Caselli, Black Flag, Chemical Brothers, Einsturzende Neubauten, Kraftwerk, Crass, Elio e le Storie Tese, Jethro Tull, Velvet Underground, Residents, Jimi Hendrix, Dead Kennedys, CCCP, Frank Zappa, Noisia, Roberto Vecchioni, John Coltrane, Area, Mamas and Papas, Roni Size, Janis Joplin, Syd Barrett e i primi Pink Floyd, i Clash, gli Who, Captain Beefheart.
Movies: L'armata Brancaleone, Il mio vicino Totoro, Dead Man, Fargo, Henry pioggia di sangue, Buffalo '66, La montagna sacra, Palombella rossa, Inland empire, Chappaqua, Totò che visse due volte, La città incantata, Amici miei, Il grande uno rosso, Heimat, Ferro 3, Il buono il brutto il cattivo, Il figlio, Eyes wide shut, La signora della porta accanto, Rosemary's baby, Conan il barbaro, L'uomo senza passato, Ghost dog, La grande abbuffata, Cane di paglia, Salò o le 120 giornate di sodoma, Alien, Hana bi, Amarcord.

SA: Tell us a sentence or a quote which was important for you
VS: The ending of “The dead”.

SA: Which are your favourite authors?
VS: Please don't force me to do another list! I tell you the three books I'm reading or re-reading at the moment: Tolstoy, Joyce, Landolfi, Sciascia.

SA: Do you have some colleague that you want to promote?
VS: I like very much the work of Alcide Pierantozzi and Giorgio Vasta.

SA: Besides literature, what future projects do you have?
VS: To participate at the next teknival? Seriously speaking, almost all my future projects revolve around literature in one way or another.

SA: Have you ever considered leaving Italy? Do you think there is space for young artists here?
VS: Who would not have? There is few space and even less oxygen. Going abroad is always a temptation but for the moment things are going quite nicely here.

 
Vanni Santoni

Infinite adolescenze, contesti restrittivi di provincia, voglia (o bisogno) di sperimentare tutte le droghe possibili.
Grandi città per personaggi falsamente anonimi, ognuno con la propria storia, ognuna precaria.
Le storie e i personaggi di vanni santoni risentono fortemente dell'ambiente nel quale vivono, ed ognuno lo interpreta e si relaziona con esso a suo modo...

 
 

SA: Iniziamo a conoscere Vanni Santoni… si presenti da solo
VS: Mi chiamo Vanni Santoni, sono nato il 30 settembre 1978.

SA: Spiegaci cosa ti spinge a scrivere
VS: Non sono cresciuto con la passione per la letteratura, il mio primo racconto l'ho scritto a ventisei anni. Da lì però si è rotta la diga, ed è diventato inevitabile. Poi ho avuto addirittura la fortuna di poterlo fare come mestiere.

SA: Ci racconti il tuo approccio con la casa editrice?
VS: Ho inviato un plico con dentro un manoscritto a varie case editrici e dopo qualche mese alcune di esse mi hanno contattato. A quel punto ho scelto quella che mi pareva la migliore.

SA: Definirei il tuo stile come… e tu come definiresti il tuo stile letterario?
VS: Si sa che quando un autore deve definire se stesso, di solito sbaglia. Definiscilo tu!

SA: Ho letto il tuo "Gli interessi in comune" e conosco i tuoi personaggi precari, c'è una qualche connessione (a parte stilistica) tra le due opere?
VS: Gli interessi in comune all'inizio era solo un libro corale. Successivamente ho deciso di aggiungere i "capitoletti", quei ventidue intermezzi individuali che stanno tra capitolo e capitolo. Ecco, quei brani, anche se dedicati ai singoli protagonisti, sono strutturati in un modo che viene direttamente dall'esperienza di Personaggi precari.

SA: Dalla lettura di ciò che hai scritto sui tuoi libri e sopratutto da ciò che scrivi sul tuo blog, si nota una particolare visione della quotidianità, sapresti definirla?
VS: Una volta qualcuno, mi pare un giornalista a una presentazione, parlò di nostalgia per qualcosa che non c'è stato. Mi pare una buona definizione.

SA: Parli della droga come bene di consumo di massa... Secondo te quale ruolo riveste oggi?
VS: Credo sia assolutamente evidente come l'economia illegale che ha nel traffico di stupefacenti la propria colonna portante influenza – anzi, sia parte integrante - del sistema economico globale.
Per quanto riguarda i consumi, trovo fuorviante parlare di "droga" al singolare; ogni sostanza, legale, illegale o su ricetta medica poco importa, ha le sue specificità e il suo ruolo: per parlarne in modo adeguato andrebbero affrontate una per una. Certo però è che, nella modalità di assunzione, tutte stanno diventando sempre più beni di consumo come tutti gli altri.

SA: I personaggi del tuo libro si muovono (faticosamente) in un contesto di provincia, pensi che questo incida sul fatto di usare droghe?
VS: Sarebbe una generalizzazione assurda. Nei paesetti di provincia certo si usano molte sostanze, ma forse il punto è solo che l'uso è più visibile che in città essendo il paese una realtà molto introflessa.

SA: Che significato riveste il passaggio dall'ambiente limitato della provincia alla frenesia (e quindi al maggior rischio di perdersi) della città?
VS: In realtà quello che avviene ne Gli interessi in comune è l'opposto. Rispetto a una città immaginata, quasi sognata, quella reale si rivela nulla più che un'altra provincia.

SA: Il volantino con cui Iacopo tenta di tappezzare la città può essere presa a modello di un'intera generazione?
VS: Sicuramente no.
Iacopo stila, con le sue capacità, che sono tutte di critica e per niente di costruzione, una descrizione di ciò che scorge attorno a sé. Ma il suo volantino è in effetti l'opposto di un modello o di un manifesto.

SA: Come definiresti Iacopo, il Mella, Paride e gli altri?
VS: Amabili.

SA: Che ruolo rivestono i tuoi personaggi precari all'interno della società in cui vivono?
VS: I PP sono la società. Se per "personaggi precari" in questo caso intendevi i protagonisti de Gli interessi in commune, invece, direi quello di giovani a posto, marginalizzati da una società che li vuole precari, non offre loro modelli di adulto decenti a cui tendere e criminalizza a priori tutte le forme di espressione non commercializzate in cui potrebbero riconoscersi.

SA: Che valore ha il gruppo? Cosa può rappresentare metaforicamente?
VS: Ne Gli interessi in comune il gruppo è soprattutto un qualcosa in cui ti trovi per caso, da cui vuoi scappare, e a alla fine finisci per affezionarti.

SA: Ogni capitolo del tuo libro ha il nome di una droga, qual è il motivo di questa scelta?
VS: Una delle ragioni per cui è nato Gli interessi in comune è, al di là del voler raccontare una storia, è quello di sopperire a una mancanza: trovo infatti che il giornalismo tratti il tema "giovani e sostanze" in un modo che è spesso superficiale, quando non disgustoso. Ecco perché, anche se il vero tema del libro è la provincia, non solo geografica ma anche esistenziale, ho deciso di esplicitare questo aspeinttto con i titoli dei capitoli.

SA: In fondo i tuoi personaggi si drogano soltanto per noia, pensi che se fossero vissuti in un contesto differente non ne avrebbero fatto uso?
VS: Non credo che i protagonisti de Gli interessi in comune si droghino per noia. Almeno: non solo.

SA: Pensi che sia possibile sviluppare una vicenda attorno a tutti i tuoi personaggi precari?
VS: E' capitato che degli autori abbiano realizzato storie usando alcuni personaggi di Personaggi precari, ma - al di là di quanto afferma la prefazione, un poco pirandelliana - non è per questo che sono nati. I “PP” stanno bene lì, nel loro istante di esistenza, col vuoto dietro e di fronte.

SA: Stai lavorando a qualcosa di nuovo?
VS: Ho da poco ultimato un libro a tema calcistico, scritto a quattro mani, e sto scrivendo un nuovo romanzo per Feltrinelli. Ci sono poi i lavori del Grande Romanzo Aperto SIC, un libro collettivo a 400 mani di cui sono uno dei coordinatori, che come puoi immaginare prendono molto tempo.

SA: Tradurresti in film "Gli interessi in comune"?
VS: Volentieri. Mi pare che si presti.

SA: Come vivi la crisi oggi? I tuoi personaggi precari più recenti ne sono coinvolti?
VS: Credo che i Personaggi precari stiano in crisi nera da quando sono nati, nel 2004. Parlando seriamente, io attingo a mani basse dalla realtà per scrivere i “PP”, quindi inevitabilmente la produzione è influenzata da ciò che mi accade intorno, anche all'insaputa dell'autore stesso.

SA: Descrivici le caratteristiche del lettore tipo di Vanni Santoni.
VS: Lascio volentieri il concetto di "lettore tipo" a chi si occupa di marketing. Credo che un libro debba sempre aspirare ad essere per tutti.

SA: Quali canzoni o quali film ci possono ricordare la tua opera?
In questi mesi ho sentito dai lettori gli accostamenti più inimmaginabili. Per quanto riguarda la musica, posso dirti che Nacci de "L'indice" ha definito Gli interessi in comune un libro a ritmica sovrapposta, drum'n'bass. Parlando invece di cinema, personalmente ho guardato molto a Monicelli, sia per la struttura - episodi distinti che concorrono a formare una narrazione unitaria - che per la sua capacità di raccontare il dramma che è la vita con gli strumenti della commedia, e a Pasolini, in particolare il modo - penso ad Accattone - che ha di essere vero, anzi cristallino, rifiutando però il realismo-ad-ogni-costo.

SA: Ti occupi di qualcos' altro oltre la scrittura?
VS: Faccio il giornalista, che è sempre scrittura ma di tipo totalmente diverso, e mi occupo di formazione, anche se con l'aumentare degli impegni letterari è un'attività che svolgo un po' meno.

SA: Parlando di interessi in comune, consigliaci una piccola playlist musicale e cinematografica.
VS: Musicale: Bad Religion, Patti Smith, Pere Ubu, Fabrizio De André, Narkotek, Jefferson Airplane, Ramones, Faust, Caterina Caselli, Black Flag, Chemical Brothers, Einsturzende Neubauten, Kraftwerk, Crass, Elio e le Storie Tese, Jethro Tull, Velvet Underground, Residents, Jimi Hendrix, Dead Kennedys, CCCP, Frank Zappa, Noisia, Roberto Vecchioni, John Coltrane, Area, Mamas and Papas, Roni Size, Janis Joplin, Syd Barrett e i primi Pink Floyd, i Clash, gli Who, Captain Beefheart.
Cinematografica: L'armata Brancaleone, Il mio vicino Totoro, Dead Man, Fargo, Henry pioggia di sangue, Buffalo '66, La montagna sacra, Palombella rossa, Inland empire, Chappaqua, Totò che visse due volte, La città incantata, Amici miei, Il grande uno rosso, Heimat, Ferro 3, Il buono il brutto il cattivo, Il figlio, Eyes wide shut, La signora della porta accanto, Rosemary's baby, Conan il barbaro, L'uomo senza passato, Ghost dog,  La grande abbuffata, Cane di paglia, Salò o le 120 giornate di sodoma, Alien, Hana bi, Amarcord.

SA: Una frase o un aforisma che è stato importante per te?
VS: Il finale de "I morti".

SA: Quali sono i tuoi autori preferiti in fatto di letteratura?
VS: Non farmi fare un altro elenco! Ti dico i tre che sto rileggendo in questo momento: Tolstoj, Joyce, Landolfi.

SA: Hai qualche tuo collega da promuovere?
VS: A un festival del settore ho conosciuto Alcide Pierantozzi, mi pare uno con un futuro radioso davanti a sé. Tra le cose uscite di recente mi sono piaciuti i libri – pur diversissimi tra loro – di Giorgio Vasta e di Christian Frascella.

SA: Letteratura a parte, quali sono i tuoi progetti futuri?
VS: Andare al prossimo teknival? Seriamente, quasi tutti i miei progetti futuri ruotano in un modo o nell'altro intorno alla letteratura.

SA: Hai mai pensato di abbandonare l'Italia? pensi che ci sia spazio per i giovani artisti?
VS: Chi non ci ha mai pensato? Lo spazio è poco e l'ossigeno ancora meno. L'estero è sempre una tentazione, ma per il momento le cose mi stanno andando piuttosto bene qua.

 


© 2001, 2014 SuccoAcido - All Rights Reserved
Reg. Court of Palermo (Italy) n°21, 19.10.2001
All images, photographs and illustrations are copyright of respective authors.
Copyright in Italy and abroad is held by the publisher Edizioni De Dieux or by freelance contributors. Edizioni De Dieux does not necessarily share the views expressed from respective contributors.

Bibliography, links, notes:

Pen: Giuseppe Cacciatore

Translation: Guendalina Blandino, Giuseppe Cacciatore, Vanni Santoni.

Links:
download di "Personaggi Precari" in copyleft
http://www.divshare.com/download/6340072-25f

blog personale di Vanni Santoni
http://sarmizegetusa.wordpress.com/

Vanni Santoni su MySpace
http://www.myspace.com/vannisantoni

Vanni Santoni su Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Vanni_Santoni


Blog dedicato ai Personaggi Precari
http://personaggiprecari.splinder.com/

 
 
  Register to post comments 
  Other articles in archive from Giuseppe Cacciatore 
  Send it to a friend
  Printable version


To subscribe and receive 4 SuccoAcido issues
onpaper >>>

To distribute in your city SuccoAcido onpaper >>>

To submit articles in SuccoAcido magazine >>>

 
............................................................................................
............................................................................................
............................................................................................
FRIENDS

Your control panel.
 
Old Admin control not available
waiting new website
in the next days...
Please be patience.
It will be available as soon as possibile, thanks.
De Dieux /\ SuccoAcido

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
SUCCOACIDO COMMUNITY
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.