October 31 2014 | Last Update on 31/10/2014 10.08.00
Sitemap | Support succoacido.net | Feed Rss |
Sei stato registrato come ospite. ( Accedi | registrati )
Ci sono 6 altri utenti online (2 registrati, 4 ospiti). 
SuccoAcido.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Today News | All News | Art News | Cinema News | Comics News | Music News | Theatre News | Writing News
Theatre News - Dance Festivals | by Roberta Petralia in Theatre News - Dance Festivals on 07/09/2010- Comments (0)
 
Shor®t Theatre - Effetto Farfalla - Battiamo le ali. Non le mani - edizione 2010
SHO®T THEATRE non è un festival, né una rassegna, ma si avvicina all’idea di una manifestazione, una manifestazione di idee, di modalità, di temi, di strategie. Nasce dalla necessità di osservare come il teatro, nelle sue varie declinazioni, risponda alle provocazioni del nostro presente. “Fare il punto” sulla questione del rapporto tra realtà e rappresentazione e di individuare alcune chiavi di lettura sul contemporaneo. Sette giorni di teatro, danza, performance, istallazioni, musica
 
 
La nuova edizione di Short Theatre si presenta con una identità consolidata e molte novità in cantiere. Oltre a rinnovare la collaborazione con il Teatro di Roma, Short Theatre moltiplica la sua sede grazie al supporto di MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma e Zètema Progetto Cultura includendo uno spazio da poco aperto in città: la Pelanda al MACRO Testaccio.
Short Theatre a cura di AREA 06-Accademia degli Artefatti, rientra tra le attività dell’Estate Romana realizzata con il sostegno del Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione e beneficia di un contributo della Regione Lazio.

SHO®T THEATRE non è un festival, né una rassegna, ma si avvicina all’idea di una manifestazione, una manifestazione di idee, di modalità, di temi, di strategie. Nasce dalla necessità di osservare come il teatro, nelle sue varie declinazioni, risponda alle provocazioni del nostro presente.
“Fare il punto” sulla questione del rapporto tra realtà e rappresentazione e di individuare alcune chiavi di lettura sul contemporaneo.

“Tra le novità di questa edizione, le collaborazioni con CORE, coordinamento regionale della danza, Bestiario e il network di festival europei IYME- spiega, Fabrizio Arcuri, direttore artistico di Accademia degli artefatti. - Resta invece invariata la voglia di rintracciare e individuare nuovi fermenti creativi, rintracciare le istanze e le urgenze che muovono gli artisti per tentare di indagare questo faticoso presente. Resta invariata la ricerca di linguaggi e parole in grado di descrivere il rapporto con la realtà e la sua percezione. Resta invariata la necessità di costruire delle zone franche dove amplificare e rafforzare il rapporto con il pubblico, costruendo dei veri e propri percorsi che si nutrono di repertorio e di primi vagiti di compagnie consolidate e nuovissime formazioni. L'arte è l'unico luogo dove si possono coltivare illusioni senza sentirsi stupidi, allora per quello vi chiediamo di indossare le ali e batterle ogni volta che vi sembra possa cambiare qualcosa”.

L’edizione 2010 è nutrita dall’idea di mettere al centro dell’attenzione gli artisti e il pubblico, in uno slancio che pensa al futuro, operativamente. Concentrarsi sulla creazione, sui linguaggi, attivare collaborazioni e scambi di idee che, da un piccolo centro possano irradiarsi a un fare e pensare non solo il teatro.   

Effetto farfalla è una locuzione che racchiude in sé la nozione maggiormente tecnica di dipendenza sensibile alle condizioni iniziali, presente nella teoria del caos. L'idea è che piccole variazioni nelle condizioni iniziali producano grandi variazioni nel comportamento a lungo termine di un sistema.
(da Wikipedia)


Il TEATRO INDIA e MACRO TESTACCIO, La Pelanda diventeranno luogo di incontro, ricerca e dialogo privilegiando l’esplorazione di identità, ospitando in 7 giorni di attività: teatro, danza, performance, conversazioni, musica, durante i quali si potranno vedere e incontrare artisti, giovani gruppi, drammaturghi, critici attenti al panorama teatrale contemporaneo.


In questa edizione 2 sono i focus progettuali:

FOCUS ON / DANZA
In collaborazione con l’associazione CORE, Coordinamento Regionale della danza contemporanea e arti performative, nasce OUTSIDE IN liberi exploit coreografici a cura di Officina COREografica che presenterà 4 spettacoli di danza. Il Teatro India ospiterà due bamboline moderne, simbolo di una femminilità di plastica in (DUEPERDUE)PERDUE di Qualibò (sabato 4, ore 22.45) e NONSOSTARE di Chiara Frigo (domenica 5, ore 19), un lavoro in cui si confondono i piani temporali tra passato-presente e futuro.
La Pelanda invece vedrà i soli firmati da Fabrizio Favale di Le Supplici in IL GIOCO DEL GREGGE DI CAPRE E THE GAME OF GOATHERD, in cui paesaggi contadini si incontrano con figure fantastiche (mercoledì 8, ore 22.15), e da Cristina Rizzo in INVISIBLE PIECE, un loop gestuale che attualizzerà La morte del cigno del 1924 (sabato11, ore 21.45).

FOCUS ON / SPAGNA
Come ulteriore tappa di un percorso che ha contraddistinto le precedenti edizioni, dedicate ogni anno alla drammaturgia di diversi paesi, quest’anno si ri-attiva una collaborazione con Instituto Cervantes.
3 gli spettacoli prodotti o coprodotti in Spagna in una rapida panoramica sull’attuale scena teatrale.
Nasce in Spagna la nuova produzione di Antonio Tagliarini che firma insieme a Idoia Zabaleta ROYAL DANCE (venerdì 3, ore 21.30), un “gioco” sulla rappresentazione di uno dei simboli più usati: la bandiera, mentre uno sguardo patetico avvolge una pista da ballo in cui si incontrano una ballerina e un dj in VOLUMEN II di Societat Doctor Alonso (domenica 5, ore 21) entrambi al Teatro India. Cos’è ridicolo per te? E cosa lo è per me? Parte da questi interrogativi lo spettacolo di Sergi Fäustino NUTRITIVO (giovedì 9, ore 23) a La Pelanda.

Inoltre Short Theatre è diventato da quest’anno partner di IYME – International Young Makers Exchange, progetto europeo nell’ambito del programma Educazione e Cultura, un network di festival europei di teatro e danza che si propone di sostenere il lavoro di giovani artisti. Il network vede come capofila ITS FESTIVAL di Amsterdam e partner come Fàbrica do movimento di Porto, ACT Festival di Bilbao, Festival MESS di Sarajevo, Festival FIST di Belgrado, Festival ITSF di Varsavia, BEfestival di Birmingham. In questo contesto si inserisce il laboratorio di danza tenuto dal coreografo spagnolo Tomás Aragay.
La Pelanda sarà la sede di questo progetto. Nasce da una provocazione WACHT! dell’olandese Hiske Eriks: “Che cosa faresti se pensassi di non essere guardato da nessuno?” E da una dedica: “per tutti quelli che hanno sempre sognato di fare le cose in modo diverso” (mercoledì 8, ore 23). SIMON 06.07.08.09 (giovedì 9, ore 20.30) del portoghese João Costa è uno strano dialogo tra l’uomo e la sua idea di imperfezione, tra se stesso e la propria stranezza.
Sempre sulla percezione dell’altro, sullo sguardo che condiziona si basa lo spettacolo del norvegese Øystein Johansen ARE YOU THERE (venerdì 10, ore 23) e invece Michele Rizzo, italiano, ridefinisce il significato delle parole che descrivono le azioni e i sentimenti, in 7TH SOLO (sabato 11, ore 23.30).

Venerdì 3 settembre si darà avvio a questa edizione di Short Theatre al Teatro India con l’adattamento teatrale del romanzo di Isabella Santacroce nello spettacolo ZOO di Centro Culturale Mobilità delle Arti (ore 19) sulla violenza vissuta all’interno del nucleo famigliare. Antigone è assunta come metafora-guida del nuovo progetto “Syrma Antigónes, in cui i Motus procedono per contest. Qui ne presentano 2: LET THE SUNSHINE IN sulle relazioni di fratellanza (ore 20) e TOO LATE! (ore 22.45) sulle relazioni di potere. Alla performance di Myriam Laplante in DALLA MATERIA OSCURA (ore21), su quella parte di universo ancora invisibile, segue lo spettacolo LA REGINA DEGLI ELFI da un monologo di Elfriede Jelinek, con Angela Malfitano (ore 22 e 23), e Gwendoline Robin in TERRITOIRE INSTABLE (ore 23.45) in cui mette a confronto la brutalità del fuoco e delle esplosioni e la poetica che ne emerge.

Sabato 4 (ore 19, in replica anche domenica ore 22.15) torna Teatri di Vita con il provocatorio SENZAPAROLE: un pornodivo, un letto e un'opera di Beckett - Atto senza parole. E’ una satira sul mondo del cinema, la mise en espace IL PRODOTTO di Mark Ravenhill (ore 20), firmata da Pieraldo Girotto, seguito dalla rivisitazione di un loro spettacolo storico, MEMORIA DELLO STUDIO PER LE SERVE della compagnia torinese Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa (ore 21). Una drammaturgia frammentaria, con momenti di cabaret, per raccontare la storia di un giovane rampollo della borghesia industriale: COL SOLE IN FRONTE di Balletto civile (ore 21.45), ed è un concerto/spettacolo I RICICLISTI di Têtes de Bois sul Giro d’Italia del 1975 (ore 23.15).

Punteggeranno tutti gli appuntamenti di domenica 5, irriverenti e ironiche, le incursioni di Tony Clifton Circus in ME DA IGUAL “il senso lo trovino gli altri”. Sfidare i propri limiti, mettersi alla prova sono questi i temi di MY ARM - PROGETTO AB-USO, di Tim Crouch, per Accademia degli Artefatti (ore 19.45). Ha il sapore della tradizione, ma anche del viaggio in terre lontane Nachda Punjab Cultural Mirror of India (ore 21.15), di un gruppo di danzatori e musicisti del nord dell’India. Sono appunti per uno spettacolo futuro, e sono pensati come una chiacchierata “ALDO MORTO” PARLA di Daniele Timpano/amnesia vivace (ore 22.30), mentre modificano la percezione del corpo fino a creare una sorta di danza radiografica i Pathosformel in LA TIMIDEZZA DELLE OSSA (ore 23.15). Chiude la programmazione il djset a cura di Fanfulla 101, come per altre serate, tra le preziose collaborazioni della manifestazione.

Performance e istallazioni formeranno il tessuto connettivo delle attività nello spazio MACRO TESTACCIO, La Pelanda, rimanendo fisse nei giorni 8-11 settembre. In questi quattro giorni il gruppo Portage allestirà lo spazio con 5 istallazioni: DESIGN BY ADAMO/ OBESO/ PHONE CENTER/ RAL/ ECHINO, mentre nasce per l’occasione il Progetto Cisterne Elettriche uno spazio per musica elettronica e video, dove il tempo è tradotto in suono, e il suono in traccia e memoria. Inoltre il movimento dei pesciolini rossi è tradotto in tempo reale in sonorità nell’istallazione QUINTETTO di Quiet ensemble. L’ambiguità, la violenza, il dominio sono temi cari a Pinter che Ricci/Forte traducono, analizzandoli, nella performance PINTER’S ANATOMY.  

Tra le collaborazioni va segnalata quella con il Festival Bestiario di cui saranno ospitate due performance che nasceranno, proprio secondo il concept del festival, dalla relazione tra artista e luogo in cui è chiamato a operare: CAOs (mercoledì 8) e tutto sia CAlmO... (giovedì 9) di Keramik Papier,  e un djset.

Grottesca rappresentazione della tragedia individuale e del disastro collettivo, NEL DISASTRO è una coreografia a firma Roberto Castello del gruppo Aldes (mercoledì 8, ore 19.30 e giovedì 9, ore 21.15).
Due estetiche diverse si incontrano sul testo di Pirandello L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA, due clown in un’atmosfera onirica e sospesa, nella versione con Sandro Lombardi e Roberto Latini (mercoledì 8, ore 21.15), ed è un viaggio attraverso la commedia umana, derisorio, comico, il monologo di Giorgio Barberio Corsetti in COMMEDIA (mercoledì 8, ore 22.45).

Prima teatronovela mai realizzata, BIZARRA di Rafael Spregelburd (ore 19.30), verrà realizzata anche in Italia in un progetto di Manuela Cherubini, Giorgina Pilozzi e Giorgio Barberio Corsetti, di cui Short Theatre presenta un trailer nella programmazione di giovedì 9. Il desiderio di disegnarsi all'infinito, un foglio contenitore, il color beige della terra è PENSIERO*beige di Cosmesi (ore 21.30 e 22.45 performance in replica anche venerdì 10 ore 20.30 e 22.45).

QUANTO MI PIACE UCCIDERE… di Egumteatro e Gogmagog (ore 19.30) apre la programmazione di venerdì 10, con la storia di un giovane politico appena eletto. PREMIO SCENARIO PER USTICA 2009, È BELLO VIVERE LIBERI! di Marta Cuscunà (ore 20.15), è ispirato alla storia di Ondina Peteani, prima staffetta partigiana deportata ad Auschwitz, mentre si salta nella favola del Mago di OZ, in WEST di Fanny & Alexander (ore 21.30), in cui una strana forma di incantesimo sospende la facoltà di esprimere un giudizio.

A volte per fuggire è meglio nascondersi sotto gli occhi di tutti per il gruppo Menoventi in InvisibilMente (ore 19), primo spettacoli di sabato 11. Un’opera di Mozart e un’orchestrina bizzarra senza strumenti: da qui inizia DON GIOVANNI DI W.A.MOZART di I sacchi di sabbia (ore 20), seguiti dalla performance di Francesca Grilli, ARRIVERÀ E CI COGLIERÀ DI SORPRESA (ore 20.30) in cui due ballerini di circa 75 anni, danzeranno senza mai fermarsi, ricreando un tempo dilatato nella memoria. Azione performativa che racchiude in sé tre istallazioni, i Portage creano uno spazio con TRIBUTE TO ANFIONE WITH ECHO IN ARCHITECTURE D'INTERIEURS (ore 21), in cui l'architettura è considerata l'arte sociale per eccellenza.
“Nessun punk è come il punk argentino”lo sostiene Tatiana Saphir in BREVE STORIA DEL PUNK ARGENTINO (ore 22.15), una conferenza molto poco accademica.  Chiude la serata e Short Theatre 2010, ARGENTINE DJS FROM BERLIN / DJ OBSALAT (Electro latin, cumbia digital, tutti-frutti) + DJ Dirty Room (TWB/Airdrop - Tech house).  

Vanno segnalate inoltre le presentazioni di libri durante i 7 giorni della manifestazione:

sabato 4 ore 18.00
NON IO NEI GIORNI FELICI. BECKETT, ADRIATICO E IL TEATRO DEL DESIDERIO
edito da Titivillus / con Stefano Casi e Paolo Ruffini

domenica 5 ore 18
GENERAZIONI DEL NUOVO. TRE ANNI CON IL PREMIO SCENARIO (2005/2007)
edito da Titivillus / con Cristina Valenti e Fabrizio Arcuri

giovedì 9 ore 18.00
presentazione di  NOVO CRITICO,
progetto a cura di Elvira Frosini, Daniele Timpano, Elena Lamberti

venerdì 10 ore 18.00
O/Z ATLANTE DI UN VIAGGIO TEATRALE
edito da Ubulibri / con Chiara Lagani, Luigi de Angelis, Marco Cavalcoli e Francesca Mazza

Sabato 11 ore 17.30
SHOOT/GET TREASURE/REPEAT di Mark Ravenhill e MASH UP THEATRE. INTERSTIZI DI RICCI/FORTE
editi da Editoria&Spettacolo / con Fabrizio Arcuri, Gianni Forte, Stefano Ricci, Francesco Ruffini, Paolo Ruffini e Attilio Scarpellini

Inoltre VistiTutti! a cura di Giorgio Testa e Ada Cristodaro, in cui un gruppo di spettatori sarà coinvolto in un percorso di guida alla visione con l’obiettivo di attivare un dialogo con gli artisti e fornire degli strumenti per un approfondimento sulla creazione contemporanea.

CORNERS
Editoria & Spettacolo
Assaggi di Shiatsu
Hair Stylist by Sefora
Occhio del Riciclone

AREA06 nasce nel 2001 come strumento progettuale e come piattaforma di artisti e operatori attivi nel territorio della Regione Lazio. Il percorso di AREA06 ha attraversato programmi formativi, organizzazione di festival e rassegne, produzione di spettacoli, fino ad ottenere nel 2006 il finanziamento della Regione Lazio per il progetto Officina Culturale realizzato nella provincia di Frosinone, in particolare a Isola del Liri. L’attività di decentramento diviene quindi lo spazio privilegiato dove poter sperimentare, accompagnare e produrre progetti, artisti, idee. La creazione e la diffusione di pensiero sono le linee guida dell’attività di AREA06, in un’attenzione costante al percorso artistico, alla formazione come momento di scambio e condivisione, alla cura di quei progetti da sostenere e produrre. Su questa linea si pone anche Short Theatre.

Con il sostegno di
Comunità Europea – Programma Cultura  - IYME International Young Makers’ Exchange

In collaborazione con:
Core - Instituto Cervantes– Editoria & Spettacolo – Le chant di jour – Fanfulla – Arci – Luci e Ombre

Media Partner
Radio Rai3 – Exibart – Post it



Info: 060608
www.shorttheatre.org; info@shorttheatre.org

www.teatrodiroma.net
Teatro India, lungotevere Vittorio Gassman, botteghino 06.55.300.894 (aperto nei giorni di spettacolo dalle ore 18.00)
biglietteria Teatro Argentina: tel. 06.68.40.00.311 (ore 10-14; 15-19)

www.macro.roma.museum
MACRO Testaccio, La Pelanda – Piazza Orazio Giustianiani, 4

BIGLIETTI: singolo spettacolo 7€; tessera giornaliera 15€

Ufficio stampa
Area06: Emanuela Rea, info@shorttheatre.org; 06 44702823 begin_of_the_skype_highlighting              06 44702823      end_of_the_skype_highlighting; 3338537295
Zètema Progetto Cultura Patrizia Morici tel 06/82077371; 348/5486548; p.morici@zetema.it
Teatro di Roma: 06 684000308; 06 684000397
MACRO: Massimiliano Moschetta, Nicolò Scialanga stampa.macro@comune.roma.it


 
 
  Register to post comments 
  More pressreleases in archive from Roberta Petralia 
  Send it to a friend
  Printable version

Login or register to post your pressreleases >>>

To advertise on SuccoAcido magazine >>>

 

 
INFOS
PERIOD: from 03/09/2010 to 11/09/2010
CITY: Roma
NATION: Italy
VENUE: various venue
ADDRESS:
TELEPHONE: 060608, 0644702823
FAX:
EMAIL: info@shorttheatre.org, p.morici@zetema.it, stampa.macro@comune.roma.it
WEB: http://www.shorttheatre.org
INSERTED BY: Roberta Petralia
 
Fanny & Alexander WEST
Marta Cuscunà È BELLO VIVERE LIBERI!
Ricci/Forte PINTER’S ANATOMY
 
SuccoAcido Social.
DISCOVER SICILY

SuccoAcido #3 .:. Summer 2013
 
SA onpaper .:. back issues
 

Today's SuccoAcido Users.
 
Today's News.
 
Succoacido Manifesto.
 
SuccoAcido Home Pages.
 

Art >>>

Cinema >>>

Comics >>>

Music >>>

Theatre >>>

Writing >>>

Editorials >>>

Editorials.
 
EDIZIONI DE DIEUX
Today's Links.
 
FRIENDS
SuccoAcido Back Issues.
 
SuccoAcido Art Gallery.
 
SuccoAcido Comics Gallery.
 
Projects.
 
SuccoAcido Newsletter.
 
PARTNERS
Contributors.
 
Contacts.
 
Latest SuccoAcido Users.
 
De Dieux/\SuccoAcido records.
 
Stats.
 
today's users
today's page view
view complete stats
BECOME A DISTRIBUTOR
SuccoAcido Social.